Le "mie" Filippine

Giulia

Da Padova nelle Filippine per un anno

Giulia, partecipante al programma annuale, ci racconta il suo anno e le "sue" Filippine.
Un telefono acceso ed una galleria piena di foto, di ricordi. E io, sdraiata sul mio letto, con le cuffiette alle orecchie, percorro lentamente il mio anno attraverso quelle foto.

Vedo sorrisi, vedo facce strane, vedo paesaggi meravigliosi.
Le Filippine.
Un anno in un paese così distante, non soltanto fisicamente ma anche dal punto di vista culturale.
Un anno passato con persone che da sconosciute sono diventate pian piano fondamentali.
Un anno in cui tutto è cambiato, tutto ha subito una svolta alquanto positiva direi.

Ho vissuto un anno in un paese sottovalutato o considerato solo per le spiagge bianche e per il mare cristallino, ma durante quest'anno ho potuto scoprire molto più di questo.

Ho camminato in mezzo alla gente, tra venditori ambulanti e persone pronte per un'altra giornata di lavoro, sono andata al mercato con mamma per comprare verdure, carne e pesce, ho preso jeepneys e tricycles per spostarmi da un paese all'altro, ho camminato a piedi scalzi sulla strada, ho bevuto latte di cocco appena caduto dall'albero,ho lavorato con bambini disabili, ho piantato riso nei terrazzamenti e tante altre esperienze bellissime. Un anno in cui tutto è cambiato, tutto ha subito una svolta alquanto positiva direi.

Durante quest'anno ho potuto vivere con persone magnifiche, di cui mi fido ciecamente e che posso chiamare famiglia. Una relazione stupenda, fatta di risate e di lavoro di squadra. Una mamma dolcissima, pronta sempre ad aiutarmi, una sorella che ha sempre voluto il meglio per me e dei nipoti, che sono stati come fratelli e sorelle per me.
E in tutta quest'esperienza c'è stata anche la scuola, la conoscenza di persone nuove che hanno tirato fuori la parte migliore di me e mi hanno fatto sentire felice.
I miei compagni, specialmente il mio migliore amico Erick, mi hanno sempre dato la forza per andare avanti e per non lasciarmi trasportare dalla nostalgia di casa.

Mi hanno insegnato che dopotutto non sono le cose materiali quelle che contano, ma vale molto di più un sorriso e una giornata passata assieme seduti da qualche parte a ridere.
E devo dire che questa terra di piccole cose e sorrisi è diventata casa mia.

Giulia

Da Padova nelle Filippine per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio Capodanno cinese

    In questo 'diario' vi descriverò la mia esperienza in Cina durante il Capodanno cinese, il cosiddetto 春节. Ho deciso di raccontare non solo la mia storia, ma anche quelle degli altri miei compagni di avventura proprio per farvi capire com...

    Sofia

    Da Lecce in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Non si tratta solo di conoscere

    Apparentemente l'Austria può sembrare un paese anonimo per chi non lo conosce, e poiché si parla il tedesco può sembrare che culturalmente sia più simile alla Germania.

    Sophie

    Da Roma in Austria per un semestre

  • Prossima Storia

    A lezione di “formazione per il lavoro”

    Oramai è già passato un mese da quando ho iniziato a frequentare la mia scuola qui, in Messico, in una cittadina chiamata Coatepec.Il primo giorno di scuola credevo sarebbe stato imbarazzante e almeno un migliaio di volte mi ero...

    Stefania

    Da Verona in Messico per un anno

  • Prossima Storia

    La mia nuova "casa"

    Annaviola, partecipante al programma annuale in Thailandia, ci racconta come la sua esperienza abbia cambiato il suo modo di guardare la realtà e affrontare gli ostacoli con la tipica tranquillità thailandese.Sono qui, che cerco...

    Annaviola

    da Brescia in Thailandia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here