La terra dai mille volti

Valentina

Da Imperia in Indonesia per un anno

L’Indonesia è stata una sorpresa e una sfida continua, ricordo ancora lo shock di quando ho letto i risultati di Intercultura. Fino a pochi mesi prima quasi non sapevo della sua esistenza e invece venni a sapere che ci sarei andata a vivere per un anno!

È stato un tuffo nel vuoto più completo, in una cultura e uno stile di vita lontani anni luce dal mio, eppure si è dimostrata la scelta migliore di sempre.
La parola che credo descriva meglio questo bellissimo paese è “Varietà”. In Indonesia, non ho scoperto solo una cultura ma un insieme di culture: religioni, tradizioni, lingue e cibi che vivono insieme in perfetta armonia.

Ogni singola isola è diversa e ha uno o più “bahasa” che possono variare da un semplice accento o cadenza nel parlare fino a diventare una lingua completamente diversa (ma non preoccupatevi la maggioranza delle persone vi parleranno in Indonesiano magari solo con accento tipico rendendo l’ascolto molto divertente).
La parola che credo descriva meglio questo bellissimo paese è "Varietà"Solo nella mia isola, Sulawesi, abbiamo quattro gruppi etnici diversi: Bugis, Makassar, Toraja e Mandar. Ogni gruppo etnico ha le sue danze tradizionali, cibi (il riso ovviamente non manca mai), costumi tradizionali dai colori vivaci, adornati da diversi tipi di gioielli o corone, e in alcuni casi diverse religioni. Il gruppo etnico dei Toraja, ad esempio, è di maggioranza Cristiana protestante, mentre gli altri sono a maggioranza musulmana.

  • selfie gruppo classe
  • visita elefanti
  • foto di classe
  • Valentina e famiglia

Il cuore dell'Indonesia negli scatti di Valentina

Non si può infatti non parlare di Indonesia senza parlare di religione, la religione è ovunque, è parte integrante della persona e della vita.
È bellissimo vedere come tante religioni, Musulmana, Cattolica, Protestante, Induista, Buddista e altre minoranze convivano insieme e si rispettino a vicenda, sono stata fortunata a poter vedere i loro magnifici templi e imparare su ognuna di esse in un unico Paese.

L’Indonesia per me è stato come scoprire tanti piccoli mondi diversi e imparare da ognuno di essi, con un'unica costante: persone gentili, sorridenti e sempre disposte ad aiutarmi.
Non è sempre tutto facile, anzi, credo che sia uno dei Paesi che ti da più prove in assoluto da superare, ma ogni piccola vittoria e momento vissuto ha un valore ineguagliabile.

L’Indonesia ha cambiato il mio modo di pensare e vedere il mondo, e non potrei esserne più felice, per questo non cambierei nulla di questa incredibile esperienza.
L’Indonesia ha cambiato il mio modo di pensare e vedere il mondo, e non potrei esserne più felice, per questo non cambierei nulla di questa incredibile esperienza

Valentina

Da Imperia in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Tra alci, magnifici laghi e foreste mozzafiato

    Il 18 agosto 2017 sono partita per la Finlandia. Precisamente a Savero, un posto sperduto che nemmeno i finlandesi conoscono. Circondata dalla campagna, dalle mucche e dalle alci, da magnifici laghi e foreste mozzafiato. Sapevo qualcosa di...

    Elvira

    Da Brindisi in Finlandia per sei mesi

  • Prossima Storia

    Nel Paese dalle molte facce, la religione è un collante

    Molweni! Goie môre! Hello everybody! Dovrei continuare fino a stasera se volessi salutarvi in tutte le lingue del Sudafrica, tante che sono.Ho avuto la fortuna di essere stato scelto per partire e vivere un anno nella bellissima Città...

    Matteo

    Da Roma in Sudafrica per un anno

  • Prossima Storia

    Una tipica giornata nella mia scuola argentina

    Una delle prime preoccupazioni che uno studente si trova ad affrontare è iniziare la scuola nel nuovo Paese. Le domande sono veramente tante: come saranno i compagni di classe? I professori? Sarà difficile studiare nuove materie?...

    Penelope

    da Civitavecchia in Argentina per sei mesi

  • Prossima Storia

    Lavoro di squadra

    Oggi è il mio primo giorno di scuola. Alle 7 dovrò già essere là, quindi la sveglia suona alle 5. Almeno per il primo giorno, non voglio essere in ritardo.Indosso la mia uniforme: il tessuto è un po' pesante,...

    Noemi

    Da Como nelle Filippine per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here