Volevo diventare italiana

Nadia

Dalla Russia ad Ancona per un anno

Da tanti anni pensavo di partecipare al programma Intercultura e quando ho scelto l'Italia non sapevo quasi niente di questo Paese.La causa principale di questa scelta era la volontà di cambiare, diventare più aperta, amichevole e allegra come sono gli italiani. Secondo me, il mio scopo è stato ottenuto, almeno parzialmente.
Ricordo come ieri le mie emozioni all'arrivo: tanta confusione, interesse per tutto, incomprensione della lingua. Era tutto nuovo: la famiglia, la scuola, la casa, gli amici. Ho imparato passo dopo passo con l'aiuto della mia famiglia italiana a sopravvivere a scuola e nella grandissima famiglia stessa, che ha tanti amici e conoscenti. Quando la barriera linguistica è caduta è iniziata una nuova lotta dentro di me: ogni giorno mi sforzavo di capire le persone, il loro modo di pensare e vivere. Non è stato facile, sapevo che i miei vicini non mi capivano bene, ma questo fatto è stato una grande parte dell'esperienza che comunque non vorrei cancellare.
Quando la barriera linguistica è caduta è iniziata una nuova lotta dentro di me: ogni giorno mi sforzavo di capire le persone, il loro modo di pensare e vivereCon la mia famiglia ci sono stati tanti momenti bellissimi durante quest'anno. Sono stata davvero fortunata a vivere con le persone appassionate come me a viaggiare. Così ho visto la maggior parte del paese.

  • Nadia e la sua grande famiglia italiana
  • Nadia e la sua famiglia italiana in gita

La vita italiana di Nadia

La visita dei miei genitori russi è stata molto importante, mi ha fatto vedere tutta la mia vita da lontano e ho capito cosa devo cambiare. Secondo me, la mia famiglia italiana ha iniziato a capirmi meglio, e la comprensione reciproca ci ha dato una spinta a riguardare le nostri relazioni.
Adesso, alla fine della programma tengo un caro ricordo di ogni momento vissuto, di ogni persona che ho conosciuto. Voglio tanto bene a tutta la mia grande famiglia, i miei nuovi amici, la famiglia della settimana di scambio, i professori e i volontari che mi hanno aiutato e vorrei ringraziare tutti loro! Grazie a Intercultura che da la possibilità ai ragazzi di trovare se stessi e una nuova casa.

Leggi anche "L'amore non è a tempo determinato", la storia della famiglia ospitante di Nadia!

Nadia

Dalla Russia ad Ancona per un anno

  • Prossima Storia

    Incontro inatteso

    Come al solito, arrivo all’inizio dell’estate e non ho ancora deciso cosa farò nelle vacanze. E’ cosi da sempre, un po’ perché non riesco a decidere e un po’ per pigrizia. Ogni anno a luglio affermo...

    Aurora

    Mamma ospitante di Guo, dalla Cina in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Ritrovando vecchi amici

    Il germe dell'Intercultura, seminato da adolescenti, cresce e si svilupa come un albero sempre più alto e rigoglioso, dalle forti radici che si ramificano in ogni direzione fino ad incontrare, in qualche modo, l'origine da cui è...

    Intervista a Michael

    ospitato a Cagliari nel 1980

  • Prossima Storia

    Carnevale italiano!

    Le cose belle accadono quando un gruppo di studenti ospitati, provenienti da diversi paesi del mondo, si riunisce. Oggi è stato uno di quei giorni. La pioggia colorata si è posata sui nostri volti, e il freddo dell’inverno...

    Sofia

    volontaria del Centro locale di Parma

  • Prossima Storia

    Il mondo entra in casa nostra

    In famiglia abbiamo aspettato tutti con curiosità l’ arrivo della nostra nuova ospite, che avrebbe portato con sé regali di immagini, suoni e storie di paesi lontani e popoli sconosciuti. C’ è sempre qualcosa...

    Maura

    Mamma ospitante di Priscilla, dal Ghana a Salerno per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here