Settembre 1983. L'inizio di una storia per tutta la vita.

Grazia

Da Bergamo negli USA per un anno

A volte faccio un gioco. Devo pensare: "Cosa sono in primo luogo?" E scorrono le risposte, a seconda di come mi sento, di come mi sono alzata, oppure di quanto ho dormito, il che dipende quasi sempre se il libro che ho sul comodino mi ha coinvolto e trascinata nella notte. Ma questo è un altro tema e verrà a suo tempo.
Quindi cosa sono, o meglio, chi sono in primo luogo? Fondamentalmente inizio con un elenco: una donna, una mamma, una moglie, un architetto, un’amica... Poi arrivo ad una conclusione che racchiude tutto: cittadina del mondo! Se le prime definizioni sono scontate, magari non nell’ordine, quest’ultima che tutte le abbraccia merita una riflessione, che poi è proprio la riflessione che sto facendo e tentando di condividere, con chi ancora non lo so!

Devo tornare indietro nel tempo, siamo a settembre del 1983, preistoria, direbbero i miei figli (ma come si sa i ragazzi hanno una visione diversa dalla nostra), all’inizio del terzo anno di liceo scientifico, dopo un’estate non troppo tranquilla (esame di matematica da “preparare”), primo grande amore che poi si rivelerà unica vera passione della mia vita (ma anche questa è un’altra storia). Un giorno una compagna, Elena, mi fa avere un volantino per ospitare uno studente straniero e mi racconta: "Mio fratello è appena tornato dagli Stati Uniti, ha studiato un anno in Wisconsin (o così mi pare di ricordare... appunto, preistoria e la memoria potrebbe trarmi in inganno) e io vorrei partire e fare la stessa esperienza!" All’istante si accende una luce, come dice mio figlio maggiore tutto è scritto, niente succede per caso e per certi versi ha proprio ragione! Decido di compilare il modulo per partecipare all’assegnazione della borsa di studio, non mi consulto con i miei sulla partenza (“Tanto non prenderanno proprio me!....”), ma racconto tutto della mia amica Elena e di suo fratello e della possibilità di ospitare qualcuno da un paese straniero. Loro condividono: “Sarebbe proprio bello”.

Le prime selezioni nazionali si tengono a Milano, zona fiera, in un’aula grandissima e pienissima. Sono arrivata in metro, da sola ovviamente visto che era ancora una “cosa mia”, e davanti a tanta gente confesso un po’ di sconforto, ma la motivazione stava crescendo esponenzialmente, era una vera sfida e a me piacciono le sfide! La mia amica non era con me, lei ha fatto il test a Bergamo, situazione sicuramente più umana e contenuta. Test psicologico, tante domande, disegni (alcuni li ricordo ancora...)... Al termine ho le guance bollenti per la tensione, la concentrazione, l’aspettativa. “Ragazzi arriverà per posta l’esito del vostro test, questa è solo la prima grande selezione”.
  • Bollettino del settembre 1984 - La partenza degli studenti il 5 agosto 1985
  • Articolo dell 1984, con la partenza da Roma e la tradizionale foto sui gradini dell'EUR
  • Articolo di giornale su Grazia negli USA - Gennaio 1985
  • Diploma dell'Arkansas
  • Pasqua 1985 - Pasqua 2011 insieme alla famiglia ospitante
  • 1985-1989-2013 insieme alle amiche del cuore
  • Matrimonio di Nathalie, un'amica di Grazia - 1989
  • Insieme alla famiglia ospitante - 2011
  • Insieme alla famiglia ospitante - 2011
  • Partenza di Francesco, figlio di Grazia, per gli USA

Dal 1984 ad oggi...

Ovviamente stiamo parlando di posta ordinaria, non di posta elettronica, e-mail, messaggi o altro. La risposta arriva. Con le congratulazioni e un augurio per la continuazione della selezione. A questo punto non ho molta scelta: comunico ai miei che potranno tranquillamente ospitare visto che io non ci sarò. "Ma come..? E adesso..? Cosa devi fare..?" Mi chiamano per il colloquio, anche da qui esco tutta rossa, un po’ mi emoziono e mi agito, ma devo dire e ammettere che anche questa fase va alla grande e cominciano gli incontri di formazione.
E così arriva il 5 agosto 1984 e mi ritrovo da ragazzina diciassettenne, “nordica”, cattolica praticante, sbalzata al di là dell’oceano a partecipare attivamente ai servizi domenicali della Chiesa Battista della mia famiglia ospitante nel profondo Sud degli Stati Uniti, Little Rock, Arkansas... che ai tempi era luogo sconosciuto visto che il Governatore Bill Clinton non aveva ancora raggiunto la notorietà. E questo è l’inizio di una lunga storia Interculturale!

Grazia

Da Bergamo negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    One of US

    Essere una neo-cittadina americana in un periodo di protezionismo Sono una ragazza di Roma, ho 17 anni, ma è fin da quando ero piccola che mi sono sentita diversa dai miei amici e dai miei coetanei in generale … come se provassi...

    Maria Carla

    Da Roma negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Ambasciatrici della Svezia e dell’Italia ai Mondiali di sci

    Una cittadina svedese di 30 mila abitanti al “nord” della Svezia può offrire più opportunità di quanto si pensi. Falun, che attualmente ospita i campionati mondiali di sci nordico, è la città in...

    Giulia

    Da Vercelli in Svezia per un anno

  • Prossima Storia

    Lo sapete cos'è il carnevale vegano?

    Lo sapete cos’è il carnevale vegano?In molti prima di partire mi dicevano "Davvero vuoi andare in Repubblica Dominicana? Lì non imparerai nulla, è un Paese del terzo mondo" oppure "Passerai un anno al mare e in spiaggia...

    Desireè

    Da Vicenza in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio Natale a scuola

    25 Dicembre 2014: Natale! Ma stranamente quest’anno trascorso a scuola! Mi sveglio alle 6:00 ed alle 7:00, cosa mai successa, sono già a scuola quando ancora è quasi deserta. Girovago un po' per trovare le mie compagne...

    Valentina

    Da Siena in Thailandia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here