La mia nuova casa

Andrej

Da Torino in Austria per un anno

Ciao! Sono Andrej e sto trascorrendo il mio anno in Austria, grazie a una borsa di studio parziale offerta dalla Fondazione CRT Torino, che ringrazio per l’opportunità che mi ha offerto.

Sto scrivendo dalla mia nuova casa, precisamente dalla mia nuova camera. A volte sembra strano chiamare "casa" quel luogo a te nuovo, quel luogo che all'inizio ti sembrava così estraneo, in cui nulla assomigliava alla casa in cui hai vissuto per sedici anni e le persone che incontri la mattina non sono quel
signore e quella signora che hai chiamato papà e mamma per tanto tempo.

Ora, dopo un mese, mi sento veramente a casa, mi sento in famiglia, ho una nuova mamma, un nuovo papà e 3 fratelli, che se anche mi fanno disperare, mi stanno facendo vivere quella parte di vita che forse non avrei mai vissuto, essendo figlio unico.

All'inizio non è stato tutto facile ed immediato, anzi, tutto sembrava così lento e difficile e spesso mi chiedevo "ma chi me lo ha fatto fare?". Era strano perché la mattina, per colazione, al posto delle fette biscottate con la marmellata trovavo pane, burro e prosciutto. È ancora strano quando arriva gente a casa e tutti si tolgono le scarpe (cosa che avviene regolarmente anche a scuola). Tante differenze (qui si cena alle 17:30!) che però ora non sono più differenze, ma sono la mia realtà da un mese e otto giorni.

A volte sembra strano chiamare "casa" quel luogo a te nuovo, quel luogo che all'inizio ti sembrava così estraneo

Vivo a 20 minuti di tram dal centro della capitale dell'Austria, Vienna, e ho due fratelli, Lukas e Simon, una sorella, Theresa, che insieme a mamma Maria e papà Fredrich (per gli amici Fritz) mi hanno accolto nella loro casa come un figlio. Ogni giorno è una sorpresa, infatti mi sento come se fossi un bambino alla scoperta del mondo, curioso e voglioso di imparare la lingua; una lingua che, in alcuni momenti, può sembrare un ostacolo, ma ad ogni parola nuova che imparo mi dà la sensazione di aver vinto una medaglia d'oro alle Olimpiadi!

Qui in Austria all'inizio le persone non ti saltano addosso, tutt'altro, devi essere proprio tu a farti avanti! Ma appena incominci a conoscerle sono un po' come noi italiani, caldi e chiacchieroni. La mia scuola è davvero bella e noi studenti siamo circa ottocento: ottocento anime che la mattina vagano nei corridoi alla ricerca dell'aula (cambiamo aula ogni ora), le stesse ottocento anime che cercano di aprire l'armadietto a volte stracolmo di libri. In effetti ricorda molto le scuola americane, anche se con una differenza: si sta scalzi a scuola per una questione di igiene, credo! I compagni sono molto curiosi e io personalmente non faccio nulla per non farmi notare.... dopo tutto sono uno studente di scambio!

Ogni giorno mi ripeto che non avrei potuto fare una scelta migliore, scegliere di fare questa esperienza mi ha reso fiero di me stesso. Mi ripeto sempre che posso farcela anche perché sto conoscendo molte persone che ormai posso chiamare AMICI.

Andrej

Da Torino in Austria per un anno

  • Prossima Storia

    La suggestione del disordinario

    Il pane caldo, l'aroma del mate e la felicità di affrontare un lunedì che non è più talmente tragico come una volta. Si apre così il mio ventitreesimo giorno in quel di Puerto Vilelas, un piccolo, ma suggestivo...

    Leonardo

    Da Latina in Argentina per sei mesi

  • Prossima Storia

    Il primo di tanti giorni emozionanti

    Tutta la scuola o, come si dice qui, "il collegio", sapeva del mio arrivo, dal preside agli inservienti, dai professori agli alunni e perfino le suore che sono a capo dell'istituto.Il primo giorno entrai con la mia mamma come una bambina impaurita,...

    Francesca

    Da Biella in Cile per un anno

  • Prossima Storia

    Lettera all'Argentina

    Cara Argentina, Ci siamo incontrate circa undici mesi fa e tra un po’ ci dovremmo lasciare, non so per quanto pero’ è ciò che dobbiamo fare. Eh sí, è passato quasi un anno... non te ne sei accorta? Beh,...

    Sabiana

    Da Siracusa in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Fate esperienze nuove

    Giugno 2015, mia madre risponde al telefono, sorride, è felice, sono in macchina di fianco a lei. Riattacca: “Jack, andrai in Irlanda!”Io, un ragazzo di 16 anni, che non sa cosa aspettarsi dell’anno che verrà. Giugno...

    Giacomo

    Da Ravenna in Irlanda per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here