Intercultura: finché non ci sei dentro, non la capisci

Francesca

Da Ancona in Germania per un anno

Hallo, zusammen!

Sono Francesca, una ragazza che come voi ha frequentato, ed è tutt'ora iscritta, a questo liceo, con la piccola differenza che in questo momento mi trovo in Germania.

Alcuni di voi mi conoscono (anche troppo bene), altri forse sanno chi sono, altri probabilmente non ne hanno la più pallida idea, ma non importa: questa lettera è indistintamente per tutti voi.

Confesso che è abbastanza emozionante scrivervi in questo momento, in parte perché, scrivendovi, con la mente mi sento più vicina a casa, alle persone care e ai luoghi familiari che ho salutato, in parte perché ripenso alla me di un anno fa, prima che tutto questo iniziasse.

Anche io, un anno fa, ero scompostamente seduta su una sedia dell'aula magna assieme ai miei compagni di classe e ascoltavo una lettera come questa, di una ragazza che, come me, aveva deciso di buttarsi in quest'avventura. Quel giorno non me lo scorderò mai, perché quel giorno ha preso il via una catena di eventi che avrebbero portato a una delle decisioni più importanti della mia vita.

Quel giorno per la prima volta mi hanno parlato di Intercultura. Ci è stata presentata quest'Associazione e ci è stata offerta la possibilità di buttarci in qualcosa di nuovo, unico e sensazionale: un programma di scambio scolastico e, soprattutto, culturale in un Paese straniero.

Quando ti dicono: "Ti andrebbe di passare un anno in un altro Paese?" le reazioni solitamente sono due: "Che figata, parto subito!" o "Sei pazzo, non lo farò mai!"
Intercultura non è una Associazione che ti manda in giro per il mondo, ma è qualcosa che ti entra dentro e non ti lascia più

La prima volta che mio padre mi propose di passare un anno in Germania gli ho detto che non sarei mai partita, e invece…adesso vi scrivo proprio dalla Germania!

Decidere di partire per tre, sei mesi, un anno, in ogni caso SCEGLIERE di abbandonare per una volta il nostro quotidiano per buttarsi in una realtà completamente nuova non è qualcosa che si fa così su due piedi.

Io non volevo partire; avevo paura, paura di lasciare gli amici, la famiglia, il mio sport, le mie abitudini, la scuola, la mia terra.. eppure adesso sono qua, in un altro stato, in un Paese con altre abitudini. La mattina mi sveglio e mi sento dire "guten Morgen", cammino per strada e leggo "Bäkerei" (forno), "Metzgarei" (macelleria), giro per strade che non sono via Garibaldi o via Mazzini, ma Schillerstr. Freiofstras. E così via.

Cosa mi ha fatto cambiare idea?

Le parole di una lettera come questa, che mi parlavano di una ragazza che, come me adesso, viveva in un famiglia che non era quella in cui era nata, andava in una scuola straniera, parlava una lingua che non era la sua. Quelle parole hanno acceso qualcosa in me, una voglia di viaggiare, di conoscere, di capire, di vivere. Una voglia che sonnecchiava dentro il mio cuore e aspettava solo di essere risvegliata.

Quella è stata decisamente la prima scintilla, ma quello che si è acceso dentro di me non si è ancora spento e non si spegnerà mai.
Se non fossi partita non avrei conosciuto tante persone che, giorno dopo giorno, diventano sempre più importanti per me

Ora, vi avranno detto sicuramente che cos'è Intercultura, ma se non ci entrerete dentro non lo capirete mai veramente. Intercultura non è una Associazione che ti manda in giro per il mondo, ma è qualcosa che ti entra dentro e non ti lascia più. Se pensate a un agenzia di viaggi che vi spedisca in qualche posto esotico a fare una vacanza, avete sbagliato indirizzo. Per me Intercultura assomiglia di più a una grande famiglia.

Come potrebbe non essere così?

Nel mio letto in Italia dorme un ragazzo americano (che potrebbe essere seduto lì con voi), io, che ho sempre combattuto con fratelli più piccoli, adesso ho 2 Brüder (fratelli) di 18 e 21 anni e due Schwestern (sorelle) di 18 e 14 e vi assicuro non ci sono parole per descrivere quello che si prova nel sentire di aver allargato la propria famiglia. Adesso ho compagni tedeschi, non studio la Divina Commedia ma letteratura tedesca, quando faccio allenamento non c'è Massi (il mio allenatore italiano) che mi dice "alza le ginocchia", ma Lughi che mi ricorda "knie hoch!".

Sono tre settimane che vivo in Germania, la mia vita qui è appena iniziata, ma non la mia esperienza con Intercultura: quella è iniziata un anno fa nell'aula magna del mio liceo italiano.
Viaggiando in un altro Paese conosciamo meglio la nostra realtà perché la vediamo con occhi nuovi; conosciamo meglio noi stessi perché ci relazioniamo con realtà estranee che ci impongono di cercare dentro di noi qualcosa che magari non sapevamo nemmeno di avere

Lo so, la prima cosa a cui si pensa è tutto quello che lasciamo in Italia e che ci perdiamo nell'andarcene per un anno (o sei mesi) ecc., ma la verità è che, a non partire, perdiamo qualcosa di unico e ancora più grande.

È vero, non avrete un altra occasione di fare il quarto anno in Italia, io non avrò mai condiviso con i miei compagni tanti bei momenti, ma se non fossi partita non avrei conosciuto tante persone che, giorno dopo giorno, diventano sempre più importanti per me; non avrei conosciuto nuovi posti, nuove usanze, diverse abitudini, non avrei aperto la mia mente, il mio cuore a un nuovo mondo, a il mondo. Mettersi nelle predisposizione d'animo per fare un viaggio del genere significa abbattere i muri che ci circondano la mente, e non parlo solo di pregiudizi o cose simili, ma di piccole cose che, rimanendo ancorati alla nostra realtà, nemmeno notiamo - sono così ovvie e scontata da essere ai nostri occhi invisibili. Per esempio, io non sapevo di masticare rumorosamente e sinceramente non pensavo ci si potesse nemmeno fare caso!

Sembra assurdo a dirsi, ma viaggiando in un altro Paese conosciamo meglio la nostra realtà perché la vediamo con occhi nuovi, diversi, più maturi e critici; conosciamo meglio noi stessi perché ci relazioniamo con realtà estranee che ci impongono di cercare dentro di noi qualcosa che magari non sapevamo nemmeno di avere.

E' impossibili elencare tutto ciò che un esperienza come questa comporta, bisogna provarla per capirlo. Io ve la consiglio con tutta me stessa: se dentro di voi trovate la forza per farlo, buttatevi! Non dico che sia semplice o che non comporti delle rinunce (scegliere qualcosa significa sempre rinunciare a qualcos'altro), dico solo che ne vale cento, mille, dieci mila volte la pena.
Quelle parole hanno acceso qualcosa in me, una voglia di viaggiare, di conoscere, di capire, di vivere. Una voglia che sonnecchiava dentro il mio cuore e aspettava solo di essere risvegliata

Bene, con la speranza che anche la mia lettera accenda qualche piccola fiammella, vi saluto.

Grüsse,

Francesca

Da Ancona in Germania per un anno

  • Prossima Storia

    La mia estate in Spagna

    Buongiorno! Sono Christian Santangeli, ho 16 anni e vivo a Pesaro. Quest'estate ho partecipato al programma estivo in Spagna e vorrei veramente ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile il mio sogno: viaggiare, conoscere nuove persone...

    Christian

    Da Pesaro-Urbino in Spagna per un'estate

  • Prossima Storia

    Il nostro primo giorno di Boarding School in Cina

    In questa immagine è ritratto il nostro primo di giorno di scuola in Cina, precisamente ad Harbin, nella scuola 73. Abbiamo iniziato la scuola il 24 Agosto, la mattina eravamo molto agitate; per la prima volta abbiamo indossato una divisa,...

    Fabiola e Alessia

    Da Pescara e Latina in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Una panchina sul Danubio

    Un adolescente, sente che ogni cosa gli sia dovuta, tutto è scontato ed è difficile da accontentare... Io la definisco come l'età dell'egocentrismo ma AFS ci permette di diventare più grandi, passo dopo passo in...

    Asia

    Da Catanzaro in Serbia per un anno

  • Prossima Storia

    I miei primi mesi a Jakarta

    Ciao, sono Asia. Ho 16 anni e vengo da Napoli, ma fondamentalmente non so chi sia la persona che sta scrivendo. Di una cosa sono sicura: sono una persona migliore rispetto solo a tre mesi fa. Il mio migliorare lo devo a quest'esperienza. Intercultura...

    Mariasia

    Da Napoli in Indonesia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here

SEI INTERESSATO ALLE BORSE DI STUDIO DEL PROGRAMMA ITACA DI INPS?

E' uscito il bando 2021/22 del Programma ITACA di INPS, in favore dei figli dei dipendenti e dei pensionati della Pubblica Amministrazione

Scopri come partecipare al bando e iscriverti ai programmi di Intercultura: clicca qui

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here