La mia scuola in Repubblica Dominicana

Anna

Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

Da dove cominciare... Sveglia presto, ci si infila l'uniforme e alle 7 si parte, perché alle 7.15 la campanella suona e il professore inizia un appello interminabile, che in tutto comprende 39 persone.39 ragazzi che però il lunedì mattina, prima di cominciare la settimana, si riuniscono insieme a tutti gli altri studenti del collegio (che comprendono una fascia di età dall'asilo al liceo) nel grande cortile interno per assistere ad un atto civico che comprende, oltre agli inni della nazione e del collegio, un momento religioso, seguito dalle parole della direttrice e dagli avvisi della settimana.
Poi si comincia davvero. Otto ore giornaliere da lunedì a venerdì, durata 45 minuti, scandite da due intervalli, uno di 30 minuti, dopo le prime 4 ore, e l'altro di soli 15, prima delle ultime due ore finali. Le materie sono molte, ma le principali sono Spagnolo e Matematica, presenti tutti i giorni. Poi altre come Inglese e Francese sono divise per livelli, valutati dal professore con un test. Arte, Informatica, Storia e Geografia, Civica, Educazione Commerciale, Fisica, Chimica, Laboratorio, Filosofia, Educazione fisica, Orientamento sono le materie che si studiano, tutte obbligatorie. Un aspetto molto importante della Repubblica Dominicana è la fede, e ciò si nota anche a scuola, con due ore di Religione settimanali e la messa che si celebra in varie occasioni.
Un aspetto molto importante della Repubblica Dominicana è la fede, e ciò si nota anche a scuola, con due ore di Religione settimanali e la messa che si celebra in varie occasioni.Se poi si viene inseriti nel quarto anno di liceo, che qui è l'ultimo prima dell'Università, non si potrà fare a meno di sentir parlare di Lanzamiento e Promoción (il ballo di apertura e di presentazione e il ballo di fine anno) e di Ensayos pomeridiani per prepararli al meglio!
Per quanto riguarda poi i professori, sono completante diversi, così come la cultura lo è. Ma nonostante gli abbracci, l'informalità e i baci, il rispetto reciproco rimane un valore fondamentale.

Anna

Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Io ce l'ho fatta, e tu cosa aspetti?

    Una sfida. Così è nata l'idea di partire. Bisogna sempre porsi delle sfide nella vita. Quelle cose che se vanno male ti regalano esperienza e che se vanno bene... beh se vanno bene ti regalano, come in questo caso, un anno di vita...

    Alessia

    Da Parma in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    I valori dell'Italia

    Personalmente non ho sentito molto la nostalgia della mia famiglia, né dei miei amici, perché, per fortuna, mi sono trovata in una famiglia fantastica che non mi ha mai fatto mancare nulla.Ma dopo quasi sette mesi qui, una sorta...

    Martina

    Da Civitavecchia a Panama per un anno

  • Prossima Storia

    La scuola in Honduras

    Ciao, sono Giulia, mi trovo in Honduras da circa due settimane e ho iniziato la scuola proprio il giorno dopo il mio arrivo in famiglia, dunque sono già dieci giorni effettivi che frequento le lezioni. Vivo in una città chiamata...

    Giulia

    Da Bergamo in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Alla scoperta della Nuova Zelanda

    Prima della partenza, ero più determinato che mai. Non vedevo l’ora di iniziare quest’anno di studio totalmente fuori dall’ordinario. Il momento triste della separazione dai miei genitori è stato subito compensato...

    Daniele

    da Russi (RA) in Nuova Zelanda per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here