Grazie mamma!

Mario

Da Avezzano in Turchia per un anno

Boh, da dove iniziare? Probabilmente si deve tornare a novembre, mese in cui tutti noi, come ben sappiamo, ci troviamo a compilare il fatidico fascicolo andando a scavare tra le foto e cercando di presentarsi in un inglese perlomeno intuibile, fatto ciò arriva la decisione più importante: “Dove voglio andare?” Ecco, tra le mie scelte nel angolino più buio c’era la Turchia, suggerimento da parte di mia madre messo lì tanto per farla felice.

I mesi passano, ormai non ci pensi più ma a febbraio arriva la mail di Intercultura con il tuo risultato, naturalmente la mia destinazione è la Turchia… Sarà per la gioia mista stupore e rabbia che in quel momento le uniche parole che ho detto sono: “L’importante è partire!”

Il tempo passa anche troppo in fretta e ti ritrovi ad inizio estate con i tuoi amici che non vogliono che tu parta, l’ansia dei tuoi nonni e genitori realizzano che probabilmente un anno è parecchio lungo e poi ci sono io che, sarà un difetto o un pregio, non ne sono particolarmente preso e penso solo a godermi l’estate.

Si vola ad Istanbul, bel salto di qualità visto che vengo da un paesino di 700 abitanti, tutto è diverso: la famiglia, gli amici, la lingua, gli odori, il traffico, il chiasso, i mezzi pubblici, le migliaia di facce nuove… Ma a tutto si fa l’abitudine!

Oggi sono più o meno cinque mesi che sono qui, ed il pensiero che ogni giorno mi assale è solo uno: il ritorno; rifletterci penso che sia il momento più duro per uno studente di Intercultura: abbandonare una nuova vita costruita in così poco tempo, la tua routine settimanale, la colazione con çay e formaggio invece di pane e nutella, le tre ore di metrobus attraversando Istanbul nel fine settimana per andare in centro, quella cultura Europea mista Orientale unica al mondo, la TUA famiglia, i TUOI amici che difficilmente potrai incontrare ed abbracciare una seconda volta nella tua vita.

Ma a tutto si fa l’abitudine

I Turchi sono speciali, davvero simili a noi Italiani: l’essere socievoli, solari, patriottici fino al midollo, il rispetto per la famiglia e perfino la cucina può essere considerata simile alla nostra (l’italiana non si batte tranquilli) con un’incredibile varietà di piatti sia salati che dolci davvero da leccarsi i baffi ed un mondo speziato davvero invidiabile.

Prima di partire anche io ero un po’ perplesso ma oggi probabilmente la Turchia avrebbe un posto in top 3 nella mia lista, ma in gran parte tutto questo lo devo alle persone che ho incontrato qui: i volontari che sono disponibili alla minima esigenza, i miei tutor che considero più amici che tutor, gli altri italiani che ho conosciuto il giorno prima di partire con cui è nato un legame che difficilmente verrà sciolto, gli studenti stranieri così simili ma così diversi, la famiglia che mi considera più che un figlio, i Turchi che mi vedono come uno di loro… Ma un ringraziamento speciale va a Mari la mia compagna di avventure qui ad Istanbul che mi sopporta ogni volta che stiamo insieme.

P.S Se quel decimo posto è vuoto e sei indeciso su dove non andare scrivi Turchia se avrai la “sfortuna” di andarci, ti assicuro che non te ne pentirai ;)

Mario

Da Avezzano in Turchia per un anno

  • Prossima Storia

    La parte sommersa dell'iceberg

    Mi chiamo Andrea, ho 17 anni e vengo dalla provincia di Bari dove studio informatica. Ma ora vivo e studio in Brasile. Abito in una città per me grande, considerata dai brasiliani piccola, ma importante.Da ormai 9 mesi vivo lontano da...

    Andrea

    da Bari in Brasile per un anno

  • Prossima Storia

    La mia scuola in Repubblica Dominicana

    Da dove cominciare... Sveglia presto, ci si infila l'uniforme e alle 7 si parte, perché alle 7.15 la campanella suona e il professore inizia un appello interminabile, che in tutto comprende 39 persone.39 ragazzi che però il lunedì...

    Anna

    Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Otto mesi in Polonia

    È difficile riassumere in poche parole mesi così densi di esperienze ed emozioni, in cui così tanto ho visto e ho imparato. Tutto questo grazie alla mia Borsa di studio UBI Banca.La Polonia è un paese spesso sottovalutato:...

    Anna

    Da Siena in Polonia per un anno

  • Prossima Storia

    Forza dieci, una storia dieci storie

    I volontari del Centro Locale di Sciacca ci raccontano la testimonianza, gli aneddoti e le emozioni delle mamme dei dieci ragazzi partiti la scorsa estate ed ora all'estero per frequentare il quarto anno di liceo in Paesi di quattro continenti.Forza...

    I volontari del Centro Locale di Sciacca

    insieme alle mamme invianti dei ragazzi all'estero

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here