Ringraziare in un Paese ex-sovietico

Guido, da Bari per un'estate in Lettonia

Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

La religione è da sempre fortemente correlata alla cultura e alla peculiarità di ogni popolo. Non si tratta solo di abitudini o rituali, bensì di una continua presenza di un'influenza nel quotidiano: ogni atto, nel nome del bene o nel male, può avere ripercussioni sul proprio futuro terreno o meno.
Tuttavia, vi sono state nel corso dell'evoluzione del pensiero, modifiche al concetto di religione: basti pensare alle antiche civiltà legate indissolubilmente alla professione di un credo religioso e alla contemporaneità in cui la religione viene vista, specialmente tra i giovani, come un vincolo.

Nella mia breve esperienza in Lettonia, ho potuto osservare, nonostante si trattasse di un Paese ex sovietico, in cui il tentativo era stato quello di sacrificare la religione sull'altare del "Dio Stato", come il culto fosse intrinsecamente legato alla cultura popolare.

Dove le idee filosofiche di stampo illuminista non sono riuscite a imporsi, specialmente tra le persone più semplici, si è conservato un profondo legame con un Dio, non tanto interessato ai massimi sistemi quanto alle difficoltà della quotidianità.

Durante una cena in famiglia nei primi giorni della mia esperienza, ricordo ancora bene quando, sfiancato dall'abbondanza del banchetto, lasciai un pezzo di pane nel mio piatto.

Immediatamente la mia nonna ospitante mi sussurrò qualcosa in lettone, apparentemente incomprensibile: grazie ad un occasionale interprete, mi spiegarono come la signora mi stesse ammonendo di non lasciar nulla nel piatto, neppure le briciole, poiché, se scartate, il diavolo ne avrebbe beneficiato e mi avrebbe sottratto di tutta la mia forza e le mie capacità.

Al momento, colpito dal bizzarro monito, eseguì, senza troppe riflessioni e per mostrarmi gentile, ciò che mia nonna mi aveva "fortemente" consigliato. Solo successivamente, compresi come in quel avvertimento non ci fosse soltanto un richiamo a quello che per noi sarebbe stato un impercettibile spreco, ma piuttosto un ringraziamento a Dio per quanto fosse su quella tavola quel giorno.

È stata un'esperienza indelebile quella di estrapolare dalle parole di quella anziana signora la sofferenza della fame patita, la devozione per quanto concessoci e la speranza nella preghiera in Dio per un futuro prospero.

Guido, da Bari per un'estate in Lettonia

Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

  • Prossima Storia

    Tutti per il diverso, il diverso per tutti

    In Italia, abbiamo occhi davvero speciali. Dico speciali perché sono capaci di individuare tutto ciò che è diverso (che poi, riflettendoci, cosa è normale?) a chilometri di distanza. E non solo! Sembra che ci sia...

    Giulia

    Da Siracusa in Canada per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio anno dominicano

    Buongiorno a tutti, vorrei iniziare citando la frase che mi ha fatto andare avanti in questi undici mesi: "Tutto ciò che vogliamo sta dall'altra parte della paura". E si, sto parlando proprio di paura perché, sinceramente, chi...

    Linda

    Da Verona in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    La Cina di Jacopo

    Jacopo ci racconta attraverso alcune immagini la sua esperienza in Cina.

    Jacopo

    Da Milano in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    La mia nuova casa

    Ciao! Sono Andrej e sto trascorrendo il mio anno in Austria, grazie a una borsa di studio parziale offerta dalla Fondazione CRT Torino, che ringrazio per l’opportunità che mi ha offerto. Sto scrivendo dalla mia nuova casa, precisamente...

    Andrej

    Da Torino in Austria per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here