Travel and the world will become your home

Riccardo

Da Perugia negli Stati Uniti per un anno

La mia scelta di concorrere per un’esperienza annuale negli Stati Uniti è stata pressoché istintiva.

Sono partito senza alcuna idea di quello che avrei trovato, proprio perché gli Stati Uniti sono veramente grandi, e non è sempre facile stilare un profilo generale che riassuma tutte le culture e le etnie che vi si trovano; ed è così che, in una piccola valle del New Jersey, tutto è iniziato.

Nel primo periodo l’impatto è stato sicuramente molto forte. Nuova scuola, nuova casa, nuova vita. Ed è proprio qui, con i primi ostacoli, che ho perso le comodità e le sicurezze che avevo avuto finora.
Nuova scuola, nuova casa, nuova vitaEppure, dopo aver conosciuto i primi amici e stretto un rapporto profondo con la mia (magnifica) famiglia ospitante, ho cominciato a sentirmi come un vero e proprio americano. Iniziando da zero una nuova vita, ho potuto “rimodellarmi” come volevo: il mio stile di vita, le mie passioni, le mie attitudini,… Tutto è cambiato.

Gli USA mi hanno insegnato a lottare sempre per raggiungere i miei obiettivi, piccoli o grandi che siano. Ogni ambizione che avevo all’inizio dell’esperienza mi sembrava irraggiungibile, ma sono bastati 10 mesi per conquistarle tutte. Ho imparato una lingua che inizialmente capivo a stento, conosciuto persone che non avrei mai pensato di incontrare, trovato un’altra famiglia sempre pronta ad accogliermi e ad amarmi, scoperto luoghi mozzafiato, visitato città incredibili...
Gli USA mi hanno insegnato a lottare sempre per raggiungere i miei obiettivi, piccoli o grandi che siano
Non posso negare che ci sono stati anche tanti momenti difficili. Devo dire, però, che proprio grazie ad essi mi sono formato. Al mio ritorno, mi sono subito sentito più responsabile e ambizioso di prima.

Ad oggi, ritengo il mio anno all’estero l’esperienza più formativa della mia vita.

Riccardo

Da Perugia negli Stati Uniti per un anno

  • Prossima Storia

    I danesi come le noci di cocco

    Quando intercultura mi ha comunicato di essere risultata vincitrice di un programma annuale in Danimarca ero felicissima perchè la Scandinavia era proprio la meta desiderata. Smaltita l’eccitazione delle prime settimane, ho cominciato...

    Ines

    Da Milano in Danimarca per un anno

  • Prossima Storia

    L'aria che si respira in Colombia

    Ciao a tutti,sono Miriana e scrivo dalla Colombia, più precisamente da una città chiamata Popayan. Quando mi sono lanciata in questa avventura ero sicura che sarebbe stato qualcosa di molto diverso, ma forse non pensavo fino a...

    Miriana

    da Civitavecchia in Colombia per un anno

  • Prossima Storia

    Porqué Bolivia?

    L’unico aspetto dell'esperienza a cui non avevo pensato era la fatidica domanda che mi avrebbero fatto tutti almeno una volta: “Perché Bolivia?”, “Por qué Bolivia?” La verità è che non...

    Michele

    da Rovigo in Bolivia per un anno

  • Prossima Storia

    Una tradizione canadese

    Nella mia scuola qui in Canada c’è una tradizione: quando qualcuno si diploma, o, per un motivo o per un altro deve lasciare quelli che sono stati i suoi compagni e i suoi professori, appende il lucchetto del suo armadietto al cancello...

    Mariacristina

    Da Reggio Calabria in Canada per tre mesi

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here