Un sogno fatto a fiocco di neve

Luisa

Da Lanusei-Tortolì in Canada per un anno

Quando ho saputo di essere stata presa per il programma in Canada sapevo già che da lì in poi, sarebbe iniziata un’avventura che mi avrebbe segnata, in positivo naturalmente. Sapevo che sarei cambiata, maturata, che avrei avuto sempre una marcia in più, sapevo che i miei orizzonti si sarebbero espansi... sapevo che il mio sogno stava solo iniziando.

Essere parte della grande famiglia di Intercultura ti fa sentire fiera, ti fa sentire parte di una grande famiglia multiculturale, anche a 5000 km lontani, perché la distanza separa i corpi, ma non i cuori.
Vivo la mia avventura in un piccolo paesino in Québec, dove abito da quasi 5 mesi, e posso dire che sino ad ora ho visto i paesaggi più belli della mia vita.

Ma perché il Canada?
Scegliere di stare in Canada significa innamorarsi ogni giorno dei suoi paesaggi; conoscere persone che nonostante il rigido inverno hanno sempre il sorriso; vedere l’autunno con tutte le sue sfumature (le zucche intagliate e le foglie che cadono lente); vivere l’inverno (il bellissimo e gelido inverno canadese che gela le ciglia e fa arrossire le guance). Per me che non avevo mai visto la neve é stato uno spettacolo che non dimenticherò mai, vedere tutta la strada ricoperta da un manto bianco e sentire affondare i miei stivali nella neve era sempre un emozione nuova, bellissima!

I canadesi sono persone gentilissime, accoglienti e amichevoli e sopratutto... Amano il cibo italiano! Appena hanno saputo che sono italiana mi hanno pregato di insegnargli a fare la pasta fatta in casa! Dire che é facile farsi degli amici é dire poco!

Ma sopratutto a scuola, dove sin dal primo giorno tutti sapevano che c’era una nuova ragazza. Mi chiamavano ‘l’italienne’ cioé l’italiana, e ancora adesso i miei amici mi chiamano cosi! A proposito, la scuola é meravigliosa. Sono stata impressionata dal modo di insegnare dei professori: la lezione non é mai noiosa e anche le materie più difficili s’imparano facilmente perché studiare è un piacere!
In Canada c’é la possibilità di scegliere i corsi che si vogliono seguire , e devo dire che mi trovo benissimo con i miei compagni di classe e con gli insegnanti, che sin dall’inizio (quando non capivo niente di francese) mi hanno supportato e mi hanno aiutato tantissimo.
(In più amo la mia uniforme, la trovo utilissima perché di mattina non perdo mai tempo a cercare cosa mettermi nell’armadio.)

La mia famiglia é unica, abbiamo instaurato un forte rapporto, sopratutto con i miei fratellini. É la sensazione più bella del mondo "sentirsi a casa", lontani dalla propria!
Cuciniamo sempre insieme, piatti italiani e canadesi. É sempre bello scoprire sapori nuovi. Avrò sempre un bellissimo ricordo di questa famiglia, perché Intercultura significa anche questo: « always making memories that we will never forget ».

Per farla breve, quello che sto cercando di dire é di scegliere questo paese perché il Canada ti gela la faccia ma ti scalda il cuore, ti insegna tanto e ti regala emozioni nelle piccole cose, come giocare nella neve alta 1 metro e mezzo, a -30 gradi, bere una cioccolata calda con gli amici nella spa mentre ti si gelano i capelli, fare sport sulla neve, esplorare i fantastici paesaggi mozzafiato, passeggiare nelle vie luminose di Montreal, assaggiare nuovi piatti mai visti e sopratutto... divertirsi imparando a essere cittadini nel mondo!

Luisa

Da Lanusei-Tortolì in Canada per un anno

  • Prossima Storia

    Una cultura basata sullo hygge

    Quando sento nominare Intercultura mi emoziono ogni volta. A distanza di tredici anni mi sembra ancora di poter sentire il sapore della carne al barbecue; la musica anni ’80 delle feste a scuola; il profumo speziato dei dolci natalizi,...

    Arianna

    Da Trento in Danimarca per un anno

  • Prossima Storia

    Un anno è lungo, ma è comunque troppo corto!

    "Buongiorno principessa!"I miei compagni di classe non conoscevano neanche il mio nome, eppure sono riusciti ad accogliermi ricordandomi che una piccola parte del mio Paese può arrivare, in qualche modo, anche dall'altro lato del pianeta....

    Sibilla

    Da Castellammare di Stabia in Cile per un anno

  • Prossima Storia

    Da questo Paese che ormai è casa..

    Sono Sara Montelatici, e sto facendo un anno in Malesia. Voglio raccontare quelli che sono alcuni degli aspetti della mia esperienza attraverso queste foto.Foto 1 Questa è la mia sorellina nella mia prima famiglia ospitante, Nur, 7 anni....

    Sara

    Da Milano in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    La mia esperienza in Belgio

    Mi chiamo Alice e ho 17 anni, quasi 18. Sto facendo un anno all’estero, precisamente in Belgio, parte fiamminga, e vorrei raccontare un po’ di quello che si prova ad essere nei miei panni. Vorrei cominciare dicendo che per quanto...

    Alice

    Da Viterbo in Belgio per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here