Ritornare è bello, ma riadattarsi è la vera sfida

Piera

Da Isernia in Turchia per un anno

Ho scritto righe su righe durante il mio anno all'estero, riempiendo diari e consumando inchiostro, eppure, quando Intercultura mi ha chiesto di raccontare qualcosa sulla mia esperienza in Turchia non ho trovato il coraggio di buttar giù qualcosa. Le parole che avrei potuto usare erano tantissime ma non mi sono mai sembrate abbastanza. Mi sono presa del tempo, ho provato a schiarirmi le idee e a metterle in ordine, per non fare confusione, per dire esattamente ciò che avrei voluto dire. Ora ci sto provando e, a dirla tutta, non so come sarà il risultato, però so che moltissimi ragazzi mi capiranno, ed è a loro che voglio dire che non è mai troppo tardi per raccontare, per raccontarsi.

Non starò qui a dirvi quanto la mia esperienza sia stata meravigliosa ed emozionante, perché si, lo è stata, e nemmeno di quanto mi abbia cambiato la vita, anche se sì, lo ha fatto. Io qui, oggi, vorrei provare a spiegare qualcosa di cui pochi parlano, qualcosa che fa paura quando sei lì, all'estero, e che a volte può sembrare un incubo da qui, in Italia. Non intendo l'arrivo in aeroporto, l'abbraccio con i tuoi genitori e la tua famiglia e nemmeno la prima uscita con gli amici.
Ritornare è bello, ma riadattarsi è la vera sfida.
In Turchia vivevo in un appartamento nel centro città, mi bastava uscire di casa e salire sul primo autobus che mi avrebbe sicuramente portato dove volevo andare. In Turchia la colazione era il mio pasto preferito, fidatevi, non c'è niente di più bello che iniziare la giornata con uova, formaggio, olive, pomodori, frutta, salumi e tè caldo. In Turchia la mattina ti svegli, ti lavi, indossi la divisa e vai a scuola, niente trucco, niente accessori, tra i banchi ci si sta per imparare. In Turchia, o almeno a casa mia, eravamo tutte donne, mia madre era separata e i classici litigi tra marito e moglie non esistevano, nessuno urlava contro nessuno, o risolvevi le cose parlandone faccia a faccia, o entravi in una sorta di guerra fredda fatta di silenzi e occhiatacce che arrivava a durare giorni.
  • Piera insieme agli altri studenti AFS

Con questo non dico che non mi piaccia la mia vita in Italia, la mia casa di periferia collegata al centro città da quattro, massimo cinque, corse di autobus, la colazione con il latte e i biscotti, la scuola italiana dove tutte le regole sono già palesemente infrante, la mia famiglia e le classiche e innocue litigate dei miei, però fare paragoni è inevitabile quanto sbagliato.

Tutto diventa assurdo, ciò che prima per te era normale e quotidiano al ritorno ti sembra fuori luogo, e di conseguenza anche tu finisci per convincerti che sei nel posto sbagliato, si, lo stesso posto che ti ha visto crescere per 16 anni ti appare come l'ultimo al mondo in cui vorresti trovarti. Ritornare nel tuo Paese ospitante ti sembra l'unica soluzione, rincominciare la vita che hai lasciato partendo fa troppa paura, non hai idea di cosa fare, ti senti perso, non sai più chi sei, cosa vuoi, dove vuoi stare, sembra quasi che la tua esperienza ti stia togliendo più di ciò che ti ha regalato e insegnato in un anno, tutto è un assurdo controsenso dal quale vorresti solo scappare. Eppure no, non è così e io, purtroppo o per fortuna, l'ho capito ora, dopo due mesi.

La Mia Turchia è finita, è vero, ma con il mio arrivo a Fiumicino è iniziata la Mia Italia, anzi, mi correggo, è iniziato il Mio Mondo, la Mia Vita.

Piera

Da Isernia in Turchia per un anno

  • Prossima Storia

    La mia Argentina

    Argentina: terra del mate, del dulce de leche, del football e del tango… Così grande e così varia ma pur sempre passionale. Attenzione…il mio, nei confronti di questo paese, non è sempre stato amore, ho impiegato...

    Giulia

    Da Augusta in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Ti va un po' di zuppa?

    Ehi Federico, come sta andando la tua nuova vita in Ungheria? Finora si è rivelata una bella esperienza sia in famiglia, sia a scuola che con gli amici. Vivo in un piccolo villaggio di 1500 anime, distante quaranta minuti di treno...

    Federico

    Da Augusta in Ungheria per un anno

  • Prossima Storia

    Paesi così simili ma così diversi

    È il ventunesimo giorno in Argentina. Ammetto che ho dovuto contare i giorni esatti, poiché non pensavo più alla data della partenza. Nonostante questo, poco più di due settimane qua sono sembrate più lunghe...

    Sabiana

    Da Siracusa in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Quella scintilla che mi ha fatto volare!

    Mi chiamo Imma, ho 27 anni, nel 2006 ho vinto una borsa di studio trimestrale in Slovacchia e vorrei raccontarvi la mia storia. Ero una bambina molto introversa e timida io a 16 anni, non ridevo perché non mi piaceva il mio sorriso...

    Imma

    da Napoli in Repubblica Slovacca per tre mesi

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here