Roma - Zurigo - Bangkok

Valentina

Da Saronno in Thailandia per un anno

Eravamo in centotrentacinque ragazzi provenienti da tutto il mondo, pronti ad affrontare una nuova esperienza tra alti e bassi, tra solitudine e allegria. Dopo un breve campo di introduzione al mondo Thailandese durato cinque giorni siamo stati accolti dalle nostre nuove famiglie.

La prima differenza che ho avvertito è stato il cambiamento tra vivere in un albergo che sapeva ancora di Italia, Paraguay, Groenlandia,Germania,Norvegia, e la vera Thailandia che ci aspettava appena usciti.

Qualche giorno dopo il mio arrivo in casa la mia testa era tornata al suo posto. Avevo superato lo shock del caldo afoso, mi ero regolata con l’orario e avevo iniziato a capire un po’ come funzionava la vita Thailandese. Nell’anno passato in quella famiglia ricordo di aver osservato molto, ho sempre cercato di interessarmi a tutto ciò che facevano ed al perché lo facessero.

In Thailandia la maggior parte della popolazione usa consumare pranzo e cena nei mercati composti da banchetti dove si cucinano piatti tipici ad un prezzo stracciato. Oltre a piatti tipici si possono trovare cavallette, bruchi, scorpioni,scarafaggi, spiedini di rane, formiche...diversi tipi di frullati e bancarelle intere di frutta. Ogni banchetto ha la sua esclusiva e il suo menù: le famiglie Thailandesi siedono a tavoli posti di fronte e aspettano di essere serviti come in un ristorante, solo che questo è sotto le stelle. Altri, invece, preferiscono farsi mettere la cena o il pranzo in un sacchetto per poi portarli a casa. Per i Thai questo è un modo facile e veloce per pranzare o cenare, senza dover perdere tempo a cucinare e sporcare pentole e piatti. Tutti i giorni, a tutte le ore, le strade sono invase da questi banchetti mobili che offrono bibite fresche e frutta e i Thai, ma soprattutto i turisti, non mancano l’occasione di mangiare un pezzo di anguria mentre visitano la città.

Nell’anno passato in quella famiglia ricordo di aver osservato molto, ho sempre cercato di interessarmi a tutto ciò che facevano ed al perché lo facessero

I colori della Thailandia attraverso la macchina fotografica di Valentina

La scelta di un Paese come la Thailadia a molti sarà potuta sembrare inusuale o addirittura paradossale. Io, però, voglio dimostrarvi con queste parole quanto questo Paese sia meraviglioso e quanto mi abbia arricchito sotto molti aspetti che spesso, in Italia, vengono trascurati o lasciati in ombra.

Non sempre è stato facile, bisogna aprire la mente, adattarsi.

Devo ammetterlo, quando mi sono inscritta al programma Intercultura avevo immaginato di andare in qualunque posto meno che la Thailandia. Finlandia, Brasile, Belgio… partire per andare in uno di questi posti e basta, senza scuse; ma la vita, si sa, non fa girare sempre le cose come vogliamo e mi portò verso la strada che alla fine mi avrebbe condotto in Thailandia. Sono partita alla cieca, con tanta paura di questo posto che pochi conoscono, ma dopo un solo giorno in quella terra mi sono innamorata e l’ho sentita come mia e se potessi tornare indietro la Thailandia sarebbe la mia prima e unica scelta.

Valentina

Da Saronno in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    Io ce l'ho fatta, e tu cosa aspetti?

    Una sfida. Così è nata l'idea di partire. Bisogna sempre porsi delle sfide nella vita. Quelle cose che se vanno male ti regalano esperienza e che se vanno bene... beh se vanno bene ti regalano, come in questo caso, un anno di vita...

    Alessia

    Da Parma in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Non è mai stato così facile farmi dei nuovi amici

    Hola Italia! Sono Rommel, vengo da Roma e sono qui in Paraguay da quasi un mese. Sto vivendo questa meravigliosa esperienza insieme a persone stupende. Fortunatamente non ho avuto momenti di crisi come mi aspettavo, tutto è andato benissimo...

    Rommel

    Da Roma in Paraguay per un anno

  • Prossima Storia

    La mia esperienza in Belgio

    Mi chiamo Alice e ho 17 anni, quasi 18. Sto facendo un anno all’estero, precisamente in Belgio, parte fiamminga, e vorrei raccontare un po’ di quello che si prova ad essere nei miei panni. Vorrei cominciare dicendo che per quanto...

    Alice

    Da Viterbo in Belgio per un anno

  • Prossima Storia

    Il nostro primo giorno di Boarding School in Cina

    In questa immagine è ritratto il nostro primo di giorno di scuola in Cina, precisamente ad Harbin, nella scuola 73. Abbiamo iniziato la scuola il 24 Agosto, la mattina eravamo molto agitate; per la prima volta abbiamo indossato una divisa,...

    Fabiola e Alessia

    Da Pescara e Latina in Cina per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here