La terra dai mille volti

Valentina

Da Imperia in Indonesia per un anno

L’Indonesia è stata una sorpresa e una sfida continua, ricordo ancora lo shock di quando ho letto i risultati di Intercultura. Fino a pochi mesi prima quasi non sapevo della sua esistenza e invece venni a sapere che ci sarei andata a vivere per un anno!

È stato un tuffo nel vuoto più completo, in una cultura e uno stile di vita lontani anni luce dal mio, eppure si è dimostrata la scelta migliore di sempre.
La parola che credo descriva meglio questo bellissimo paese è “Varietà”. In Indonesia, non ho scoperto solo una cultura ma un insieme di culture: religioni, tradizioni, lingue e cibi che vivono insieme in perfetta armonia.

Ogni singola isola è diversa e ha uno o più “bahasa” che possono variare da un semplice accento o cadenza nel parlare fino a diventare una lingua completamente diversa (ma non preoccupatevi la maggioranza delle persone vi parleranno in Indonesiano magari solo con accento tipico rendendo l’ascolto molto divertente).
La parola che credo descriva meglio questo bellissimo paese è "Varietà"Solo nella mia isola, Sulawesi, abbiamo quattro gruppi etnici diversi: Bugis, Makassar, Toraja e Mandar. Ogni gruppo etnico ha le sue danze tradizionali, cibi (il riso ovviamente non manca mai), costumi tradizionali dai colori vivaci, adornati da diversi tipi di gioielli o corone, e in alcuni casi diverse religioni. Il gruppo etnico dei Toraja, ad esempio, è di maggioranza Cristiana protestante, mentre gli altri sono a maggioranza musulmana.

  • selfie gruppo classe
  • visita elefanti
  • foto di classe
  • Valentina e famiglia

Il cuore dell'Indonesia negli scatti di Valentina

Non si può infatti non parlare di Indonesia senza parlare di religione, la religione è ovunque, è parte integrante della persona e della vita.
È bellissimo vedere come tante religioni, Musulmana, Cattolica, Protestante, Induista, Buddista e altre minoranze convivano insieme e si rispettino a vicenda, sono stata fortunata a poter vedere i loro magnifici templi e imparare su ognuna di esse in un unico Paese.

L’Indonesia per me è stato come scoprire tanti piccoli mondi diversi e imparare da ognuno di essi, con un'unica costante: persone gentili, sorridenti e sempre disposte ad aiutarmi.
Non è sempre tutto facile, anzi, credo che sia uno dei Paesi che ti da più prove in assoluto da superare, ma ogni piccola vittoria e momento vissuto ha un valore ineguagliabile.

L’Indonesia ha cambiato il mio modo di pensare e vedere il mondo, e non potrei esserne più felice, per questo non cambierei nulla di questa incredibile esperienza.
L’Indonesia ha cambiato il mio modo di pensare e vedere il mondo, e non potrei esserne più felice, per questo non cambierei nulla di questa incredibile esperienza

Valentina

Da Imperia in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Un tuffo nella scuola cinese

    Sono Matteo, uno studente bergamasco, e quest'anno grazie al progetto di Intercultura sto frequentando il quarto anno di liceo in Cina, a Pechino. Sono nella capitale cinese da quasi sette mesi durante i quali ho vissuto esperienze insolite...

    Matteo

    Da Bergamo in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Ringraziare in un Paese ex-sovietico

    La religione è da sempre fortemente correlata alla cultura e alla peculiarità di ogni popolo. Non si tratta solo di abitudini o rituali, bensì di una continua presenza di un'influenza nel quotidiano: ogni atto, nel nome...

    Guido, da Bari per un'estate in Lettonia

    Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

  • Prossima Storia

    Alla scoperta della tranquillità

    Sono nato in Sicilia, che è conosciuta per la tranquillità e rilassamento con cui le persone svolgono le loro attività. Prima di venire qui in Honduras pensavo fosse difficile che esistesse un popolo che ci superasse. Ebbene,...

    Alessandro

    Da Augusta in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Il Brasile: un mix di cibo e culture

    Spiagge, carnevale, samba e calcio… Sono queste le prime parole che vengono in mente se si parla del Brasile! Ma com’è realmente il Brasile? Mi chiamo Andrea, ho 17 anni, e sono da otto mesi in Brasile con il programma annuale...

    Andrea

    da Bari in Brasile per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here