L'ospitalità ci ha fatto sentire delle star!

Una studentessa del Liceo Scientifico "G. Banzi Bazoli" di Lecce

Partecipante ad uno scambio di classe con la Russia

È difficile abituarsi a non essere delle star. Strana frase, no? Però è capace di esprimere cosa si prova tornando dalla Russia, dove ci siamo recati per una decina di giorni grazie a uno scambio culturale organizzato dalla nostra scuola con Intercultura.Arrivando sul posto ci siamo da subito resi conto che tutti avevano una grande cura di noi. Sembrava che tutta la città avesse saputo chi eravamo, non di rado per strada si veniva avvicinati da ragazzi che ti chiedevano "Italianski?". Anche in famiglia il trattamento è stato ottimo per tutti noi. La famiglia "adottiva" ci trattava come se ne fossimo stati parte da sempre. Si preoccupava che non ci mancasse nulla, soprattutto il cibo: abbiamo tutti concordato che le dosi erano eccessive per il consumo di un solo individuo, ma se non avessimo accettato tutto, i nostri "genitori" si sarebbero offesi!
La tradizione culinaria russa vuole la consumazione di un brodo, una zuppa all'inizio del pasto. Dentro ci si può trovare di tutto: dalla carne al pesce, verdure di tutti i tipi. Come secondo altra carne con contorno di pasta, riso o patate, il tutto rigorosamente scondito. E poi si arriva alle tazze di tè con dolci a base di cioccolato e wafer. L'ospitalità, quindi, non è mancata!
La famiglia "adottiva" ci trattava come se ne fossimo stati parte da sempreUn problema che tutti abbiamo dovuto affrontare con le famiglie, però, era la lingua: con i nostri partner si comunicava in inglese, con i loro familiari ciò non era possibile. Con l'allenamento di dieci giorni ci siamo dovuti sforzare a imparare le cose basilari sul cibo, il bagno, il sonno in russo.
Oltre alle lezioni di russo, avevamo la possibilità di partecipare anche a lezioni su materie scientifiche come matematica, fisica, biologia, oppure di lingua (inglese, francese, tedesco): naturalmente alle prime potevamo solo assistere, in queste ultime, invece, eravamo coinvolti, o meglio, eravamo oggetto di conversazione in lingua. Diversamente da quanto succede in Italia, gli studenti si spostano da un'aula all'altra, ogni stanza è assegnata a un insegnante. Con il sistema russo ogni stanza è destinata allo studio di una materia precisa e questo consente di avere bellissime decorazioni alle pareti che riguardano la materia stessa.
Spero di aver suscitato in qualcuno la voglia di provare situazioni nuove: per quanto mi riguarda, il mio scambio è stato veramente fantastico e mi rendo conto che grazie a questo sono molto cresciuta: ho avuto modo di riflettere molto. Auguro a ciascuno la possibilità di vivere un'esperienza simile! Questo scambio è stato per me un'esperienza sicuramente indimenticabile. È fantastico vedere come ciò che a te sembra strano ad un altro sembri normale e addirittura scontato. È bello uscire dalla "routine" di ogni giorno, essere "costretti" a comunicare in un modo diverso dal solito, fare ciò che gli altri sono soliti fare, vivere in un ambiente completamente differente, sia da un punto di vista climatico e paesaggistico che culturale, e stupire ed essere stupito allo stesso modo e nello stesso momento.
È bello uscire dalla "routine" di ogni giorno, essere "costretti" a comunicare in un modo diverso dal solito!

Una studentessa del Liceo Scientifico "G. Banzi Bazoli" di Lecce

Partecipante ad uno scambio di classe con la Russia

  • Prossima Storia

    Essere mobili, ossia essere più vivi

    Chelsea era australiana, con gli occhi azzurri e la voce sottile. Nella scuola dove insegno io entrano tutti i giorni eroi omerici, poeti e filosofi, qualche scienziato pure, ma un’australiana studentessa internazionale non era arrivata...

    Mariarita Semprini

    Insegnante presso il liceo Giulio Cesare di Rimini

  • Prossima Storia

    Una storia lunga vent'anni

    Voglio raccontarvi una storia che comincia vent'anni fa, quando ho cominciato a organizzare scambi di classe con l'aiuto di Intercultura, e arriva fino ad oggi, con il video dell'ultimo scambio con Belgrado, di maggio, che vedete qui sotto.Siamo...

    Valeria Gallerani

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Cambi - Serrani di Falconara Marittima, AN

  • Prossima Storia

    Sono pronta a riabbracciare un ragazzo diventato uomo

    Maddalena, Michela, Ludovico, Carlo, Riccardo, Maria Cristina, Ludovica, Chiara, Enrico…tanti nomi a cui corrispondono tanti volti, tanti occhi dentro i quali si specchia la vita nel suo continuo divenire. La loro storia nel mondo è...

    Anna Rita Faggiano

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Banzi Bazoli di Lecce

  • Prossima Storia

    C'è tanto da imparare dalla Turchia!

    Riportiamo le testimonianze di un gruppo di studenti dell'IIS "A. Ruiz" di Augusta (SR) che hanno partecipato a uno scambio di classe con la Turchia, nella città di Adana. "E' inutile dire che è stata una vacanza senza eguali....

    Studenti dell'IIS "A. Ruiz" di Augusta (SR)

    Partecipanti ad uno scambio di classe con la Turchia

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here