La mia nuova casa

Andrej

Da Torino in Austria per un anno

Ciao! Sono Andrej e sto trascorrendo il mio anno in Austria, grazie a una borsa di studio parziale offerta dalla Fondazione CRT Torino, che ringrazio per l’opportunità che mi ha offerto.

Sto scrivendo dalla mia nuova casa, precisamente dalla mia nuova camera. A volte sembra strano chiamare "casa" quel luogo a te nuovo, quel luogo che all'inizio ti sembrava così estraneo, in cui nulla assomigliava alla casa in cui hai vissuto per sedici anni e le persone che incontri la mattina non sono quel
signore e quella signora che hai chiamato papà e mamma per tanto tempo.

Ora, dopo un mese, mi sento veramente a casa, mi sento in famiglia, ho una nuova mamma, un nuovo papà e 3 fratelli, che se anche mi fanno disperare, mi stanno facendo vivere quella parte di vita che forse non avrei mai vissuto, essendo figlio unico.

All'inizio non è stato tutto facile ed immediato, anzi, tutto sembrava così lento e difficile e spesso mi chiedevo "ma chi me lo ha fatto fare?". Era strano perché la mattina, per colazione, al posto delle fette biscottate con la marmellata trovavo pane, burro e prosciutto. È ancora strano quando arriva gente a casa e tutti si tolgono le scarpe (cosa che avviene regolarmente anche a scuola). Tante differenze (qui si cena alle 17:30!) che però ora non sono più differenze, ma sono la mia realtà da un mese e otto giorni.

A volte sembra strano chiamare "casa" quel luogo a te nuovo, quel luogo che all'inizio ti sembrava così estraneo

Vivo a 20 minuti di tram dal centro della capitale dell'Austria, Vienna, e ho due fratelli, Lukas e Simon, una sorella, Theresa, che insieme a mamma Maria e papà Fredrich (per gli amici Fritz) mi hanno accolto nella loro casa come un figlio. Ogni giorno è una sorpresa, infatti mi sento come se fossi un bambino alla scoperta del mondo, curioso e voglioso di imparare la lingua; una lingua che, in alcuni momenti, può sembrare un ostacolo, ma ad ogni parola nuova che imparo mi dà la sensazione di aver vinto una medaglia d'oro alle Olimpiadi!

Qui in Austria all'inizio le persone non ti saltano addosso, tutt'altro, devi essere proprio tu a farti avanti! Ma appena incominci a conoscerle sono un po' come noi italiani, caldi e chiacchieroni. La mia scuola è davvero bella e noi studenti siamo circa ottocento: ottocento anime che la mattina vagano nei corridoi alla ricerca dell'aula (cambiamo aula ogni ora), le stesse ottocento anime che cercano di aprire l'armadietto a volte stracolmo di libri. In effetti ricorda molto le scuola americane, anche se con una differenza: si sta scalzi a scuola per una questione di igiene, credo! I compagni sono molto curiosi e io personalmente non faccio nulla per non farmi notare.... dopo tutto sono uno studente di scambio!

Ogni giorno mi ripeto che non avrei potuto fare una scelta migliore, scegliere di fare questa esperienza mi ha reso fiero di me stesso. Mi ripeto sempre che posso farcela anche perché sto conoscendo molte persone che ormai posso chiamare AMICI.

Andrej

Da Torino in Austria per un anno

  • Prossima Storia

    Una libertà tutta al femminile

    “Molto spesso trascorriamo la nostra vita chiusi in una bolla; una bolla rappresentata dal nostro paese, dalla nostra cultura, dalle nostre idee e dalle persone che ci circondano.” Questo è quello che i volontari AFS ci hanno...

    Michela

    Da Ragusa in Germania per un anno

  • Prossima Storia

    In ogni angolo un pezzo di storia

    La cosa che penso mi abbia colpito di più qui in Bosnia è la diversità. In ogni momento si possono vedere e vivere situazioni completamente diverse fra loro. Camminando per le vie di Sarajevo è perfettamente percepibile...

    Paola

    Da Piacenza in Bosnia per un anno

  • Prossima Storia

    Malesia: una terra, tre (e più) religioni

    Il Ganesha Chaturti è una festa induista che si celebra ad agosto o settembre, in base al calendario lunare indù. La festività è dedicata al dio Ganesha, uno dei più venerati e durate la giornata si svolgono...

    Daniele

    Da Savona in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    Frenesia e tranquillità

    Apro gli occhi e trovo grattacieli, li chiudo e trovo templi. La città opposta alla tranquillità, il traffico opposto al silenzio. Credo sia il modo migliore per descrivere Hong Kong. Frenesia contro relax. Vivo qui da più...

    Claudia

    Da Trani a Hong Kong per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here