Lo studente di Intercultura è…

Chiara

Da Verona in Russia per un anno

Lo studente di Intercultura non è un ragazzo o una ragazza, non è una nazionalità (né di provenienza né d'arrivo), non è un'età e non è nemmeno un nome.Lo studente di Intercultura è un misto di emozioni, brividi, lacrime, risate e preoccupazioni con sembianze umane.
Lo studente di Intercultura non parla, comunica.
Non guarda, osserva.
Non si mette in gioco, è in gioco in tutto e per tutto.
Non pensa, ragiona.
Lo studente di Intercultura ogni mattina si alza grato e sorridente, si prepara accuratamente per dare agli altri la migliore impressione di sé; ma allo stesso tempo nella sua testa sa che da quella giornata deve aspettarsi solo il peggio.
Infatti il suo motto è: "Expect nothing and appreciate everything".
Lo studente di Intercultura prima di partire non capiva perché i suoi volontari agli incontri di formazione lo ripetessero così spesso, pensava che fossero troppo pessimisti e che in fondo non c'è nulla di sbagliato nel farsi delle aspettative; insomma è normale immaginare, sognare qualcosa e sperare che si avveri una volta partito.
E invece, la prima cosa che impara lo studente di Intercultura è proprio quella di non aspettarsi niente e così è costretto a mettere da parte le speranze e vivere nel difficile presente.
Perché è vero che "la speranza è l'ultima a morire", ma non si può morire di speranze!
E di certo in questo momento lo studente di Intercultura non sta morendo, STA VIVENDO, vivendo come mai prima, in prima persona, il fantastico presente che ogni giorno gli si presenta.
Lo studente di Intercultura è un misto di emozioni, brividi, lacrime, risate e preoccupazioni con sembianze umane.

Chiara

Da Verona in Russia per un anno

  • Prossima Storia

    Rimboccarsi le maniche e prepararsi all'avventura

    Qualche mese prima dell'iscrizione al concorso di Intercultura non sapevo nemmeno cosa stavo per andare ad affrontare, sin dai primi incontri di formazione culturale. Durante la compilazione dei vari fascicoli e la scelta dei Paesi in cui mi...

    Angelo

    Da Lanusei-Tortolì in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    Imparare a nuotare con un ritmo diverso

    Indonesia...INDONESIA??? Ebbene sì, sto facendo il mio anno all'estero in Indonesia e ne vado fiera. Perchè? Perchè sto imparando moltissime cose, cose che non si trovano sui libri e che non si studiano a scuola: lezioni...

    Elenamartina

    Da Milano in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Non ci sono cose giuste o sbagliate, ma solo diverse

    Sembra impossibile, ma il mio anno in Malesia è già finito, e posso dire che è stata un'esperienza magnifica!Mi sembra quasi un sogno divenuto realtà, tanto che non ho ancora realizzato di aver avuto la possibilità...

    Alice

    Da Ancona in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    Come è davvero la Bosnia?

    La prima cosa a cui ho pensato- così come i miei amici e familiari- mentre mi preparavo alla partenza è stata come sia realmente la Bosnia. È un Paese di cui normalmente non senti parlare, piccolo e meta che di solito non...

    Maurizia

    Da Rimini in Bosnia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here