Lo rifarei mille volte

Eleonora

Da Treviglio in Germania per tre mesi

Un periodo di anno all’estero? L’esperienza più bella e completa in assoluto. Non solo si ha l’opportunità di vivere in una cultura diversa ma anche quella di crescere e cambiare diventandone parte.

Vivere all’estero ti permette di fare dei paragoni tra quello che si è lasciato in Italia e quello che si è scoperto di nuovo. Si raggiunge l’obbiettivo quando si riesce ad assimilare ciò che c’è di bello da entrambe le parti.
Non si smette mai di imparare quando ci si mette in gioco

A metà di questa mia esperienza non posso dire altro che sono più che soddisfatta e che lo rifarei altre cento volte se ce ne fosse la possibilità. Grazie ad Intercultura sto avendo l’opportunità di confrontarmi con ragazzi della mia età provenienti da ogni parte del mondo e così facendo di imparare ogni giorno cose che rimanendo “chiusa” in Italia non avrei mai vissuto e scoperto. Non si smette mai di imparare quando ci si mette in gioco.

Partecipare ad un programma di scambio per me significa nascere una seconda volta: nuovo Paese, nuova famiglia, nuova casa, nuovi amici. Non solo si impara una nuova lingua, ma si diventa anche più responsabili e indipendenti. Stare lontana da tutto quello che avevo in Italia mi ha permesso di capire ciò che è davvero importante. “Ci si accorge del valore delle cose solo quando le si perde” – è proprio vero!

Sono sicura che a casa non ci tornerà la persona che ero prima ma una nuova me.
Non solo si impara una nuova lingua, ma si diventa anche più responsabili e indipendenti

Il programma trimestrale è molto diverso da quello annuale, non solo per la durata ma anche per come vivi questa esperienza. Anche se dura meno non si significa che sia meno importante! Il tempo vola e le cose che vorresti fare sono tantissime…spesso non hai neanche tempo per riposarti un po’ tra scuola, amici, viaggi nelle città alla scoperta del Paese in cui si è scelto di andare.

Nel raccontare le mia esperienza vorrei soffermarmi su una degli aspetti che ritengo essere uno dei più importanti: l’impatto con una nuova cultura e una nuova società. Ammetto che, essendo in Germania, non è come poter raccontare di shock culturali che potrebbero capitare in Asia o a migliaia di chilometri da qui, ma resta il fatto che ci sono comunque grandi differenze con l’Italia (pur essendo due Paesi vicinissimi!).
Ci ritroviamo catapultati in una realtà che non ci appartiene ed è qui che esce lo spirito di adattamento che c’è in noi

La gente qui si saluta sempre stringendo la mano (anche tra parenti o grandi amici) e quello che per noi italiani sarebbe il nostro il migliore amico per loro è EIN FREUND – unico e solo! Tutti gli altri che noi comunemente chiamiamo amici sono solo “conoscenti”. Non è stato facile entrare in questa mentalità ed accettarla ma alla fine se ci si riesce significa che si è raggiunti l’obbiettivo di questa esperienza.

I ragazzi che partecipano ad un programma di scambio portano con loro una valigia apparentemente piena di cose materiali ma vuota...sta a noi riempirla! Ci ritroviamo catapultati in una realtà che non ci appartiene ed è qui che esce lo spirito di adattamento che c’è in noi. Qualsiasi nuova esperienza, bella o brutta che sia, aiuta a crescere e a tornare a casa con un qualcosa in più rispetto agli altri. Quello che mi sento di dire è questo: non ha senso bloccarsi e chiudersi in se stessi solo perché la società che ci sta intorno è diversa da quello a cui siamo abituati. Occorre allargare gli orizzonti per poter essere invasi dalle cose nuove che sono lì, pronte ad aspettarci.

Eleonora

Da Treviglio in Germania per tre mesi

  • Prossima Storia

    Una finestra sul mondo

    Uno degli obiettivi principali della scuola è creare futuri cittadini che siano capaci di fare cose nuove, non semplicemente di valutare un ragazzo con dei numeri e ripetere quello che altre generazioni hanno fatto. La scuola ha quindi...

    Sabiana

    Da Siracusa in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Un anno nel Punjab in Boardig School

    Maddalena, da Busto Arsizio nel Punjab, sta vivendo il suo anno all'estero in una scuola internazionale. In questa intervista ci racconta la sua esperienza.D. Perché hai deciso di trascorrere l’anno all’estero?R. Ho deciso...

    Maddalena

    Da Legnano in India per un anno

  • Prossima Storia

    DAN ITALIJE, una Giornata italiana in Serbia

    Myriam è una solare ragazza di Gravina (BA). Come altri suoi coetanei, l’anno scorso anche lei ha affrontato le selezioni di Intercultura, vinto una borsa di studio, e soprattutto deciso di cambiare la sua routine quotidiana, sperimentando...

    I volontari di Irsina

    raccontando di Myriam, per un anno in Serbia

  • Prossima Storia

    La mia scuola in Repubblica Dominicana

    Da dove cominciare... Sveglia presto, ci si infila l'uniforme e alle 7 si parte, perché alle 7.15 la campanella suona e il professore inizia un appello interminabile, che in tutto comprende 39 persone.39 ragazzi che però il lunedì...

    Anna

    Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here