La mia scuola in Russia

Marina

Da Catania in Russia per un anno

Ciao! Mi chiamo Marina e vi scrivo dalla città di Krasnodar, in Russia. Mi sto trovando davvero bene nella mia città, con i miei amici e la mia famiglia! Sono tutti molto disponibili ad aiutarmi in caso di difficoltà, bisogno di traduzioni e cose varie. Con la lingua pian piano mi sto adattando, ogni giorno si migliora, anche se solo per poche parole. Ma fidatevi che all'inizio sono la cosa più importante e difficile.
La scuola qua non è come quella italiana. Il primo giorno c'è una festa strepitosa in cui si canta, si balla, si recita e quant'altro! Poi qua si ha l'obbligo di indossare l'uniforme (pantalone o gonna neri e camicia o maglia bianche) e, almeno nella mia scuola, preferiscono che le ragazze tengano i capelli legati. In più si ha l'obbligo di cambiare le scarpe appena si entra a scuola, nella sala d'ingresso. Per quanto riguarda le lezioni, sono completamente diverse: la lezione dura in media 40 minuti e i rimanenti 20 sono di pausa, per dare il tempo di cambiare aula (perché qua non sono i professori che si spostano ma gli alunni a cambiare aula alla fine di ogni lezione) e di riposarsi o ripassare la materia successiva.
Il primo giorno di scuola c'è una festa strepitosa in cui si canta, si balla, si recita e quant'altro!

  • In giro per Sochi, dove si sono tenute le Olimpiadi invernali nel 2014
  • Con il fratellino e la sorella ospitanti
  • Con i ragazzi di AFS a Mosca
  • Marina e la sorella
  • Scalando una montagna a Sochi

Tante esperienze per Marina in Russia!

Io mi sto trovando molto bene, i miei compagni di classe sono simpatici e super disponibili ad aiutarmi ed insegnarmi ciò che non so. Sono molto felice per questo! Non tutti i miei professori mi conoscono ancora, dato che per me è il secondo giorno di scuola. Tendenzialmente fanno lezione come fossi un'alunna russa, infatti non capisco nulla... La mia professoressa di letteratura russa invece è del tutto disponibile e mi aiuta e mi lascia aiutare dai miei compagni senza problemi quando ne no bisogno. Non ho ancora molto da raccontare, per questa settimana seguirò la mia classe in ogni sua lezione, dalla prossima deciderò a cosa dedicarmi per il resto dell'anno.
Un caloroso abbraccio dalla Russia!

Marina

Da Catania in Russia per un anno

  • Prossima Storia

    Lasciarsi alle spalle le proprie paure

    Ho passato un bel po’ di tempo pensando a cosa potessi scrivere per evidenziare un solo mio cambiamento dovuto a questa esperienza, ma la verità è che è totalmente impossibile scegliere. Questa esperienza è...

    Claudia

    Da Bari in Norvegia per un anno

  • Prossima Storia

    Jeg snekker litt norsk... Litt...
    Parlo un po' di norvegese... un po'...

    Sto studiando norvegese nelle ore di buco a scuola perché ne ho 5 a settimana... E ovviamente anche a casa! Devo impararlo il prima possibile se voglio che i miei compagni di classe mi parlino e mi prendano in considerazione! Purtroppo...

    Sofia

    Da Mantova in Norvegia per un anno

  • Prossima Storia

    Io ci sono stato!

    Lo scorso anno 21 adolescenti delle zone colpite dal terremoto hanno potuto beneficiare di una borsa di studio per poter trascorrere un mese all’estero con un programma di Intercultura. Di seguito tre testimonianze sui benefici dell’esperienza...

    Mauricio, Veronica e Chaima

    In Galles ed Irlanda per un'estate con Intercultura

  • Prossima Storia

    Lo scopo del viaggiare

    Lo scopo del viaggiatore è conoscere se stesso. Conoscersi, conoscendo altre culture, guardando con occhi nuovi le cose più semplici e banali (la pioggia che cade, i sorrisi spontanei). Sono inevitabilmente le cose più semplici...

    Francesco

    Da Sanremo in Costa Rica per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here