L'aria che si respira in Colombia

Miriana

da Civitavecchia in Colombia per un anno

Ciao a tutti,sono Miriana e scrivo dalla Colombia, più precisamente da una città chiamata Popayan. Quando mi sono lanciata in questa avventura ero sicura che sarebbe stato qualcosa di molto diverso, ma forse non pensavo fino a questo punto.

Qui la vita è completamente diversa, è tutto molto libero, senza troppi orari, senza stress, è una vita comoda, dove se vuoi fare una cosa la fai e se non la vuoi fare non la fai.
La gente è molto allegra, infatti da quando sono qui non mi è mai capitato di vedere qualcuno giù di morale, la gente trasmette allegria e voglia di vivere e questa è la cosa che mi piace di più. La famiglia in Colombia è qualcosa di molto importante, infatti le feste (che siano di compleanno, Natale, capodanno o qualunque evento) sono passate obbligatoriamente con la famiglia.
  • Natale in Colombia
  • In Amazzonia, scoprendo le comunità locali
  • La città di Silvia
  • La colazione
  • Un fine settimana a Cali con la compagna di viaggio italiana

Cibo, viaggi e cultura

Una cosa che mi ha colpito moltissimo è il cibo, me ne sono innamorata sin da subito, all'inizio è stato strano abituarsi alle loro usanze, come quella di bere sempre e solo succo a pranzo o a cena, o come fare una colazione salata formata necessariamente da almeno due uova al giorno.
In Colombia il momento del pranzo è un momento in cui quasi tutte le famiglie si siedono a tavola e mangiano con tranquillità, chiacchierano e si godono il proprio pasto, a differenza della cena che è quasi del tutto inesistente, ovvero ogni membro della famiglia apre il frigo e mangia ciò che vuole quando vuole.

Inoltre, ciò che mi affascina della Colombia sono anche i paesaggi, tutto questo verde, l'aria che si respira, a volte diventa così naturale che neanche ci faccio caso, ma se poi mi fermo a pensare è tutto così straordinario.

Sono stata in Amazzonia e forse questo è stato un sogno che si avvera, perché è un posto così differente che non può che lasciarti a bocca aperta: vedere delfini rosa, abbracciare scimmie, vedere coccodrilli e immergersi nella foresta in piena notte sono cose che non capitano tutti i giorni. Voglio e devo visitare molto altro ancora, ma per ora posso solo dire grazie a questo Paese per ciò che mi sta regalando.

Miriana

da Civitavecchia in Colombia per un anno

  • Prossima Storia

    Semplicemente diverso

    Pensi sia meglio la scuola in Germania o in Italia? Quest’anno mi ha insegnato tanto e una delle cose che ho capito è che non bisogna sempre classificare:giusto o sbagliato, migliore o peggiore… è semplicemente diverso;...

    Maria

    Da Lecce in Germania per un anno

  • Prossima Storia

    Terra chiama spazio

    L’astronauta Samantha Cristoforetti (ed ex studente di Intercultura) “chiama” i 100 giovanissimi studenti stranieri di tutto il mondo appena giunti in Italia con un programma semestrale della Onlus. Cos’hanno in comune...

    Samantha Cristoforetti

    Astronauta dell'ESA e con Intercultura nel 1994/95

  • Prossima Storia

    Estratti di cultura giapponese

    Prima di iniziare, mi sembra doveroso chiarire che chi svolge un programma annuale in Giappone può avere tante opinioni sul proprio paese ospitante, ma nessuna di quelle sarà giusta o sbagliata. È naturale che, dopo sei...

    Matteo

    Da Torino in Giappone per un anno

  • Prossima Storia

    Il Ghana: la mia palestra di vita

    Prima della partenza tutti, parenti, amici e conoscenti, mi chiedevano i motivi della scelta di un Paese quale il Ghana e la mia risposta era: "È un Paese che mi attira, mi affascina”; così era... ma dovevo ancora scoprire...

    Pietro

    da Como in Ghana per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here