Un Natale a sorpresa

Syria

Da Roma in Thailandia per un anno

Quest’anno ho passato un compleanno ed un Natale fantastico.
Venerdì 22 dicembre, i miei amici mi hanno fatto una festa a sorpresa con l’anticipo di due giorni. Mentre stavo aspettavo l’inizio della competizione di canto mi sono venuti a chiamare e mi hanno mandato con una scusa in una classe.
“Syria devi vedere cos’è successo.” Mi urlavano.. ed io, preoccupata che fosse successo qualcosa, li seguii. Una volta entrata nell’aula, dove l’unica luce visibile nella stanza erano le mie candeline rosse di compleanno, tutti i miei amici hanno iniziato a cantarmi “Happy birthday” ed io ormai emozionata non riuscivo a smettere di sorridere.

Il giorno dopo, Sabato 23 dicembre, io e mia sorella coetanea abbiamo scalato una montagna e abbiamo passato la notte lì in compagnia di alcuni amici. Il 24 dicembre, la vigilia di Natale ed il mio compleanno, siamo tornate a casa per le 16:30 del pomeriggio dopo esserci fermate a mangiare un gelato. Mentre mi riposavo ascoltando la musica sul mio letto, convinta che ormai la giornata fosse finita, la nonna e la vicina di casa sono entrate nella mia stanza e mi hanno detto di andare nel giardino dietro casa. Mi hanno fatto sedere al buio davanti al tavolino e dopo aver visto arrivare verso di me mia sorella con una torta di compleanno realizzai. Fu così che mi venne fatta anche una seconda festa a sorpresa da parte dei parenti e dai vicini di casa. Mia sorella e mia madre mi hanno cucinato la pasta, la carne, patatine fritte e tante altre cose buone da mangiare e ho passato la serata a ballare con gli invitati. Mi sono divertita tantissimo e mi sono sentita a casa.
  • Syria e i suoi amici
  • Lo spettacolo di Natale a scuola

La mattina di Natale sono andata da mia sorella e le ho dato un regalo impacchettato. Dopo averle consegnato il pacchetto, sapendo che i thailandesi non scartano i regali davanti ad altre persone, sono andata nel bagno a finire di prepararmi. Uscita dal bagno mia sorella mi viene incontro e mi abbraccia dicendomi che il regalo le è piaciuto tantissimo. Sapendo che i Thailandesi non abbracciano perché gli abbracci non fanno parte della loro cultura, mia sorella mi ha resa felice, più di quanto già non lo fossi.

Il resto della giornata l’ho trascorso a scuola. Qui in Thailandia le scuole rimangono aperte e sono gli studenti stessi che si impegnano ad addobbare con tantissimi alberi, luci e decorazioni fatte a mano i corridoi, le aule e i giardini. Arrivata a scuola per le 08:00, dopo l’inno nazionale e scolastico, i professori thailandesi e stranieri si sono esibiti sul palco scolastico ballando e cantando. Finito lo spettacolo mi sono diretta all’edificio dedicato alla lingua inglese e fu lì che iniziò la vera festa. Noi studenti iniziammo ad esibirci sul palco, a cantare, ballare, mangiare e farci tante foto.

Ricorderò queste giornate e questi sorrisi per sempre.

Con tutto l’amore del mondo, dalla Thailandia, Syria.

Syria

Da Roma in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    Come si può ridurre tutto in un racconto?

    Vorrei rivedere i miei amici sparsi per il globo, i miei amici indiani al secondo posto e sempre dopo le mie famiglie ospitanti, che per me rimangono le numero uno! Ah e ora ve lo racconto il perché delle due famglie. A quanto pare io...

    Emily

    Da Bolzano in India per un anno

  • Prossima Storia

    Un mondo di semplicità, differenze e sorrisi

    La mia Argentina è un mondo fatto di semplicità, differenze e sorrisi. La città dove vivo si chiama General Pico: siamo nel centro dell'Argentina, nella Pampa, tra infinite e malinconiche distese di campi e pascoli. È...

    Alice

    Da Udine in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    "Não te preocupes, tudo vai correr bem"

    "Lisbona comincia a prendere forma quando ci allontaniamo da lei, allora acquista profondità , vita ed energia ". Queste parole di Antonio Lobo Antunes mi sono sembrate così veritiere e d'impatto che non ho potuto non pensare...

    Emma

    da Venezia in Portogallo per un anno

  • Prossima Storia

    Da allora mi sento a casa nel mondo

    Parla Marco Balich, organizzatore di eventi mondiali e delle cerimonie dei Giochi olimpici invernali di Torino, e, nel 2016, di Rio. Quarto anno di liceo a Chicago, nel 1979, con Intercultura. "Quell'esperienza è il regalo più...

    Marco Balich

    CEO, Balich Worldwide Shows, con Intercultura nel 1979/80

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here