La mia scuola in Repubblica Dominicana

Anna

Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

Da dove cominciare... Sveglia presto, ci si infila l'uniforme e alle 7 si parte, perché alle 7.15 la campanella suona e il professore inizia un appello interminabile, che in tutto comprende 39 persone.39 ragazzi che però il lunedì mattina, prima di cominciare la settimana, si riuniscono insieme a tutti gli altri studenti del collegio (che comprendono una fascia di età dall'asilo al liceo) nel grande cortile interno per assistere ad un atto civico che comprende, oltre agli inni della nazione e del collegio, un momento religioso, seguito dalle parole della direttrice e dagli avvisi della settimana.
Poi si comincia davvero. Otto ore giornaliere da lunedì a venerdì, durata 45 minuti, scandite da due intervalli, uno di 30 minuti, dopo le prime 4 ore, e l'altro di soli 15, prima delle ultime due ore finali. Le materie sono molte, ma le principali sono Spagnolo e Matematica, presenti tutti i giorni. Poi altre come Inglese e Francese sono divise per livelli, valutati dal professore con un test. Arte, Informatica, Storia e Geografia, Civica, Educazione Commerciale, Fisica, Chimica, Laboratorio, Filosofia, Educazione fisica, Orientamento sono le materie che si studiano, tutte obbligatorie. Un aspetto molto importante della Repubblica Dominicana è la fede, e ciò si nota anche a scuola, con due ore di Religione settimanali e la messa che si celebra in varie occasioni.
Un aspetto molto importante della Repubblica Dominicana è la fede, e ciò si nota anche a scuola, con due ore di Religione settimanali e la messa che si celebra in varie occasioni.Se poi si viene inseriti nel quarto anno di liceo, che qui è l'ultimo prima dell'Università, non si potrà fare a meno di sentir parlare di Lanzamiento e Promoción (il ballo di apertura e di presentazione e il ballo di fine anno) e di Ensayos pomeridiani per prepararli al meglio!
Per quanto riguarda poi i professori, sono completante diversi, così come la cultura lo è. Ma nonostante gli abbracci, l'informalità e i baci, il rispetto reciproco rimane un valore fondamentale.

Anna

Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca

  • Prossima Storia

    Mi sono già affezionata!

    La scuola qui in Cile è abbastanza diversa da quella italiana, prima di tutto per via dell'uniforme che dobbiamo indossare. Credo che sia una cosa positiva – almeno, a me piace! - perché la mattina sai già cosa metterti...

    Erica

    Da Grosseto in Cile per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio Capodanno cinese

    In questo 'diario' vi descriverò la mia esperienza in Cina durante il Capodanno cinese, il cosiddetto 春节. Ho deciso di raccontare non solo la mia storia, ma anche quelle degli altri miei compagni di avventura proprio per farvi capire com...

    Sofia

    Da Lecce in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Un’esperienza che ti rende piena di nuove consapevolezze

    La prima consapevolezza é arrivata il primo giorno di scuola in Francia, in cui mi sono resa conto che l’esperienza era iniziata per davvero. Non era solo piu’ un sogno, un progetto, l’idea di ‘Partire per un...

    Arianna

    Da Ivrea in Francia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here