10 motivi per andare in Russia

Andrea

Da Varese in Russia per un anno

Andrea, partecipante al programma annuale in Russia, ci spiega in dieci punti perchè ogni studente dovrebbe scegliere la Russia come destinazione.
Ormai vivo in Russia da 6 mesi, e in questo periodo ho scoperto (e continuo a scoprire) dei nuovi aspetti di questo paese che me me fanno innamorare sempre più. Ecco quindi i miei 10 motivi per cui scegliere la Russia!

1. La Russia è il paese più grande del mondo.
Fin dal primo viaggio in autobus (durato 8 ore) sono rimasto senza fiato davanti ai paesaggi russi: guardando fuori dal finestrino non si può che perdere lo sguardo nei campi sconfinati o tra i tronchi di fittissimi boschi. I lunghissimi viaggi in treno, poi, rappresentano dei momenti molto particolari in cui divertirsi, giocare, cantare, conoscere altre persone, e soprattutto se stessi. Sono esperienze che non si possono dimenticare!
2. Natura.
Se dovessi descrivere la natura russa con una sola parola, direi “colori”: verde, arancione, giallo, oro, marrone, bianco e azzurro si susseguono con le stagioni, e vestono gli stessi luoghi con abiti sempre diversi, rendendoli sempre entusiasmanti. Andando a scuola, moltissime volte mi sono fermato per scattare qualche foto alla neve illuminata dal sole dell’alba, rischiando anche di tardare!

3. Sport.
Da amante dello sport, è uno dei motivi per cui ho scelto questo paese, e non sono stato affatto deluso. In Russia lo sport è molto valorizzato a partire dalla scuola, e il freddo non è affatto un ostacolo: pattinare, sciare o giocare a hockey sono solo alcune delle attività che i russi amano praticare d’inverno.

4. Storia.
Passeggiando per le vie e le piazze, le statue di personaggi ed eroi del passato rimandano ad avvenimenti ormai lontani, ma ancora ben presenti nella memoria delle persone. Ciò che più mi ha stupito è che quasi ogni scuola possiede un proprio piccolo museo, pieno di oggetti molto interessanti!

5. Strade.
Le strade in Russia sono molto particolari. Nei piccoli parchi tra gli altissimi condomini si vedono bambini e nonni giocare insieme; i silenziosi sentieri che attraversano i boschi innevati pullulano di persone a passeggio col cane; di sera i centri illuminati delle città sembrano luoghi delle favole; e vi assicuro che l’unico orso che abbia mai visto qui fosse una statua!

6. Lingua russa.
Il russo è una lingua difficile e richiede tempo per essere imparato, ma proprio per questo rappresenta per me una sfida molto appagante: azzeccare i casi mi dà una soddisfazione enorme! Inoltre, la letteratura russa è famosa in tutto il mondo, e vale assolutamente la pena di essere letta in lingua originale.

7. Architettura.
In ogni città in cui sono stato finora ho potuto visitare molte chiese ortodosse dalle tipiche e bellissime cupole colorate. La metropolitana di Mosca, inoltre, è un luogo unico: nonostante il traffico e la frenesia (come in qualsiasi metro) non si può che fermarsi ogni tanto per ammirarne le volte di marmo e le bellissime decorazioni.
8. Danza e musica.
Ho ballato e cantato in questi 6 mesi più di quanto avessi fatto in Italia in 17 anni, e semplicemente non me lo sari mai aspettato. Sono due delle moltissime attività che ho migliorato qui!

9. Tradizioni e feste.
Sono molte le tradizioni uniche che ho scoperto qui. Babbo Natale non esiste, e i regali vengono portati a Capodanno da “Nonno Gelo” (Дед Мороз) e sua nipote “Principessa di neve” (Снегурочка). La settimana della Maslenitsa, a febbraio, rappresenta l’addio all’inverno e il benvenuto alla primavera: ed è l’occasione giusta per mangiare i блины (simili ai pancakes), il mio dolce russo preferito!
10. Persone.
Molti pensano che i russi siano persone fredde e che non si aprano mai agli altri, ma non è affatto così. È vero, all’inizio possono essere diffidenti e può richiedere del tempo affinchè imparino a fidarsi completamente: ma da quel momento si può essere sicuri di aver formato amicizie e legami che niente potrà separare. Ecco perché bisogna venire in Russia!

Andrea

Da Varese in Russia per un anno

  • Prossima Storia

    Un anno d'estate

    Esiste una serie di momenti che ognuno di noi, dentro di sé, ricorda e custodisce come gli attimi più importanti della propria esistenza, quelli che hanno fatto la differenza, che hanno cambiato tutto. Per me il momento che ha...

    Elena

    Da Roma a Panama per un anno

  • Prossima Storia

    Da Vadodara a Bruxelles per difendere i diritti umani: la storia di Augusta

    Ho frequentato il liceo classico di Città di Castello (Perugia) e nel 2010-2011 ho trascorso un anno a Vadodara (Gujarat, India) con Intercultura. La scelta di questo Paese è avvenuta sulla scia di una spinta più emotiva...

    Augusta

    da Perugia in India per un anno

  • Prossima Storia

    Una discesa velocissima

    Mi sveglio alle 6.45 ogni mattina, faccio colazione con la mia sorellina e la mia mamma ospitante ed alle 7.35 sono pronta per andare alla fermata dell'autobus. Salgo sulla bici e, dopo dieci minuti in mezzo ai campi, passando pecore, galline...

    Viola

    Da Livorno in Belgio fiammingo per un anno

  • Prossima Storia

    Prima e dopo

    L’inizio Vivo nella città di Nanchino e frequento la 南京第三高级中学, dove ho trovato compagni simpatici e disponibili pronti a darmi una mano tutte le volte in cui non comprendo qualcosa della loro lingua. I ragazzi della classe ha...

    Francesco

    Da Enna in Cina per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here