La bellezza della vita

Edoardo

Da Parma in Bolivia per un anno

La scuola come organizzazione è molto simile a quella Italiana, ma è molto meglio in termini di eventi, feste e sport!


Sta più vicino agli studenti e ci dà molto attività da svolgere. La prossima settimana c'è un evento chiamato bolmun, i ragazzi diventano per una settimana presidenti di uno Stato e devono cercare di risolvere i problemi del proprio Paese (come una simulazione dell'Onu) e chi lo fa meglio vince. Verranno ragazzi da tutta la Bolivia alla mia scuola per partecipare.

Da quando sono qui ho capito quanto sono importanti per me i miei amici e la mia famiglia
Gli insegnanti sono molto simili a quelli italiani, ci sono quelli buoni e quelli cattivi, quelli che sanno insegnare e quelli che non lo sanno fare. Al quarto anno si può decidere se seguire l'indirizzo umanistico o scientifico. Non ci sono altri indirizzi fino all'università! La classe in generale è numerosissima: ho ben 42 compagni di classe, cosa impensabile in Italia! Mi trovo benissimo con loro e mi sono ambientato molto bene.

Il senso del tempo? Dipende da persona a persona, c’è chi arriva puntuale e chi ti può far aspettare mezz'ora. Per fortuna pochi dei miei amici arrivano in ritardo di dieci minuti, gli altri sono puntuali. Mia mamma ospitante è qualcosa di allucinante, se devo andare da qualche parte con lei sono sempre, sempre in ritardo. La puntualità è molto soggettiva ed infatti ancora non so se devo arrivare puntuale o tardare un poco ad un appuntamento per non aspettare mezz'ora da solo. Nonostante ciò, per gli appuntamenti di lavoro o di scuola sono tutti molto puntuali.

Al mattino, quando il sole sorge e vedo i suoi raggi che trafiggono le montagne, capisco che cos'è la felicità e la bellezza della vita

I primi giorni volevo tornare a casa con tutte le mie forze (stavo molto male per l'altitudine ed in più nell'hotel non c'era il riscaldamento! Cosa che mi sorprese molto, poi ho notato che quasi dappertutto è così, dunque mi sono adattato) e continuavo a chiedermi: "perché sono qui? "

Ora è tutto cambiato e sono felice.

Al mattino, quando il sole sorge e vedo i suoi raggi che trafiggono le montagne, capisco che cos'è la felicità e la bellezza della vita: è straordinario pensare a tutte le cose che ci sono da vedere ed imparare! Oppure al tramonto, quando le nuvole cadono e salgono le stelle insieme ai brividi, allora penso: “cosa posso chiedere di meglio?”

Da quando sono qui ho capito quanto sono importanti per me i miei amici e la mia famiglia, ora rivedo tutto, tutti quei piccoli gesti, tutti quei ricordi, che sono anche la forza che mi manda avanti.

Edoardo

Da Parma in Bolivia per un anno

  • Prossima Storia

    Dalla cucina alla calligrafia: immagini dal mio anno in Cina

    Veronica ci racconta, attraverso le immagini, il suo anno in Cina, tra lo studio del cinese e il tempo libero!Foto 1La mia scuola è solo una tra le decine di istituti che si trovano a Jiujiang 九江, città considerata "piccola" dai...

    Veronica

    Da L'Aquila in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    La forza della gentilezza

    A distanza di quasi 5 mesi da quando ho messo piede sul territorio tailandese, ripenso agli incontri di selezione, alla Laura, alla speranza e a tutte le emozioni che provavo prima di partire. A volte mi sembra ancora incredibile, mi fermo e...

    Catalina

    Da Ravenna in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    Terra chiama spazio

    L’astronauta Samantha Cristoforetti (ed ex studente di Intercultura) “chiama” i 100 giovanissimi studenti stranieri di tutto il mondo appena giunti in Italia con un programma semestrale della Onlus. Cos’hanno in comune...

    Samantha Cristoforetti

    Astronauta dell'ESA e con Intercultura nel 1994/95

  • Prossima Storia

    Un'esperienza molto utile per il mio lavoro

    Fra i molti nomi trentini nella lista degli ex borsisti di Intercultura, c‘è anche quello della giornalista trentina Maria Concetta Mattei, partita alla volta degli Stati Uniti per il quarto anno di scuola superiore. Mattei, quali...

    Maria Concetta Mattei

    Giornalista televisiva, con Intercultura nel 1974/75

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here