Un'esperienza indimenticabile

Jacopo

Partecipante ad uno scambio di classe con l'India

Lo scambio culturale è un’esperienza unica ed irripetibile.
Vivere due settimane in un mondo completamente diverso dal mio mi ha cambiato fortemente in tutti i sensi, anche perché ho potuto vedere e toccare realtà che neanche conoscevo. Appena arrivati le nostre famiglie ci hanno accolto con grande ospitalità e, sebbene l’ora fosse tarda, ci avevano organizzato un piccolo rinfresco. Due giorni più tardi, dopo aver riposato con la famiglia, ci hanno accolto a scuola con una cerimonia di benvenuto, la stessa che fanno per i loro dei. Su un piatto di metallo che facevano roteare davanti a noi vi erano ghirlande di fiori, che ci hanno messo al collo, del colore rosso per il bindi, il tipico ornamento sulla fronte, e dell’incenso. Subito dopo abbiamo assistito al rito con cui loro iniziavano ogni giornata scolastica che consisteva in un coro collettivo e nella lettura da parte di alcuni studenti di brani su varie tematiche. A seguire un giro della scuola, che tengo a ricordare gigante, ben curata e piena di laboratori di ogni tipo.
Vivere due settimane in un mondo completamente diverso dal mio mi ha cambiato fortemente in tutti i sensi, anche perché ho potuto vedere e toccare realtà che neanche conoscevoNel corso della nostra permanenza ci hanno organizzato un programma con i fiocchi e non ci hanno permesso di annoiarci. Ci hanno fatto fare varie attività manuali: "tie and die", lega e colora, scultura su un blocco di creta, e wall painting, attività sportive e numerose conferenze su storia, musica, cultura, economia e danza sull’India.

Abbiamo visitato Jaipur e il museo sottostante la casa dell’attuale maraja dove le imponenti mura colorate, il libro più piccolo del mondo (una sola pagina), gli arazzi, i dipinti degli svariati maraja e i loro vestiti, l’imponente lampadario di cristallo dominavano la scena. Ci siamo recati al Fort Ammer, sede di un tempio e delle antiche residenze dell’imperatore (ne aveva tre: una per l’estate, una per l’inverno, una per la stagione dei monsoni).
Abbiamo visitato anche Agra e il Taj Mahal!

Jacopo

Partecipante ad uno scambio di classe con l'India

  • Prossima Storia

    Una studentessa come le altre

    Uno dei possibili rischi dell'insegnamento è il fatto che, una volta entrati nella propria classe, ci si possa trincerare dietro il libro di testo, o dietro il proprio ruolo, "dimenticando" il mondo e le drammatiche urgenze del reale.La...

    Cinza Capano

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Nomentano di Roma

  • Prossima Storia

    Piccole scuole interculturali

    Essere insieme docente di Italiano e volontaria di Intercultura è stata una preziosa alchimia capace di rendere il mio lavoro ancora più entusiasmante. Ho sempre cercato di educare i miei alunni alla pace, alla tolleranza, alla...

    Stefania Anfuso

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Ruiz di Augusta, SR

  • Prossima Storia

    Piccole ma grandi scoperte

    Da cinque giorni sono in Olanda, e continuo a pensare a come sono fortunata: ancora una nuova avventura grazie ad Intercultura, sempre diversa e per questo ancora più speciale.E' incredibile, ma dopo tanti anni continuo ad emozionarmi,...

    Monica

    Insegnante durante lo scambio di classe Augusta - Doentichem, Olanda

  • Prossima Storia

    L'ospitalità ci ha fatto sentire delle star!

    È difficile abituarsi a non essere delle star. Strana frase, no? Però è capace di esprimere cosa si prova tornando dalla Russia, dove ci siamo recati per una decina di giorni grazie a uno scambio culturale organizzato dalla...

    Una studentessa del Liceo Scientifico "G. Banzi Bazoli" di Lecce

    Partecipante ad uno scambio di classe con la Russia

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here