Lettonia: tradizionalmente innovativa

Alex

Da Trento in Lettonia per un anno

Sono queste le parole che userei per descrivere la Lettonia. Appena arrivi la prima cosa che ti colpisce è il peasaggio: grandi foreste verdi, laghi blu (che ti fanno venir voglia di farci un bagno), parchi e giardini curati sparsi ovunque...come in un sogno.
Riga è una città a due facce: da un lato c’è la parte storica (quella più bella e suggestiva) e dall’altra ci sono palazzi moderni. E' una città relativamente piccola se paragonata alle altre capitali, ma è una città viva.

La mia casa si trova a Balozi, paesino di 5000 abitanti situato (fortunatamente) vicino alla capitale, a circa 15 km. Devo dire che sono stato veramente fortunato, la mia famiglia è fantastica e già dai primi giorni mi sono sentito parte della comunità. Qui tutti si danno una mano e sono molto cordiali e socievoli.
Riga è una città a due facce: da un lato c’è la parte storica (quella più bella e suggestiva) e dall’altra ci sono palazzi moderni.

  • Abiti tradizionali lettoni

Mi ricordo il mio primo giorno di scuola come se fosse ieri. Era il 2 settembre e la cerimonia iniziava alle 10.30. Per i lettoni, il primo giorno di scuola è un giorno veramente particolare e speciale: tutti si vestono elegantemente (alunni, genitori e insegnanti) ed è tradizione regalare dei fiori alla propria professoressa. Ero veramente emozionato, perché in questa scuola avrei dovuto passare 10 mesi, farmi nuovi amici... e la prima impressione è importantissima! Così sono entrato in classe, ho consegnato (con un inchino) i fiori e mi sono presentato ai miei compagni di classe, provando ad esprimermi con le semplici frasi lettoni che conoscevo: "come mi chiamo", "ho ....anni", "mi piace...", tutto questo perché ai lettoni piace quando uno straniero parla la loro lingua. All'inizio erano un po' intimoriti, ma poi abbiamo iniziato a parlare, loro mi facevano domande sulla cultura italiana e col passare dei giorni siamo diventati amici.

Dopo l'introduzione dell'insegnante su ciò che riguardava l'anno scolastico (parlava lettone, quindi io non capivo, sorridevo e annuivo e basta), ci siamo riuniti tutti in palestra. Il solito saluto del preside e poi mi sono presentato un'altra volta davanti a tutti! E' stato bellissimo e credo non dimenticherò mai questo giorno.

Il primo giorno di scuola è un giorno veramente particolare e speciale

Alex

Da Trento in Lettonia per un anno

  • Prossima Storia

    Una finestra sul mondo

    Uno degli obiettivi principali della scuola è creare futuri cittadini che siano capaci di fare cose nuove, non semplicemente di valutare un ragazzo con dei numeri e ripetere quello che altre generazioni hanno fatto. La scuola ha quindi...

    Sabiana

    Da Siracusa in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Diverso, ma assolutamente non sbagliato

    Gabriele ci mostra, attraverso le fotografie, il percorso di crescita che lui e gli altri studenti AFS hanno affrontato nelle Filippine!

    Gabriele

    Da Potenza nelle Filippine per un anno

  • Prossima Storia

    Una cultura basata sullo hygge

    Quando sento nominare Intercultura mi emoziono ogni volta. A distanza di tredici anni mi sembra ancora di poter sentire il sapore della carne al barbecue; la musica anni ’80 delle feste a scuola; il profumo speziato dei dolci natalizi,...

    Arianna

    Da Trento in Danimarca per un anno

  • Prossima Storia

    La mia estate in Giappone

    Camilla ha vissuto per un mese in Giappone con Intercultura, grazie a una borsa di studio offerta da Unipol Gruppo. In questo video ci racconta la sua esperienza nel Paese del Sol Levante!

    Camilla

    Da Milano in Giappone per un'estate

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here