Un viaggio per cercare se stessi

Vittorio

Da Parma in Danimarca per un anno

Sono Vittorio e sono in Danimarca da esattamente 100 giorni.Non mi sembra neanche vero, ricordo come fosse ieri la mia partenza le mie preoccupazioni, la mia ansia e la mia gioia. Prima di partire non sapevo quasi niente di questo magnifico, minuscolo paese che è la Danimarca. Ora, dopo 100 giorni, posso dire di sapere qualcosa in più: come la loro passione per le candele che accendono appena è possibile per rendere le loro case sempre più accoglienti, intime e hyggelig.
hyggelig:è una sensazione di calore, amichevole, famigliare, intimo, qualcosa insomma, che ti fa sentire a casaQuesta parola, hyggelig, è una delle parole più affascinanti che ho imparato perché non ha alcuna traduzione letterale in nessuna altra lingua; il significato di questa parola è ampio, è una sensazione di calore, amichevole, famigliare, intimo, qualcosa insomma, che ti fa sentire a casa; perché sì, adesso posso considerare la Danimarca come la mia casa, la mia seconda casa.

Si dicono molte cose su i danesi, come per esempio che sono freddi; io invece ho scoperto che sono tutt’altro che freddi. Possono apparire così ma appena conosci veramente un danese, diventerà la persona più speciale che tu abbia mai conosciuto. Sento che sto cambiando, che un pezzo di Danimarca mi sta entrando dentro, sento la mia Italia vicina come non mai e sento di avere la consapevolezza di poter fare qualsiasi cosa desideri se ci credo veramente. Sento che questo viaggio non finirà dopo questi dieci mesi, ma che continuerà ad accompagnarmi per sempre.
Sento che questo viaggio non finirà dopo questi dieci mesi, ma che continuerà ad accompagnarmi per sempreTre mesi fa mi lasciavo alle spalle e sotto ai piedi la mia Italia, quel Paese che mi ha cresciuto, quel Paese che sentivo come la mia unica casa, quel Paese che, adesso, sento più che mai dentro di me, ma con la consapevolezza di poter sentirmi a casa dovunque nel mondo, perché nessuno può decidere dove nascere, ma si può decidere dove sentirsi a casa; perché la casa è quel posto dove, quando ci andate, vi accolgono sempre. Come direbbe un danese, “at rejse er at leve” (viaggiare è vivere).
Casa è quel luogo che i nostri piedi possono lasciare, ma i nostri cuori no.
(Oliver Wendell Holmes)

Vittorio

Da Parma in Danimarca per un anno

  • Prossima Storia

    Un primo giorno speciale

    Eccomi qua; in un posto che non mi appartiene, cercando di comunicare in una lingua che non mi appartiene. Sono Fabiana e sto frequentando il mio anno di scambio in Russia, esattamente in un paesino chiamato Aфипский (afipskij) che si tro...

    Fabiana

    Da Giarre in Russia per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo vero Natale

    Quando l'anno scorso ho partecipato al concorso per partire con Intercultura, la mia idea era quella di viaggiare.Non mi interessava migliorare una lingua studiata a scuola e tanto meno avevo il sogno di vivere in una precisa nazione. Così...

    Meri

    Da Asti in Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    Serbia! La mia seconda casa

    Serbia! La mia seconda casa. Quando ho sentito nominare questo Paese da una ragazza serba durante il suo anno di scambio, non sapevo nemmeno dov'era.Lei mi disse che nessuno vuole andare in questo Paese e che è un Paese dal quale i giovani...

    Julia

    Da Siracusa in Serbia per un anno

  • Prossima Storia

    Come si può ridurre tutto in un racconto?

    Vorrei rivedere i miei amici sparsi per il globo, i miei amici indiani al secondo posto e sempre dopo le mie famiglie ospitanti, che per me rimangono le numero uno! Ah e ora ve lo racconto il perché delle due famglie. A quanto pare io...

    Emily

    Da Bolzano in India per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here