FAQ

Domande e risposte

Programmi scolastici

Come si partecipa ai programmi scolastici? In che cosa consistono le selezioni?

I programmi di studio all’estero di Intercultura sono a concorso. Per parteciparvi, tutti i candidati devono sostenere un percorso di selezione che inizia poco dopo la scadenza delle iscrizioni in una sede definita dal Centro locale di Intercultura della propria zona. Le selezioni intendono valutare l’idoneità a partecipare ad un programma interculturale, in una famiglia, una scuola e una comunità sociale di un altro Paese. Servono inoltre a Intercultura per acquisire gli elementi di valutazione necessari per l’assegnazione dei posti all’estero e delle borse di studio disponibili. Gli incontri di selezione prevedono una prova di idoneità ai programmi di Intercultura, colloqui individuali con i volontari dell’Associazione, attività di gruppo con i ragazzi che hanno già fatto questa esperienza e un incontro con i genitori degli studenti. Intercultura valuta anche i risultati scolastici dell’anno in corso e degli ultimi due anni (la maggior parte delle scuole all’estero non accetta la candidatura di studenti che negli ultimi due anni scolastici abbiano riportato bocciature e/o debiti significativi).

Per chi intende partecipare solo ai programmi estivi (e dunque si iscrive dopo il 10 novembre), la procedura per la selezione può essere semplificata. Puoi consultarla alla pagina www.intercultura.it/estivi

Entro quando mi devo iscrivere alle selezioni?

Per iscriversi alle selezioni per i programmi scolastici la scadenza è ogni anno il 10 novembre. Ci si iscrive registrandosi al sito di Intercultura e compilando il modulo di iscrizione online (è richiesto il pagamento della quota di iscrizione di 50 euro, che non sono rimborsabili). Per i programmi estivi invece, le scadenze sono più lunghe. Puoi consultarle alla pagina www.intercultura.it/estivi.

Cosa succede dopo il primo incontro del percorso di selezione?

Superata la prova di idoneità, lo studente deve compilare online un fascicolo di presentazione per presentare sé stesso e la sua famiglia. È previsto anche un nuovo colloquio con i volontari, alla presenza dei tuoi genitori (in alcuni casi, ad esempio per i programmi estivi, le modalità del secondo colloquio possono essere diverse). I volontari ti indicheranno il termine ultimo entro il quale la documentazione dovrà essere compilata.

Non intendo richiedere una borsa di studio, devo fare lo stesso le selezioni?

Sì, tutti i candidati devono effettuare le selezione, indipendentemente dalle modalità economiche con cui partecipano al concorso.

Quanto costa? Come funziona la scelta del Paese di destinazione?

I costi e le modalità di partecipazione variano in funzione della destinazione, della durata del programma e dell’eventuale richiesta di una borsa di studio.
Se scegli di partecipare versando l’intera quota di partecipazione, avrai la possibilità di esprimere anche una sola preferenza per il Paese di destinazione e riceverai più velocemente una risposta da Intercultura (vedi la pagina Quote di partecipazione).
Se invece intendi richiedere una borsa di studio a Intercultura per coprire in tutto o in parte la quota di partecipazione, dovrai fornire alcune informazioni sulla situazione economica della tua famiglia e sarai tenuto ad indicare almeno tre destinazioni (vedi la pagina Borse di studio Intercultura).
Inoltre, se sei in possesso dei requisiti richiesti, puoi anche provare ad aggiudicarti una delle centinaia di borse di studio offerte da società ed enti sponsor che collaborano con Intercultura (vedi la pagina Borse di studio sponsorizzate).
Avrai tempo per approfondire tutti i dettagli durante il periodo delle selezioni e potrai formulare le tue scelte al momento della compilazione del fascicolo online.

Se concorro senza richiedere una borsa di studio, che differenze ci sono?

Rispetto a chi richiede una borsa di studio, conoscerai prima la risposta (entro il 31 gennaio) poiché Intercultura non dovrà impiegare del tempo ad esaminare la situazione economica della tua famiglia. Inoltre non sarai tenuto a indicare più preferenze come programmi richiesti (durata e Paesi di destinazione), anche se Intercultura consiglia a tutti i candidati di farlo, per aumentare le possibilità di vedersi assegnato uno dei posti disponibili.

Se partecipo all'assegnazione di una borsa di studio sponsorizzata e non la vinco, posso ancora partire ?

Sì, nel tuo fascicolo online potrai indicare che, se non vinci la borsa sponsorizzata, ti candidi comunque a partecipare ai programmi di Intercultura, specificando se a quel punto vuoi concorrere per una borsa di studio offerta da Intercultura oppure vuoi candidarti a un posto che prevede il versamento della quota di partecipazione.

Come faccio a sapere quanti posti ci sono per i vari programmi?

Il numero dei posti a disposizione varia durante l'anno a seconda degli accordi che Intercultura definisce con le organizzazioni partner all'estero. Per sapere se una destinazione offre maggiori o minori possibilità di partenza, puoi rivolgerti ai volontari.

Come posso saperne di più sull'esperienza in uno specifico Paese?

Durante il primo incontri di selezione ti sarà consegnato il Manuale, "Paese che va, cultura che trovi", dove troverai i numeri di telefono dei ragazzi che hanno già partecipato. Anche i volontari del tuo Centro locale sono un prezioso punto di riferimento a cui chiedere. Infine, non dimenticarti di utilizzare la funzione "Mi sento fortunato", che trovi a questa pagina del sito, per scoprire un Paese sempre nuovo.

Qual è il ruolo dei volontari?

“Lo fanno con il cuore, chi li conosce ne rimane impressionato”. Così un genitore di un ragazzo italiano all’estero ha definito i volontari dell’Associazione. In effetti, i volontari sono l’elemento fondante e il valore aggiunto della proposta di Intercultura. Dedicano il loro tempo libero a far conoscere i programmi nelle scuole, selezionano i candidati che vanno all’estero e le famiglie che accolgono gli studenti in Italia, li preparano a vivere l’esperienza e li assistono per tutta la durata del programma, a titolo del tutto gratuito. I volontari promuovono il dialogo interculturale tra uomini e donne di tutte le culture, nella convinzione che la conoscenza reciproca e la comprensione delle diversità siano la chiave per un mondo senza barriere.

Come posso conoscere i volontari che abitano nella mia zona?

Durante l'anno, specialmente nel periodo in cui sono aperte le iscrizioni al concorso, i volontari organizzano spesso incontri informativi e attività. Consulta la sezione News ed Eventi per vedere il calendario degli appuntamenti oppure visita la pagina del tuo Centro locale.

Come sono selezionate le famiglie?

La ricerca e la selezione delle famiglie ospitanti vengono svolte dai volontari e dallo staff delle organizzazioni affiliate a Intercultura all’estero, seguendo criteri di qualità prestabiliti e con modalità che possono variare a seconda del Paese. La maggior parte dei programmi di Intercultura prevede la sistemazione in una famiglia non retribuita (solo per alcuni programmi in Canada, Irlanda e Nuova Zelanda le famiglie ospitanti ricevono un sostegno economico).
Tutte le famiglie ospitanti accolgono gli studenti mosse dal desiderio di vivere un’esperienza di scambio interculturale, durante la quale nascono spesso relazioni che durano per tutta la vita.
I programmi scolastici annuali in Cina, India e Thailandia prevedono anche la possibilità di scegliere la formula in boarding school, in cui di norma lo studente soggiorna in residenza scolastica durante la settimana e in famiglia nei fine settimana (per i dettagli, consulta le descrizioni dei singoli programmi alla pagina Destinazioni e periodi)

Come funziona l’assistenza?

Tu e la tua famiglia ospitante sarete affiancati da un assistente che collabora con altri volontari e con lo staff dell’organizzazione affiliata a Intercultura: potrai rivolgerti a loro per qualsiasi necessità. Inoltre è attivo 24 ore su 24 un numero di telefono per la gestione di eventuali emergenze. Anche gli incontri individuali e le attività di formazione in gruppo che vengono organizzati durante il soggiorno all’estero sono momenti importanti per ricevere sostegno e riflettere sull’esperienza. Lo scopo dell’assistenza non è quello di assecondare ogni richiesta, ma fornire strumenti per comprendere, affrontare e risolvere le difficoltà che si possono incontrare. Se con la tua famiglia ospitante dovessero sorgere incomprensioni e difficoltà insormontabili, i volontari locali potranno procedere ad un cambio famiglia, sentito il tuo parere e quello della famiglia ospitante. I volontari e il personale di Intercultura seguono dall’Italia l’evoluzione dell’esperienza e collaborano alla soluzione di eventuali problemi.
Ai genitori viene proposto un calendario di incontri a livello locale per condividere il percorso che stanno facendo i loro figli.

E se c'è un'emergenza?

In tutto il mondo la rete Intercultura/AFS garantisce una costante assistenza diretta e personale. Ove questo non fosse realizzabile in tempi brevi, è comunque garantita un’immediata assistenza attraverso contatti telefonici e di posta elettronica sempre attivi. Inoltre in tutti i Paesi è operativo 24 ore su 24 un servizio di reperibilità per le emergenze, gestito dalle organizzazioni partner di Intercultura.

L’anno all’estero viene riconosciuto?

Sì. La normativa scolastica italiana riconosce l’anno scolastico frequentato all’estero (o parte di esso) e consente di accedere alla classe successiva senza ripetere l’anno. Il Ministero dell’Istruzione ha chiarito nella nota 843/2013 che le esperienze di studio all’estero sono “parte integrante dei percorsi di formazione e di istruzione” e che sono “valide per la riammissione nell’istituto di provenienza”. La nota prevede anche che ogni scuola definisca in autonomia le modalità di reinserimento. Prima di partire, dovrai quindi confrontarti con i tuoi insegnanti in modo da stabilire molto chiaramente la procedura da seguire al rientro e gli argomenti fondamentali che dovrai eventualmente recuperare. Anche durante il programma all’estero è importante che tu mantenga i contatti con i tuoi insegnanti per aggiornarli sull’esperienza che stai vivendo e sulla tua vita scolastica all’estero.
Infine, prima del rientro, dovrai raccogliere tutta la documentazione scolastica rilasciata dalla scuola ospitante in modo da facilitare la riammissione. Intercultura ti sosterrà in questo percorso, fornendo a te e alla tua scuola indicazioni, strumenti e suggerimenti su come operare. Il testo completo della circolare e un articolo di commento sono disponibili alla pagina www.intercultura.it/normativa.

L'esperienza di studio all'estero è valida per l'Alternanza Scuola Lavoro?

Sì. La normativa scolastica (nota MIUR 3355 del 28/3/2017) equipara le esperienze di studio all’estero ai progetti di Alternanza Scuola Lavoro, tenendo conto dell’indubbio valore formativo che un periodo di formazione all’estero rappresenta. Il Ministero dell’Istruzione indica alle scuole l’opportunità di personalizzare il progetto di Alternanza Scuola Lavoro prendendo in considerazione le esperienze e le competenze maturate all’estero “evitando di applicare nel loro progetto di Alternanza un modello standardizzato”.
Come descritto nella pagina Fasi del programma, al fine di fornire alla scuola gli elementi per valutare il tuo intero percorso, Intercultura ti fornirà al termine di ogni fase del programma la certificazione delle competenze acquisite.

La scuola mi preoccupa molto. Cosa succede se a giugno ho una sospensione di giudizio o vengo addirittura bocciato?

In caso di bocciatura verresti escluso dal programma scolastico di Intercultura, mentre, in caso di sospensione di giudizio, dipende da come la tua scuola è organizzata: ci sono istituti che permettono il recupero in tempi utili prima della partenza e scuole che, invece, non danno questa possibilità. Non è possibile prevedere la partenza per il programma e un successivo rientro temporaneo in Italia per recuperare la sospensione di giudizio.

Sono stato bocciato in passato. Posso partecipare comunque?

Se la bocciatura risale agli ultimi due anni, si terrà conto di questo nella valutazione globale ma non è un limite alla tua candidatura. Purtroppo, però, se sei stato bocciato negli ultimi due anni non potrai fare richiesta per la borsa di studio totale al 100%, la borsa di studio parziale all'80% o la borsa di studio parziale al 60%

È possibile ottenere il diploma all’estero, e in questo caso viene riconosciuto in Italia?

Alcune scuole estere rilasciano una pagella o documentazione più formale, ma non tutte le scuole lo fanno e la situazione varia in base alla differenza dei sistemi scolastici, della preparazione dei nostri studenti rispetto ai loro programmi, della difficoltà della lingua. In ogni caso, la normativa scolastica italiana non prevede che gli studenti riportino la promozione alla classe superiore nella scuola estera, ma incoraggia la scuola italiana a raccogliere informazioni relativamente ai programmi di studio e al sistema di valutazione seguito presso le scuole straniere, in quanto é la scuola italiana che ammette e reintegra il proprio alunno, non la scuola estera.

Intercultura, attraverso le organizzazioni dei Paesi ospitanti, sollecita affinché le scuole ospitanti rilascino un attestato di frequenza e valutazione descrittivo delle materie, tuttavia, non può garantire in nessun modo il rilascio del diploma all’estero. Anche nel caso in cui la scuola non rilasci un diploma, lo studente dovrà comunque richiedere la documentazione (in genere un certificato di frequenza e valutazione) che attesti la frequenza e il profitto dello studente all’estero e che, congiuntamente al colloquio integrativo effettuato al rientro nella scuola italiana consenta il reinserimento scolastico senza perdere l’anno. È responsabilità del partecipante procurarsi questi documenti e portarli personalmente alla scuola italiana al suo rientro.

La mia media è sotto al 7. Posso partecipare comunque al concorso?

Sì, puoi iscriverti al concorso. La media del 7 è necessaria solo per chi richiede una borsa di studio totale al 100% o una borsa parziale all'80% offerta da Intercultura (se invece concorri per una borsa offerte da uno sponsor, controlla nel bando specifico se sono previsti requisiti diversi). Ricorda comunque che in generale per superare le selezioni è importante che tu abbia un buon andamento scolastico nell'anno in corso e che i risultati degli ultimi due anni concorrono alla tua valutazione.

Cosa succede se partecipo ad un programma in un Paese in cui il calendario scolastico è diverso rispetto all'Italia?

La partenza, anche per i programmi che si svolgono nell’altro emisfero, avviene sempre in estate. Chi partecipa a questi programmi arriva nel Paese ospitante quando sta cominciando il secondo quadrimestre (o il terzo, a seconda dei Paesi): lo studente frequenta perciò quel quadrimestre nella scuola ospitante e quindi conclude l’anno scolastico. Successivamente trascorre le vacanze estive (che corrispondono al nostro inverno) e poi riprende la scuola nel primo quadrimestre dell’anno successivo, con la stessa classe ospitante e gli stessi compagni lasciati prima delle vacanze. La normativa scolastica italiana vigente non pone vincoli di calendario scolastico.

Se parto, sono obbligato a ospitare?

L'ospitalità reciproca è prevista solo per i programmi trimestrali. Intercultura consiglia sempre di associare un programma di ospitalità per rendere completa l’esperienza, ma non è obbligatorio per i programmi che non lo prevedono.

Fra le mie scelte posso mettere programmi di durata diversa?

Sì. Puoi fare richiesta per i programmi che preferisci, l’importante è che tu controlli di rientrare nella giusta fascia d’età. In alcuni casi ci sono Paesi che non accettano candidati con alcune allergie o condizioni fisiche o salutari limitanti. Per maggiori dettagli controlla le pagine di descrizione dei singoli Paesi nella pagina destinazioni e periodi ed eventualmente chiedi informazioni ai tuoi volontari.

Mi devo preparare per le selezioni?

No, non occorre. La prova di idoneità consiste in una serie di domande e affermazioni verso le quali sei invitato a esprimere il tuo parere e il tuo punto di vista, perciò non dovrai prepararti. Il colloquio sarà in italiano e fondamentalmente consisterà in una chiacchierata per conoscersi meglio reciprocamente. Ti verranno fatte delle domande su te stesso, sulla tua famiglia, sulle tue abitudini e interessi.

I sistemi scolastici di Honduras, India, Thailandia e USA richiedono un livello minimo di inglese per accogliere uno studente straniero. Sarà cura dei volontari informare per quali destinazioni è richiesto e comunicare le modalità e i tempi di somministrazione. Solo chi raggiungerà il livello minimo potrà accedere a queste destinazioni.

Cosa comprendono la quota di partecipazione o la borsa di studio?

Qualunque sia il contributo versato dalla famiglia, tutti i vincitori del concorso partecipano alle medesime attività e godono degli stessi benefici.

I servizi offerti da Intercultura sono: la selezione e il percorso di formazione prima, durante e dopo il soggiorno all’estero, il viaggio internazionale con vettori scelti da Intercultura, l’ospitalità per tutta la durata del programma, la frequenza alla scuola e i libri di testo, l’assistenza all’estero, la copertura assicurativa per responsabilità verso terzi, l’assicurazione per incidenti, per malattie e per invalidità permanente. Sono escluse le cure odontoiatriche, oculistiche e per malattie pregresse in genere.

La quota di partecipazione o la borsa di studio di Intercultura non comprendono le spese per passaporto, visti (per alcune indicazioni sui possibili costi si veda la pagina www.intercultura.it/informazioni-visti), eventuali altre vaccinazioni richieste, l’uniforme scolastica (dove necessaria), le spese di viaggio per/da la città di partenza/arrivo in Italia e le spese personali in genere. Maggiori dettagli sulla copertura assicurativa si trovano a questa pagina.

Che tipo di scuola frequenterò mentre sono all’estero?

Verrai iscritto nella stessa scuola dei tuoi coetanei in loco. Molto spesso le scuole all’estero sono di tipo “comprehensive”, ovvero più generaliste e con meno distinzioni rispetto ai diversi tipi di scuole italiane. All’interno della scuola potrai avere la possibilità di scegliere le materie del piano di studi in base a ciò che è disponibile. Con l’aiuto del tutor scolastico e l’approvazione dei professori della scuola ospitante, potrai scegliere le materie che ti interessa frequentare in base alle conoscenze e i tuoi interessi personali.

Una cosa è molto importante da tenere a mente: molto spesso alcune materie normalmente frequentate in Italia (l’esempio classico è il latino) non vengono impartite nelle scuole del Paese ospitante. In questo caso è bene concordare un programma di recupero con il proprio insegnante nella scuola italiana. Viceversa, capita spesso che all’estero si abbia la possibilità di studiare materie che non trovano spazio o che vengono trascurate nella scuola italiana, e che potranno diventare un elemento distintivo nella tua formazione scolastica e personale.

Come posso prepararmi a un’esperienza di studio all’estero?

Intercultura ti aiuterà a prepararti. I volontari locali infatti ti accompagneranno in un percorso di formazione apposito. Le date di questi incontri ti saranno comunicate all’incirca nel corso del mese di aprile. Questi incontri sono parte integrante del programma Intercultura, di importanza fondamentale per iniziare a conoscere e comprendere i contenuti di un’esperienza interculturale, e sono anche un’occasione di incontro con gli altri ragazzi e ragazze in partenza. Anche per i tuoi genitori sono previsti degli incontri formativi in cui saranno fornite tutte le informazioni logistiche e pratiche per la tua partenza.
Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here