Volontaria per un giorno, un sorriso che resterà per sempre nel mio cuore

Martina

Da Roma Sud in Malesia per un anno

Era il 1° gennaio, io e alcuni amici indiani del mio villaggio eravamo andati in quello che noi chiamiamo “kampung”, cioè un villaggio rurale nel cuore della giungla malese.
C’era stata una forte alluvione e molte palafitte e case di legno erano andate distrutte o erano completamente sommerse. Molte persone erano accorse come volontari e anche noi ci aggiungemmo a loro per dare una mano, così ci dividemmo e io e due dei miei amici ci mettemmo a pulire, insieme ad altri volontari, una casetta di legno in pessime condizioni e allagata dal fango. A piedi scalzi, cominciammo a pulire e a portare fuori ogni mobile (se così lo si può chiamare) e tutti i vari oggetti e utensili. Mentre stavo ripulendo il cucinino, passando agli altri volontari piatti, padelle, bicchieri ecc., notai che dentro la credenza ormai distrutta c’era un piccolo orsacchiotto di peluche sommerso dal fango. Lo prendo ed esco chiedendo ai proprietari della casetta, pak cik e mak cik (uncle e aunty), se apparteneva a uno dei loro figli. Il più piccolo si nascondeva dietro la mamma e avrà avuto sui 5 anni, e appena vide l’orsacchiotto gli si illuminarono gli occhi, allora io mi chinai verso di lui e gli chiesi: “teddy bear ini adalah milik kamu?” che in lingua malese significa "questo orsacchiotto appartiene a te?" e lui con un sorriso immenso mi rispose "ya ya ini teddy bear saya! Terima kasih kakak!" (si si questo orsacchiotto è mio! Grazie sorella!).
C’era stata una forte alluvione e molte palafitte e case di legno erano andate distrutte o erano completamente sommerse. Molte persone erano accorse come volontari e anche noi ci aggiungemmo a loro per dare una mano.

Una volta finito di svuotare e ripulire la casa, marito e moglie ci hanno offerto papaya, jackfruit e altri frutti e riso cotto nel latte di cocco con una tipica salsa malese piccante, per ringraziarci dell'aiuto che avevamo loro offerto. La cosa meravigliosa di queste persone è che meno possiedono, più ti danno. Non avevano più niente, ma ci hanno offerto il loro tutto. Il sorriso di quel bambino, è stata una delle cose più belle del mio anno in Malesia.
La cosa meravigliosa di queste persone è che meno possiedono, più ti danno. Non avevano più niente, ma ci hanno offerto il loro tutto.

Martina

Da Roma Sud in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio viaggio nella Rainbow Nation

    Leoni, elefanti, zebre e giraffe, immense distese mozzafiato, Nelson Mandela e bianchi e neri che vivono insieme, non senza qualche difficoltà. Questo è ciò che di solito ci viene in mente appena pensiamo al Sudafrica. Lo...

    Martina

    Da Piacenza in Sudafrica per due mesi

  • Prossima Storia

    Grazie mamma!

    Boh, da dove iniziare? Probabilmente si deve tornare a novembre, mese in cui tutti noi, come ben sappiamo, ci troviamo a compilare il fatidico fascicolo andando a scavare tra le foto e cercando di presentarsi in un inglese perlomeno intuibile,...

    Mario

    Da Avezzano in Turchia per un anno

  • Prossima Storia

    La religione in Costa Rica: così diversa!

    Sono Angela e sto attualmente trascorrendo il mio anno all'estero in Costa Rica, meglio conosciuta come "la Svizzera del Centro America" o "il Paese più felice del mondo".Ci sono tantissimi aspetti di questa affascinante cultura di cui...

    Angela, da Bari al Costa Rica per un anno

    Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

  • Prossima Storia

    Simone in Costa Rica

    Simone ci racconta il suo Costa Rica da un'assolatissima spiaggia il...31 di dicembre!

    Simone

    Da Alessandria in Costa Rica per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here