La mia seconda casa

Camilla

Da Torino ad Hong Kong per un anno

Ho sempre delle difficoltà a scrivere una storia riguardo alla mia esperienza qui ad Hong Kong: troppi fatti da raccontare, troppi bei posti da descrivere e soprattutto troppi pensieri in testa. Vorrei avere una videocamera che registrasse ogni momento della mia vita qui, con tutti i meravigliosi ma anche i brutti ricordi.

Per iniziare, devo dire che Hong Kong è completamente diversa dalla mia piccola e tranquilla Torino. Mi sono ritrovata in una città moderna, con grattacieli, strade sempre affollate e centri commerciali ad ogni angolo. Ma vivere qui mi ha fatto capire che può offrire molto di più! Colline con paesaggi da restare senza fiato hanno sentieri per fare delle lunghe passeggiate, le spiagge mi permettono di rilassarmi con i miei amici, i parchi di divertimento dicono già tutto di per sé, campi di atletica pubblici e piste lungo il mare mi offrono la possibilità di allenarmi e allo stesso tempo di ammirare tutto quello che mi circonda, e infine il cibo delizioso che al solo pensiero mi fa venire l’acquolina in bocca. Il primo impatto in questa società così movimentata mi ha un po’ disorientata. Non capivo le regole poste dalla scuola, o perché la gente nella metropolitana si affollava per entrare nei treni per poi camminare tranquilla sul punto di scendere e dirigersi verso l’uscita. O ancora, perché la maggior parte degli abitanti di Hong Kong non usa la macchina e nonostante ciò, c’è sempre traffico, chi usa le macchine?

Ovviamente ancora oggi non so rispondere a queste domande, semplicemente mi sono adattata a questo stile di vita. Infatti si è fatto forte il mio desiderio di conoscere questa cultura, che in un certo senso è anche la cultura della mia famiglia naturale, essendo mio padre cinese. E dunque ho potuto affrontare i miei problemi in modo abbastanza ottimistico.
Il primo impatto in questa società così movimentata mi ha un po’ disorientata. Non capivo le regole poste dalla scuola, o perché la gente nella metropolitana si affollava per entrare nei treni per poi camminare tranquilla sul punto di scendere e dirigersi verso l’uscita

Dopo un mese ho iniziato a divertirmi a scuola e ora faccio parte della squadra di basketball e di English debate, riuscendo così a conoscere amici meravigliosi. Sto iniziando a capire anche un po’ di cantonese ed il mio obiettivo più grande è poterlo parlare fluentemente.

  • Il benvenuto a Camilla
  • Con le sorelle ospitanti
  • Con i bambini dello Yunnan
  • Con la famiglia ospitante
  • Gita nello Yunnan
  • L'orologio di Milano fa tic-tac!

Dal benvenuto alla gita nello Yunnan

La mia più grande fortuna è stata trovare una famiglia amorevole con cui passare il tempo. Non importa quanto possano essere impegnati, hanno sempre il tempo per sorridermi e farmi sentire amata.
Durante le vacanze di Natale ho fatto un’esperienza indimenticabile: un viaggio di volontariato nello Yunnan con mio padre ospitante (baba) e alcuni suoi amici. Per otto giorni abbiamo visitato diverse scuole primarie per dare agli studenti materiale come sciarpe e cappelli caldi e soldi alle famiglie. Abbiamo anche tenuto qualche breve corso e l’amica di mio padre ed io abbiamo insegnato loro una canzone di Natale in inglese. È stata una grande soddisfazione sentirli canticchiare mentre uscivano dalla classe. La parte migliore è stata quando ho insegnato loro qualche gioco italiano come “l’orologio di Milano fa tic tac” durante l’intervallo. Anche se non potevo parlare cinese mandarino, ci siamo divertiti e nel frattempo altri bambini curiosi ci avevano accerchiato per assistere alla scena divertente. Infine abbiamo visitato alcune famiglie povere e sono rimasta impressionata dalla loro ospitalità. È stato commovente vedere queste famiglie darci tutto quello che avevano, nonostante le loro condizioni, solamente per la gioia del fatto che eravamo andati a trovarle.

A quel punto ho realizzato di avere due case, di appartenere a due città. Non c’è niente di meglio che sentirsi a proprio agio, una volta trovato il proprio posto nel mondo

Alla fine di questo viaggio, l’amica di mio padre mi ha chiesto: ”Ti manca casa?” E a questa improvvisa domanda ho risposto: “Quale casa?”. A quel punto ho realizzato di avere due case, di appartenere a due città. Non c’è niente di meglio che sentirsi a proprio agio, una volta trovato il proprio posto nel mondo.

Mi sono innamorata di questa città piena di gioia, con i suoi mercati dove posso imparare il cantonese parlando con la gente locale e con le sue festività nelle quali posso gustare cibi tradizionali e sperimentare la vivacità delle famiglie cinesi che amano giocare a Mahjong e al lotto, che cantano e ballano in pubblico senza vergogna e che mangiano piacevolmente insieme riuniti intorno ad una tavola rotonda.

Ora posso dire di avere due famiglie e due posti che posso chiamare casa. Sono diversi, ma entrambi indubbiamente bellissimi e speciali a loro modo.

Camilla

Da Torino ad Hong Kong per un anno

  • Prossima Storia

    La mia grossa grassa famiglia interculturale

    Noemi ci racconta la sua esperienza in Bolivia attraverso le immagini!Foto 1Il giorno in cui con tanta leggerezza salutai la mia famiglia:“Dai su che ci rivediamo tra un annetto!”.Foto 2Era la prima volta che cucinavo per la mia...

    Genoveva Noemi

    Da Roma in Bolivia per un anno

  • Prossima Storia

    Non si tratta solo di conoscere

    Apparentemente l'Austria può sembrare un Paese anonimo per chi non lo conosce, e poiché si parla il tedesco può sembrare che culturalmente sia più simile alla Germania.

    Sophie

    Da Roma in Austria per un semestre

  • Prossima Storia

    Lo scopo del viaggiare

    Lo scopo del viaggiatore è conoscere se stesso. Conoscersi, conoscendo altre culture, guardando con occhi nuovi le cose più semplici e banali (la pioggia che cade, i sorrisi spontanei). Sono inevitabilmente le cose più semplici...

    Francesco

    Da Sanremo in Costa Rica per un anno

  • Prossima Storia

    Buttarsi nell'oceano partendo per l'Ungheria

    Noemi ci racconta la sua esperienza in Ungheria!Come sarà la scuola in questo Paese? E la lingua? Cosa farà Noemi nel dopo scuola? E come è riuscita a farsi degli amici? Scopritelo guardando il video qui sotto!

    Noemi

    Da Messina in Ungheria per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here