L'amore non è a tempo determinato

Gianni

Papà ospitante di Nadia, dalla Russia ad Ancona per un anno

Abbiamo aderito al programma di ospitalità propostoci da intercultura con il nostro solito entusiasmo: la nostra casa è stata spesso paragonata ad un porto di mare (del resto, non potrebbe essere altrimenti dato che abitiamo ad Ancona) perché io e Alessandra abbiamo fatto dell'accoglienza un nostro personale stile familiare basato sulla convinzione che lo stabilire dei legami emotivi è la vera ricchezza di questa vita e ciò che rende emozionante viverla.Solo ora che abbiamo conosciuto tanti degli aspetti di Nadia riusciamo a capire che sforzo abbia fatto, lei così riservata, poco abituata ad esternare i suoi sentimenti. Eccoci quindi alla fine di questo percorso di un anno, partito in una serata ventosa di settembre, in cui Nadia, da San Pietroburgo, con i suo grandi occhi neri ed il suo sorriso garbato, è entrata in casa nostra. I nostri primi passi si sono mossi in un inglese immediatamente abbandonato proprio per sua volontà, e con grande determinazione Nadia è voluta entrare nella nostra realtà di famiglia italiana. Una famiglia caotica, ricca di legami familiari e amicizie, due figli, un cane, una nonna sempre presente, amici di una vita e che spesso amava ritrovarsi in lunghe tavolate nella nostra taverna tra lasagne e chiacchiere.
I nostri primi passi si sono mossi in un inglese immediatamente abbandonato proprio per sua volontàE' proprio lì che Nadia ha mosso i suoi primi passi italiani, cercando in tutti i modi di abituarsi ai rumori, ai cibi, ai sorrisi in un gran vortice emotivo che in un primo tempo l'ha lasciata senza fiato.
A poco poco è emersa la sua grande voglia di adattarsi a questa nuova realtà profondamente desiderata, le sue prime amicizie con le compagne di classe, la sua passione per la danza e il suo amore per i viaggi si sono susseguiti rapidamente. Solo ora che abbiamo conosciuto tanti suoi aspetti riusciamo a capire che sforzo abbia fatto, lei così riservata, poco abituata ad esternare i suoi sentimenti, si è ritrovata spesso a intrecciare con noi la sua vita, come nei viaggi in camper dove in dodici metri quadri condividi tutto.

Da parte nostra non trovavamo riscontro ai nostri lanci emotivi, ci sembrava che Nadia fosse quasi impermeabile, soprattutto i nostri figli restavano interdetti nonostante le nostre spiegazioni riguardanti le differenze culturali esistenti tra il nostro modo di pensare e quello russo. Ne parlammo con Claudia, la nostra responsabile ospitalità, che ci sostenne e accolse soprattutto il nostro sfogo; anche se alle spalle avevamo diversi affidi e diverse accoglienze, ci sembrava vano il nostro progetto di ospitare per un periodo così lungo.
Il velo venne squarciato grazie all'arrivo momentaneo dei genitori di Nadia, i quali, col consenso di Intercultura, giunsero ad Ancona a maggio: durante la prima cena da noi gli occhi del papà tradirono la sua forte emozione nel vedere Nadia così aperta e così familiare nei nostri confronti e ammise, tra il rossore della stessa Nadia - costretta a tradurre - che lei non era mai stata così neanche con loro e che questi otto mesi trascorsi nella terra del sole avevano trasformato la loro chiusissima figlia. Per noi fu il più bel regalo che ci potesse fare: il legame si era già creato, avevamo gettato il ponte, eravamo già un tutt'uno; una grande, meravigliosa famiglia in cui ogni membro aveva le sue particolarità e identità, ma era collegato agli altri da un forte legame.
Gli occhi del papà tradirono la sua forte emozione nel vedere Nadia così aperta e così familiare nei nostri confronti

Ora sappiamo che questo legame resterà per sempre perché l'amore non è mai a tempo determinato, questo abbiamo imparato in anni di affido e di accoglienza. Ora e per sempre quando guarderemo su Google Maps (per stare al passo coi tempi!) San Pietroburgo, vedremo una parte di noi muoversi in quella grande città, prendere la metro protetta in una cuffia di lana e mangiare una deliziosa bljnje; e anche Nadia, nel vedere Ancona dall'alto, ritroverà Buc da accarezzare, una grande tavola dove mangiare pizza e caprese e le sue foto appese alla nostra parete, a comporre il bellissimo collage che è la nostra vita.

Leggi anche "Volevo diventare italiana", la storia scritta da Nadia!

Gianni

Papà ospitante di Nadia, dalla Russia ad Ancona per un anno

  • Prossima Storia

    Incontro inatteso

    Come al solito, arrivo all’inizio dell’estate e non ho ancora deciso cosa farò nelle vacanze. E’ cosi da sempre, un po’ perché non riesco a decidere e un po’ per pigrizia. Ogni anno a luglio affermo...

    Aurora

    Mamma ospitante di Guo, dalla Cina in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Una nuova quotidianità

    Rama stende la tovaglia con aria pacata, poi toglie attentamente ogni piega e saltella in cucina a prendere piatti e posate. Adesso non sorride, è concentrato e calmo, come un pittore davanti alla sua tela. Non mi era mai capitato di...

    Rama

    Dall'Indonesia a Osnago, LC per un anno

  • Prossima Storia

    Si piange due volte

    Ciao tutti, veramente, mi dispiace che sono ritornato in Giappone, volevo rimanere in Italia ed a Nocera! Dal 6 settembre al 6 luglio sono stato a Nocera Inferiore con una famiglia ospitante di Intercultura. Ma quando sono arrivato in Italia,...

    Yosuke

    Dal Giappone a Sarno per un anno

  • Prossima Storia

    Restare fermi è pericoloso

    Mia figlia va per un anno a Salt Lake City negli USA. Che esperienza vivrà? Niente di meglio per capirlo di ospitare Aom, studente thailandese, accolto a Fiesso d’Artico, nel veneziano, per un pari periodo. Ricordo bene quel giorno...

    Michele

    Papà ospitante di Aom, dalla Thailandia Venezia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here