La mia scuola in Repubblica Dominicana

Anna

Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

Da dove cominciare... Sveglia presto, ci si infila l'uniforme e alle 7 si parte, perché alle 7.15 la campanella suona e il professore inizia un appello interminabile, che in tutto comprende 39 persone.39 ragazzi che però il lunedì mattina, prima di cominciare la settimana, si riuniscono insieme a tutti gli altri studenti del collegio (che comprendono una fascia di età dall'asilo al liceo) nel grande cortile interno per assistere ad un atto civico che comprende, oltre agli inni della nazione e del collegio, un momento religioso, seguito dalle parole della direttrice e dagli avvisi della settimana.
Poi si comincia davvero. Otto ore giornaliere da lunedì a venerdì, durata 45 minuti, scandite da due intervalli, uno di 30 minuti, dopo le prime 4 ore, e l'altro di soli 15, prima delle ultime due ore finali. Le materie sono molte, ma le principali sono Spagnolo e Matematica, presenti tutti i giorni. Poi altre come Inglese e Francese sono divise per livelli, valutati dal professore con un test. Arte, Informatica, Storia e Geografia, Civica, Educazione Commerciale, Fisica, Chimica, Laboratorio, Filosofia, Educazione fisica, Orientamento sono le materie che si studiano, tutte obbligatorie. Un aspetto molto importante della Repubblica Dominicana è la fede, e ciò si nota anche a scuola, con due ore di Religione settimanali e la messa che si celebra in varie occasioni.
Un aspetto molto importante della Repubblica Dominicana è la fede, e ciò si nota anche a scuola, con due ore di Religione settimanali e la messa che si celebra in varie occasioni.Se poi si viene inseriti nel quarto anno di liceo, che qui è l'ultimo prima dell'Università, non si potrà fare a meno di sentir parlare di Lanzamiento e Promoción (il ballo di apertura e di presentazione e il ballo di fine anno) e di Ensayos pomeridiani per prepararli al meglio!
Per quanto riguarda poi i professori, sono completante diversi, così come la cultura lo è. Ma nonostante gli abbracci, l'informalità e i baci, il rispetto reciproco rimane un valore fondamentale.

Anna

Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo giorno di scuola giapponese

    Eccomi qui, ancora mezza destabilizzata dopo la giornata di oggi ma con tante cose da raccontare. Si, oggi è stato un giorno importante, quel giorno che le mamme di tutto il mondo immortalano con le classiche duecentoventidue fotografie...

    Cecilia

    Da Como in Giappone per un anno

  • Prossima Storia

    Un anno tutto da costruire su misura

    Ho vinto la borsa di studio per il programma annuale in Portogallo, e vivo a Coimbra. I miei genitori sono giovani e sono sempre stati interessati a conoscere il mondo, così, pur essendo noi una famiglia normale, mio fratello e io fin...

    Sofia

    Da Pisa in Portogallo per un anno

  • Prossima Storia

    Consigli per trascorrere una grande esperienza all'estero

    Lasciare il nostro piccolo mondo per passare un anno all'estero è prendere la decisione di iniziare un viaggio che durerà tutta la vita; partire senza mai tornare.Ci sono tanti buoni motivi per farlo: conoscere una nuova cultura,...

    Camilla

    Da Treviglio negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    La Polonia di Prisca: persone gentili e posti bellissimi

    Dal giardino della sua nuova casa, Prisca ci racconta le sue prime settimane in Polonia.

    Prisca

    Da Como in Polonia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here