India? La amo!

Anna Chiara

Partecipante ad uno scambio di classe con l'India

La mia esperienza in India è stata troppo lunga, troppo bella e forse troppo profonda per essere raccontata in poche righe.
Sono stata solo due settimane, ma credo di averle vissute intensamente e di avere imparato molto da questo Paese. Prima di partire ho letto libri, cercato informazioni, ma sapevo che niente sarebbe stato pari a vederlo con i miei occhi, e così sono partita emozionata, ma anche dubbiosa e spaventata nella consapevolezza di trovarmi a contatto con un mondo completamente diverso. Non immaginavo però quanto questo mondo fosse migliore del nostro e ora facendo i bilanci di questo scambio culturale posso dire per certo che tornerei indietro per rivivere quest'esperienza.
Non immaginavo però quanto questo mondo fosse migliore del nostroMi sono rimasti impressi i sorrisi della gente, la cordialità, l’accoglienza, la generosità infinita, i costumi e le tradizioni, lo stile di vita puro e semplice dettato dalla religione, l’umanità, ma anche l’inquinamento e la povertà diffusa che a volte viene quasi ignorata. Sono stata accolta come una figlia, trattata quasi come un “Dio” e l’atmosfera indiana mi ha avvolta fin dal primo istante e mi sono sentita subito accettata e inserita nella famiglia che mi ha ospitato. La cosa che più mi ha colpito della popolazione indiana è la semplicità con cui vivono, l’attaccamento alla famiglia, l’importanza e il rispetto per le persone e soprattutto per l’ambiente, che hanno permesso la crescita economica, politica e sociale di questo Paese e che tuttavia risente ancora della colonizzazione inglese e della divisione in caste.
Sento inoltre di avere acquistato più sicurezza in me stessa e soprattutto più fiducia negli altri, e di essere più consapevole di cosa sia davvero il mondo al di fuori del mio Paese. Posso quindi rispondere alla famosa affermazione “l’India o la si ama, o la si odia” collocandomi nella prima categoria e attendendo con ansia un altro viaggio in questa splendida terra.

Anna Chiara

Partecipante ad uno scambio di classe con l'India

  • Prossima Storia

    Una studentessa come le altre

    Uno dei possibili rischi dell'insegnamento è il fatto che, una volta entrati nella propria classe, ci si possa trincerare dietro il libro di testo, o dietro il proprio ruolo, "dimenticando" il mondo e le drammatiche urgenze del reale.La...

    Cinza Capano

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Nomentano di Roma

  • Prossima Storia

    Non un addio ma un arrivederci

    Una famosa frase dice "Il mondo è un libro, e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina" e, a conclusione di questo bellissimo percorso, credo che possa riassumere al meglio ogni emozione vissuta.L'esperienza è iniziata...

    Rossana

    Partecipante allo scambio di classe fra l'I.T.E. Raffaele Piria di Reggio Calabria e la scuola superiore di Bielsko-Biała, Polonia

  • Prossima Storia

    Una storia lunga vent'anni

    Voglio raccontarvi una storia che comincia vent'anni fa, quando ho cominciato a organizzare scambi di classe con l'aiuto di Intercultura, e arriva fino ad oggi, con il video dell'ultimo scambio con Belgrado, di maggio, che vedete qui sotto.Siamo...

    Valeria Gallerani

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Cambi - Serrani di Falconara Marittima, AN

  • Prossima Storia

    Essere mobili, ossia essere più vivi

    Chelsea era australiana, con gli occhi azzurri e la voce sottile. Nella scuola dove insegno io entrano tutti i giorni eroi omerici, poeti e filosofi, qualche scienziato pure, ma un’australiana studentessa internazionale non era arrivata...

    Mariarita Semprini

    Insegnante presso il liceo Giulio Cesare di Rimini

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here