Io ce l'ho fatta, e tu cosa aspetti?

Alessia

Da Parma in Honduras per un anno

Una sfida. Così è nata l'idea di partire. Bisogna sempre porsi delle sfide nella vita. Quelle cose che se vanno male ti regalano esperienza e che se vanno bene... beh se vanno bene ti regalano, come in questo caso, un anno di vita bellissima. Una di quelle cose di cui andrai sempre fiera.

Indossare l'uniforme per andare a scuola.
Parlare con i tuoi compagni di classe ed i professori e sentirti come a casa.
Comprare un vestito lungo per la prom.
"Imbucarti" alla festa di una quinceañera e vedere tutte quelle tradizioni tramandate da madre a figlia.
Partecipare al "desfile" per il giorno dell'indipendenza e vedere negli occhi degli hondureñi un orgoglio indescrivibile per la loro amata patria Honduras.
Camminare per strada ed inciampare in qualche sasso perché si sa che ormai le strade acciottolate non sono molto comode su cui camminare.
Vedere bambini giocare per strada a calcio e quelle vecchiette sedute sul marciapiede che li guardano e con le loro ceste vendono la frutta della stagione.
Mangiare la baleada, ma anche quella buonissima frutta tropicale che noi solo possiamo sognare.
Dal mango all'ananas, dai licha ai nance, dal maracuya all'avocado
.

E poi ci sono quei traguardi che ti fanno veramente pensare:"Ce l'ho fatta, sono fiera di me"A partire dalle cose piccole: quando senti parlare una persona anziana mentre parla in un dialetto tutto suo e finalmente la riesci a capire, quando inizi a sognare e pensare in una lingua che non è la tua ma presto lo diventerà, quando prepari finalmente un piatto tipico italiano e ti dicono: "Questa è la vera cucina italiana? Mi porti con te?"O quando alla fine della tua esperienza qualcuno magari viene da te, ti abbraccia e ti dice:"Non andare via, resta qui con me"E tu glielo dirai, mi piacerebbe restare qui con te, ed è vero. Perché quando parti, quando fai questa esperienza, che tu voglia o no, una parte di te ci resterà sempre. E allora torni a quella che prima chiamavi casa, ma con un'altra casa, un'altra famiglia, molti altri amici ed una nuova vita.

E allora lo dici: Ce l'ho fatta, sono fiera di me.

Alessia

Da Parma in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio anno dominicano

    Buongiorno a tutti, vorrei iniziare citando la frase che mi ha fatto andare avanti in questi undici mesi: "Tutto ciò che vogliamo sta dall'altra parte della paura". E si, sto parlando proprio di paura perché, sinceramente, chi...

    Linda

    Da Verona in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    La mia scuola in Repubblica Dominicana

    Da dove cominciare... Sveglia presto, ci si infila l'uniforme e alle 7 si parte, perché alle 7.15 la campanella suona e il professore inizia un appello interminabile, che in tutto comprende 39 persone.39 ragazzi che però il lunedì...

    Anna

    Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Transizione

    In questo momento un treno ad alta velocità mi sta conducendo a Dresda, prossima tappa della mia avventura in terra teutonica. Le ultime settimane sono state intense, ricche di emozioni, con non pochi ostacoli da superare, ma tanta carica...

    Christian

    Da Castellamare di Stabia in Germania per un anno

  • Prossima Storia

    Fate esperienze nuove

    Giugno 2015, mia madre risponde al telefono, sorride, è felice, sono in macchina di fianco a lei. Riattacca: “Jack, andrai in Irlanda!”Io, un ragazzo di 16 anni, che non sa cosa aspettarsi dell’anno che verrà. Giugno...

    Giacomo

    Da Ravenna in Irlanda per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here