Un giorno non come tanti

Enrico

Da Roma negli USA per un anno

Winters - Oggi 14 agosto, la scuola comincia; ma non e’ un giorno come tanti, infatti oggi sarà il mio primo giorno di scuola in California.Sono nel letto immaginando come sarà questa giornata che ho aspettato sin da quando ho saputo che sarei partito; la sveglia mi avverte che devo cominciare a prepararmi e una volta vestito volo fuori di casa. Ah già… dimenticavo…prima colazione americana con uova e bacon.
Mentre mi godo quel “banchetto” sento una macchina accendersi e poi rap a tutto volume. Tra me e me penso "Chissa' chi e' sto coattone", poi esco e mi ricordo che mio fratello "ospitante", Greg, ha la macchina... ok, la prima figura imbarazzante della giornata è andata.
Appena entrato in macchina comincia a farfugliare qualcosa, ma lo dice talmente velocemente e con il rap a palla che sinceramente non capisco granché. Quello che riesco ad intuire e' "Prima classe...prof severo...no ritardo... U.S Government". Poi con la musica a tutto volume mi lascia un secondo in macchina e si prende due ciambelle da 100.000 calorie l'una e una bevanda in lattina simile alla red bull, dopodichè si va a scuola. Scesi dalla macchina mi guarda felice e mi offre quello che sta mangiando, ma diciamo che declino volentieri.
Intanto prendo dalla tasca il telefono e noto l'orario, nulla di particolare, ma io alle 8 in italia sono sul trenino Ostia Lido-San Paolo per andare a scuola e sono felice di condividere con lui quella mia vecchia routine. Lui mi guarda, impallidisce e mi dice "RUN". Insomma abbiamo fatto tardi col professore sbagliato.
Per fortuna però, arrivati in classe, abbiamo la scusa che sono nuovo e quindi siamo salvi. Tutti a chiedermi di dove fossi e io a spiegar loro 1, 2, 3, 4, 5 volte, poi stanco dico "Ok, I live in Rome".
Il professore intanto, appena sente "Italian", mi sposta al primo banco, e inizia la lezione di U.S government , spiegandoci come sia giusto che il governo americano uccida targets precisi, ma a volte possa sbagliare uccidendo innocenti (mentalità…).
  • Il primo allenamento di basket
  • Corsa in campagna al tramonto
  • Con un'altra studentessa italiana
  • Con gli altri studenti AFS al campo di formazione al Lake Tahoe
  • Con fratello e papà ospitante

Gli Stati Uniti di Enrico

La seconda ora, INGLESE. La prof comincia a parlare a manetta e a dettare termini mai sentiti senza nemmeno essersi accorta di me.
Suona la campanella e penso tra me e me “Che bello, storia! “. Divertente e impegnativa, ma se poi la tua prof esordisce dicendo :”This video, guys, will shows you why is important studying History" e noti che ha la zeppola (difficoltà a pronunciare la S), comprenderla diventa davvero complicato.
Le ultime tre ore per un tipo come me sono puro godimento, perché ho prima matematica, poi ingegneria ed infine spagnolo.
In mezzo c'e la ricreazione, dove ho modo di vedere per la mia prima volta 500 armadietti, tutti rosso fuoco che sembrano usciti da un film.
Verso le 13 e' tempo di pranzare, ma dato che la mia scuola è piccola, noi studenti abbiamo modo di tornare a casa per i pasti. Io però del tutto nuovo a questo “mondo”, quando Greg mi chiede dove volessimo andare per pranzo, lo guardo ed in modo molto neutro e diplomatico gli dico:”Mi fido di te". Solo due parole: Taco Bell. Gli americani sono riusciti ad inventarsi un fast food messicano e io non ci posso credere! Non so esattamente cosa ho mangiato, ma so che mi e' piaciuto e che dopo 2 giorni ci sono voluto tornare.
Questo e’ stato il mio primo giorno di scuola negli Stati Uniti, diverso ma allo stesso tempo eccitante. Le differenze a occhio nudo sono nette: armadietti, corridoi enormi e l’inglese. Ma tutto mi sembra ancora così speciale ora che da quasi 7 mesi sono qui!!!

Enrico

Da Roma negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Una finestra sul mondo

    Uno degli obiettivi principali della scuola è creare futuri cittadini che siano capaci di fare cose nuove, non semplicemente di valutare un ragazzo con dei numeri e ripetere quello che altre generazioni hanno fatto. La scuola ha quindi...

    Sabiana

    Da Siracusa in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Il segreto della felicità è la libertà

    "Nata con la valigia in mano" così mia mamma mi descrive. Ho sempre avuto la passione e la voglia di conoscere nuovi posti e nuove culture e questo è stato il motivo principale per cui ho fatto domanda a Intercultura. Mollare per...

    Jlenia

    Da Lanusei-Tortolì in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Intervista alla mia famiglia ospitante

    Sono Eleonora, sto vivendo una esperienza bellissima, che reputo molto importante anche per il mio futuro, in Portogallo con AFS. Essere uno studente di scambio naturalmente ti pone di fronte a molte difficoltà: la lontananza dal tuo...

    Eleonora

    Da Ivrea in Portogallo per un anno

  • Prossima Storia

    Il bello dell’esperienza è nelle stranezze

    Due mesi lontano da casa, dai propri amici, dalla propria famiglia, lontano da tutto.C'è chi sarebbe pronto a dare del pazzo a ragazzi che, come me, hanno deciso di intraprendere questa esperienza, che è tutt'altro che pazzia!...

    Gabriele

    Da Napoli in Australia per due mesi

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here