Dal mare della Groenlandia al Mediterraneo

Siisi

Dalla Groenlandia a Bari Nord per un anno

Siisi è partita dalle fredde coste della Groenlandia con AFS Interkultur Danmark ed è arrivata a Molfetta, nelle calde coste dell’Adriatico.
“Non ho viaggiato molto, sono stata due volte in Danimarca ed è lì che ho comprato le Converse che indosso nella foto. Non ero mai stata così al caldo. Qui a Molfetta ora ci sono 22°C. Dovrò presto andare a fare shopping: vestiti leggeri e sandali da me non si usano!”.
È proprio vero che questa esperienza è unica. Oltre a scoprire una nuova cultura e una nuova realtà, mi sono trovata anche a ricoprire un ruolo diverso: in Italia sono diventata la sorella maggiore. È molto strano, sono cresciuta come la più piccola della famiglia e ora invece si sono invertite le parti. In questa famiglia mi sento molto bene, mi sento a casa.

All’inizio era difficile capirsi, il groenlandese è una lingua molto diversa dall’italiano, non ha molta grammatica, né il maschile e femminile. Fino a gennaio capivo e parlavo molto piano, ora invece ho imparato anche qualche parola in dialetto come fásce fridde, fásce calde, statte citte. Poi l’italiano è veramente difficile: a Molfetta, quando ho fame, vado a prendermi uno spigolo di pizza. Quando lo ho chiesto a Bari mi hanno guardata veramente male...e sono a così pochi chilometri di distanza! Per non parlare di quando sono stata a Cremona per la settimana di scambio: ho scoperto tante parole diverse da quelle che usavo io o che usavano gli altri studenti ospitati a Roma e in Sardegna.

A scuola, in Groenlandia, ho imparato il groenlandese, il danese e l’inglese. Quando tornerò inizierò la prima liceo e mi piacerebbe fare qualcosa a indirizzo linguistico/musicale. Il sistema scolastico là è molto diverso: ci sono 10 anni di elementari/medie, le superiori per 3 anni e poi l’università, ma solitamente si va in Danimarca perché l’unica si trova a Nuuk.
Qui frequento la 2°A del liceo scientifico e la materia che preferisco è arte. Con la mia classe siamo stati in gita a Roma ed essere circondati da tutte quelle sculture, palazzi, opere d’arti… è stato bellissimo. I miei compagni sono molto simpatici e mi trovo molto bene; la prima volta che li ho conosciuti -e in generale quando conosco una nuova persona- mi hanno detto “ma quindi ci vive qualcuno in Groenlandia? È la prima volta che incontro un groenlandese”.

Il cibo italiano mi piace molto ed è molto vario. Durante la settimana di scambio ho provato a fare le orecchiette: non pensavo fossero così difficili da preparare!
In Groenlandia, invece, cuciniamo quasi sempre carne e pesce. Mio papà e mio fratello vanno a caccia e a pesca; la frutta e la verdura non si mangia molto perché è sempre importata, non è fresca, non è buona e in più costa molto. Gli animali che cacciamo sono soprattutto la foca, la renna, la balena e il bue muschiato. Ovviamente non è sempre il periodo di caccia, ma ci sono delle regole, dei limiti e dei momenti.
A ottobre inizia il buio e rimane per tutto l’inverno: nel mio villaggio (che si intravede sullo sfondo della foto) il 16 gennaio torna la prima luce e festeggiamo tutti assieme. Poi invece a giugno, luglio e agosto c’è sempre il sole e fa caldo, ci sono circa 15°C.

Nel mio villaggio siamo circa 150 persone, ci conosciamo tutti. Siamo circondati da montagne, mare e soprattutto ghiaccio e neve. Non ci sono molte strade per spostarsi. Noi usiamo la barca e le motoslitte per muoverci in giro.
In Groenlandia abbiamo ovviamente una forte influenza danese, ma il nostro stile di vita, le nostre tradizioni e il nostro spirito è molto diverso da quello europeo o canadese/statunitense. Come mi sento? Europea o Americana? Io mi sento groenlandese. E mi raccomando: non chiamateci eschimesi! Siamo inuit.

Siisi

Dalla Groenlandia a Bari Nord per un anno

  • Prossima Storia

    Incontro inatteso

    Come al solito, arrivo all’inizio dell’estate e non ho ancora deciso cosa farò nelle vacanze. E’ cosi da sempre, un po’ perché non riesco a decidere e un po’ per pigrizia. Ogni anno a luglio affermo...

    Aurora

    Mamma ospitante di Guo, dalla Cina in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Ci sarà sempre posto per lei a casa nostra

    Abbiamo intrapreso questa avventura inconsapevoli di ciò cui andavamo incontro. Non potevamo immaginare minimamente quanto ci avrebbe arricchito sia dal punto di vista "culturale " sia dal punto di vista "affettivo"! Sono convinta che...

    Roberta

    Mamma ospitante di Lucie, dal Belgio a Cerignola per un anno

  • Prossima Storia

    Esperienze che ti cambiano in meglio

    Quando mio figlio Vittorio, nell’estate del 2014, a soli 15 anni, ci comunicò che avrebbe voluto partecipare alle selezioni per un programma semestrale con Intercultura, io e mio marito fummo colti di sorpresa.Io cominciai a trovare...

    Anna

    Mamma inviante ed ospitante a Trani

  • Prossima Storia

    Il più grande insegnamento: fare le cose con il cuore!

    Appena atterrata sul suolo italiano, non avrei mai pensato di chiamare l’Italia “casa” perché c’erano tante barriere, come la lingua, le differenze culturali, una nuova società e un nuovo ambiente, che pensavo...

    Peem

    dalla Thailandia a Todi per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here