La gentilezza degli indonesiani

Rebecca

Da Udine in Indonesia per un anno

Sono felice di raccontarvi com'è la vita qui. Innanzitutto la cosa che più mi ha colpita è stata la gentilezza con cui tutte le persone mi trattano: solo perché sono straniera mi riservano un trattamento speciale!
In famiglia mi trovo molto bene, mi fanno mangiare e bere tantissimo, anche quando sono sazia, perciò ho avuto modo di assaggiare molti piatti tipici...amano lo speziato. Mangiano chili di riso, colazione, pranzo e cena e lo cucinano in tantissimi modi diversi, accompagnandolo con pollo o pesce. Per ora della lingua so solo dire le cose essenziali, ma la sto studiando e spero di impararla il prima possibile perché qui non tutti sanno l’inglese. La scuola è molto diversa da quella italiana. Qui, dal mio punto di vista, non viene presa tanto seriamente: ogni tanto i professori non vengono in classe senza preavviso. Per esempio, la settimana scorsa si doveva fare una verifica d'inglese (che avrei fatto anche io) e la professoressa non si è presentata. Tutti i ragazzi erano tranquillissimi e io, convinta che potesse arrivare da un momento all'altro, ero l'unica in ansia che ripassava tutti i tempi. In classe siamo in 36 ragazzi, tantissimi rispetto alla classe in Italia, di 17.

Un'altra differenza che ho riscontrato tra la scuola di qui e quella italiana è che in Italia tutte le materie sono da studiare, niente lavori manuali o cose del genere. Qui abbiamo fatto sculture nel sapone e la settimana scorsa ci siamo truccati. L'ho trovato molto divertente. Inoltre studio giapponese e niente filosofia. E ci sono molte ore per la religione (4 a settimana, se non sbaglio).
Un'altra differenza che ho riscontrato tra la scuola di qui e quella italiana è che in Italia tutte le materie sono da studiare, niente lavori manuali o cose del genere. Qui abbiamo fatto sculture nel sapone e la settimana scorsa ci siamo truccati.

Rebecca

Da Udine in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    La mia esperienza in Belgio

    Mi chiamo Alice e ho 17 anni, quasi 18. Sto facendo un anno all’estero, precisamente in Belgio, parte fiamminga, e vorrei raccontare un po’ di quello che si prova ad essere nei miei panni. Vorrei cominciare dicendo che per quanto...

    Alice

    Da Viterbo in Belgio per un anno

  • Prossima Storia

    Un inizio incoraggiante

    Dopo 15 ore di volo, che sotto alcuni aspetti sono passate in fretta, mi trovo finalmente in Brasile.Sono ancora sotto 'shock' - uno 'shock' stupendo. Quest'anno di preparazione è volato e da un momento all'altro sono ad oltre 9.000 chilometri...

    Davide

    Da Matera in Brasile per un anno

  • Prossima Storia

    Emozioni indescrivibili e indimenticabili

    A distanza di 2 anni dal mio ritorno, l’anno che ho vissuto in Brasile continua a rimanere un ricordo indelebile che difficilmente potrà cancellarsi. Quando ripenso a tutto ciò che ho vissuto e ho provato durante quel periodo,...

    Alessandra

    Da Pordenone in Brasile per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio Natale a Bali

    Scrivo queste parole da un pullman di ritorno da Bali, dove ho passato gli ultimi quattro giorni con una temperatura costante attorno ai 28°C. Natale si avvicina e mi sento fortunata perché, vivendo in una famiglia cattolica, potrò...

    Viola

    Da Alessandria in Indonesia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here