Stanca ma felice

Alessandra

Da Monza negli USA per un anno

Sveglia alle 5:20 per non rischiare di arrivare in ritardo. Lo zaino e il pranzo al sacco sono già pronti dalla sera prima e alle 6:00 siamo già in viaggio.
Arrivo a scuola alle 6:20, è ancora buio. Mi aspetto di entrare in un luogo pieno di persone che si rincontrano dopo le vacanze, tanta gioia e confusione. Finalmente l'inizio della scuola, che emozione!
Entriamo. Non c'è nessuno, un silenzio di tomba e la scuola completamente vuota. E' la prima volta che arrivo a scuola per prima.
Ci sediamo in corridoio e scopro che le lezioni iniziano alle 7:50. L'unica cosa a cui riesco a pensare è il gelo polare dell'aria condizionata che, nonostante la stanchezza, mi impedisce di addormentarmi.
A poco a poco la scuola si popola e, finalmente, dopo più di un'ora di attesa le lezioni iniziano.
Ci dividiamo nei rispettivi dipartimenti per le raccomandazioni, io sono nel corso di visual art. I professori si presentano e mi presentano all'intero dipartimento. Momento di imbarazzo, mi alzo in piedi e tutti iniziano ad applaudire e ad acclamarmi come se avessi vinto qualcosa. Sono tutti molto amichevoli con me. Inizio a fare le prime conoscenze anche se mi risulta piuttosto complicato capire tutto quello che mi dicono. I texani hanno un accento molto strano, quindi sorrido e annuisco.
Momento di imbarazzo, mi alzo in piedi e tutti iniziano ad applaudire e ad acclamarmi come se avessi vinto qualcosa

Vita scolastica made in USA

Poi vado alla ricerca delle classi successive finché a mezzogiorno arriva la tanto attesa pausa pranzo. Con mio grande rammarico, scopro che la maggior parte degli studenti mangia per terra in corridoio, così decido di seguire il loro esempio e mi siedo sul gelido pavimento.
Finito il pranzo seguo le ultime due classi e finalmente alle 3:30 posso andare a casa e riposare. E' molto stancante passare la giornata a cercare di capire una lingua che non è la tua; in ogni classe compagni diversi, nuove conoscenze e nuove persone a cui raccontare qualcosa su di te e l'Italia.
Esco da scuola pensando al dolce riposo che mi attende, ma ancora una volta mi sbaglio.
Passo i venti minuti di viaggio verso casa a raccontare il mio primo giorno di scuola, bombardata di domande, ma alla fine anche questo viaggio arriva al termine. Sono davvero stanca, stanca ma felice. Mi sdraio sul mio letto e ripenso alla mia giornata, a tutta la fatica che sto affrontando e penso che davvero ne vale la pena.

Alessandra

Da Monza negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Un tuffo nella scuola cinese

    Sono Matteo, uno studente bergamasco, e quest'anno grazie al progetto di Intercultura sto frequentando il quarto anno di liceo in Cina, a Pechino. Sono nella capitale cinese da quasi sette mesi durante i quali ho vissuto esperienze insolite...

    Matteo

    Da Bergamo in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    La mia Polonia: tutta una scoperta

    Sono trascorse due settimane dall'inizio della mia esperienza. Sono l'unica studentessa italiana che trascorrerà quest'anno in Polonia, e in parte so che è un onore, in parte lo sento come una sfida. Come una doppia sfida rispetto...

    Martina

    Da Napoli in Polonia per un anno

  • Prossima Storia

    Il giorno "del sapere"

    Primo settembre, sveglia alle cinque e mezza. La scuola dista solo pochi km da casa, ma se vuoi arrivare in tempo per la cerimonia del primo giorno di scuola, devi uscire di casa alle sette. Per strada si vedono solo bambini impazienti di iniziare,...

    Giorgia

    Da Anzio-Nettuno in Russia per un anno

  • Prossima Storia

    Semplicemente diverso

    Pensi sia meglio la scuola in Germania o in Italia? Quest’anno mi ha insegnato tanto e una delle cose che ho capito è che non bisogna sempre classificare:giusto o sbagliato, migliore o peggiore… è semplicemente diverso;...

    Maria

    Da Lecce in Germania per un anno