Repubblica Ceca, perchè?

Isabella

da Torino in Repubblica Ceca per un anno

Isabella, partecipante al programma annuale in Repubblica Ceca, ci racconta i motivi che l'hanno portata a scegliere la Repubblica Ceca come sua seconda casa.
Ahoj (ciao)! Sono Isabella, ho 16 anni e sto vivendo la terza liceo in Repubblica Ceca con Intercultura.

Sono partita con tanti dubbi, insicurezze e paure, ma anche con tanta voglia di scoprire, vivere e cambiare. Mancano soltanto due mesi al mio rientro in Italia e, nonostante mi manchino la mia famiglia e i miei amici, la voglia di ritornare alla normalità non è poi cosi tanta. Questa è ormai diventata la mia seconda casa e quando me ne andrò lascerò davvero una parte del mio cuore alle persone che mi hanno accolto e mi hanno fatto sentire come se vivessi qui da sempre!
“Ma come mai hai scelto la Repubblica Ceca?”
Sono sicurissima che la maggior parte di voi, come me, di fronte a questa domanda si sarà trovato un po’ spiazzato e senza parole adatte a spiegar bene le vere motivazioni della nostra scelta.
Innanzitutto vi conforto dicendovi che la vera risposta io non l’avevo né nel momento in cui misi la Repubblica Ceca tra le mie scelte, né quando ricevetti la borsa di studio, né il giorno della partenza e tantomeno il giorno d’arrivo nel mio paese ospitante. La vera risposta l’ho trovata, o per meglio dire l’ho capita, dopo più di 7 mesi di esperienza. E anche se le motivazioni che ci portano a scegliere un paese, piuttosto che un altro, siano svariate, se non infinite, penso proprio che alcune siano uguali per tutti.

Repubblica ceca perché l’unica cosa che mi interessava davvero era partire, cambiare, conoscere e vivere in una realtà nuova. La destinazione non era il mio primo pensiero, perché penso sia soltanto tu che possa fare di un’esperienza la più bella e indimenticabile della tua vita, non di certo il paese che scegli.

Repubblica Ceca perché non è una meta ambita e l’avrei potuta rendere MIA e UNICA senza troppe aspettative o pregiudizi.

Repubblica Ceca perché, proprio il non ne saper niente, ha reso, giorno dopo giorno, tutto ciò che facevo una scoperta.

Repubblica Ceca perché i cechi, etichettati come “freddi, noiosi e scontrosi”, in realtà sono persone gentili, simpatiche e che, una volta conquistata la loro fiducia, si farebbero in quattro per te.
Repubblica Ceca perché impari anche ad apprezzare ciò che hai in Italia, ma allo stesso tempo ti rendi anche conto di come si sta meglio senza ciò che in realtà era solamente superfluo.
Repubblica Ceca perché riscopri la bellezza delle piccole cose e dei piccoli gesti, come per esempio un mazzo fiori o il calore del sole dopo 6 mesi di freddo, neve e pioggia.

Repubblica Ceca perché ho avuto la fortuna di essere ospitata in una famiglia bellissima che andava oltre ogni mia più alta aspettativa. Una famiglia che mi ha reso parte di essa fin dal primo giorno trattandomi come se ne facessi parte da sempre.

Repubblica Ceca perché ho imparato ad apprezzare anche il mio paesino sperduto nel bosco di 1800 anime proprio come amo la mia Torino con il suo quasi milione di abitanti.

Repubblica Ceca perché la scuola è un luogo sereno, divertente e libero dove ognuno riesce a sentirsi se stesso senza essere giudicato dall’apparenza o da come si veste.

Repubblica Ceca perché ora so capire e parlare una lingua molto complicata, ma bella, che in pochi sanno e, allo stesso modo, ho avuto la possibilità di migliorare il mio inglese.

Repubblica Ceca perché è andata così e non mi sarebbe proprio potuta andare meglio! “Da un certo punto in avanti non c'è più modo di tornare indietro. È quello il punto al quale si deve arrivare.” Franz Kafka.

Isabella

da Torino in Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    Chocolatine o pain au chocolat?

    Ciò che mi ha più marcato durante i dieci mesi che ho passato in Francia grazie a Intercultura sono le piccole cose. Sono quelle che mi hanno cambiato più profondamente. Che hanno fatto sì che non sarò mai...

    Elisabetta

    Da Viterbo in Francia per un anno

  • Prossima Storia

    È tanto bello vedere tutti venire a scuola con il sorriso

    Io sono qua, a scuola, in questa classe dall'intonaco scrostato mentre il professore aspetta tranquillo e sorridente che tutti tornino dall'intervallo. Sono passati dieci minuti e di alcuni ancora nessuna traccia, ma lui continua a scherzare...

    Viola

    Da Alessandria in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Il segreto della felicità è la libertà

    "Nata con la valigia in mano" così mia mamma mi descrive. Ho sempre avuto la passione e la voglia di conoscere nuovi posti e nuove culture e questo è stato il motivo principale per cui ho fatto domanda a Intercultura. Mollare per...

    Jlenia

    Da Lanusei-Tortolì in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio anno speciale in Paraguay

    Sono partita anni fa per Ciudad del Este, la seconda città più grande del Paraguay, al confine con il Brasile e l'Argentina, dove si arrivava attraversando un ponte.In famiglia avevo poche regole, ma c'era tanta fiducia. In Paraguay,...

    Annika

    Da Palermo in Paraguay per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here