Un Natale diverso

Andrea

Da Belluno in Cina per un anno

Due sono i motivi per cui questo sarà un Natale speciale: il primo è che lo vivrò lontano da casa, dalla mia famiglia, dai miei amici e dalle tradizioni ed abitudini che contraddistinguono questo periodo, mentre il secondo è che il mio paese ospitante, la Cina, non lo festeggia minimamente.

In verità i Babbi alle finestre dei negozi ci sono, vedo anche qualche albero addobbato in alcune strade della città, alcune catene di ristoranti occidentali propongono perfino un piatto speciale per l’occasione.

Il Natale commerciale qui non manca: è infatti un ottimo pretesto per aumentare le vendite e spingere qualche famiglia ad importare la tradizione dello scambio dei doni. Non si riesce però a percepire lo spirito natalizio del quale qui non se ne conosce né il valore né il messaggio.

Per questo il venticinque dicembre lo passerò fra i banchi di scuola, seguendo le solite lezioni di cinese e di cultura cinese. In uno dei giorni più importanti dell’anno, nemmeno l’etichetta di “留学生 studente internazionale” riuscirà a salvarmi.

Non si riesce però a percepire lo spirito natalizio del quale qui non se ne conosce né il valore né il messaggio

La giornata dovrebbe essere salvata dalla cena con gli altri studenti stranieri e i loro fratelli/sorelle ospitanti che ci tengono a rendere un po’ speciale questa nostra festa, che sanno essere molto importante.

Sarà sicuramente strano viverlo in questo modo, sapendo che nello stesso momento le nostre famiglie italiane staranno brindando dall’altra parte del globo, ma in fondo anche questo fa parte dell’esperienza e siamo orgogliosi di viverla così! Dovrà essere semplicemente un Natale diverso, che aggiungeremo alle pagine di questa nostra avventura, assieme alle altre decine di cose diverse che stiamo vivendo e che sempre porteremo con noi.

Abbiamo deciso di festeggiare il Natale e di conseguenza, fra una fetta di panettone italiano e una tazza di cioccolata calda, ci impegneremo per passarlo al meglio e in verità anche per farlo un po’ invidiare ai nostri amici cinesi…

Andrea

Da Belluno in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Quest'anno Babbo Natale lo faccio io

    Natale quest'anno è stato di domenica, quindi non c'è stato problema con la scuola, ma normalmente le scuole indiane il giorno di Natale concedono una 'tregua' e vengono chiuse, alcune danno persino le vacanze vere e proprie di...

    Federico

    da Rieti in India per un anno

  • Prossima Storia

    Frenesia e tranquillità

    Apro gli occhi e trovo grattacieli, li chiudo e trovo templi. La città opposta alla tranquillità, il traffico opposto al silenzio. Credo sia il modo migliore per descrivere Hong Kong. Frenesia contro relax. Vivo qui da più...

    Claudia

    Da Trani a Hong Kong per un anno

  • Prossima Storia

    Mi sono già affezionata!

    La scuola qui in Cile è abbastanza diversa da quella italiana, prima di tutto per via dell'uniforme che dobbiamo indossare. Credo che sia una cosa positiva – almeno, a me piace! - perché la mattina sai già cosa metterti...

    Erica

    Da Grosseto in Cile per un anno

  • Prossima Storia

    Pensieri dal Brasile. Il Diario di Davide

    Scoperta di posti fantastici qui in Brasile; scoperta di un legame davvero forte con la famiglia ospitante e gli altri studenti di scambio e soprattutto la scoperta di quanto una giornata normale possa rimanere impressa per sempre nella mia...

    Davide

    da Matera in Brasile

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here