Lo sapete cos'è il carnevale vegano?

Desireè

Da Vicenza in Repubblica Dominicana per un anno

Lo sapete cos’è il carnevale vegano?In molti prima di partire mi dicevano "Davvero vuoi andare in Repubblica Dominicana? Lì non imparerai nulla, è un Paese del terzo mondo" oppure "Passerai un anno al mare e in spiaggia senza mai far nulla", "Guarda che se io fossi in te non partirei per quel posto. Hai mai pensato a quante cose ti perderai qui? Pensa a come sarà cresciuta la tua nipotina e poi quando arriverai nemmeno si ricorderà di te, pensa che ti perderai le lauree dei tuoi cugini, la cresima della tua cuginetta, i compleanni dei tuoi amici, l'anniversario dei tuoi genitori e poi chissà quante altre cose succederanno e tu sarai li." Io rispondevo sempre nello stesso modo: "E tu invece, lo sai quante cose mi perderei lì? Qui so le cose che mi perdo in UN anno però non so le cose che troverei lì nel MIO anno, quindi io dico che ne vale la pena "perdersi" qualcosa qui perché lì troverò molto di più e ne sono certa".
Mi ritrovo qui seduta a bordo piscina a pensare a come siano volati i primi mesi e a quante cose abbia fatto e a tutte quelle che non ho fattoPrima di partire, credevo che un anno fosse lunghissimo e invece mi ritrovo qui seduta a bordo piscina a pensare a come siano volati i primi mesi e a quante cose abbia fatto e a tutte quelle che non ho fatto o per paura o perché non si potevano fare, e a pensare a tutto quello che mi piacerebbe fare negli ultimi mesi che rimangono. Perché, senza rendermi conto, sono arrivata in un punto dell'esperienza dove non vedo l'ora di ritornare in Italia per riabbracciare chi mi sta aspettando, per girare ancora in centro città tranquilla e beata, per risentire tutti i profumi e odori della mia casa e dei posti dove per i primi quindici anni della mia vita sono cresciuta; e il non voler lasciare il mio secondo Paese, la mia seconda città, la mia seconda casa, i miei nuovi amici, la mia seconda scuola, i miei secondi genitori e le mie nuove abitudini.



Per me le cose sono cambiate da quel 21 agosto 2015 alle 15.06 quando ho messo piede nella Repubblica Dominicana. Ricordo ancora quel caldo soffocante che quasi non mi faceva respirare e io mi chiedevo dove fosse l'ossigeno. Le cose cambiano quando incontri la famiglia, cambiano il primo giorno di scuola, e senza rendersene conto continuano a cambiare. Cambieranno le tue abitudini, cambieranno le ore dei pasti e ovviamente cambierà anche quello che si mangia. Cambierà il rapporto con i professori, cambierà il modo di salutare, cambieranno i tuoi amici e cambieranno le tradizioni. E dopo un po' cambierai anche tu!
Cambieranno le tue abitudini, le ore dei pasti, il rapporto con i professori, il modo di salutare, cambieranno i tuoi amici e cambieranno le tradizioni. E dopo un po' cambierai anche tu!Quando si pensa alla Repubblica Dominicana spesso si pensa solo alle spiagge, ma per vostra fortuna questo Paese non è solo spiagge. Un avvenimento molto conosciuto in tutta la Repubblica Dominicana, ma che io dal mio paesino italiano non conoscevo nemmeno lontanamente, è il carnevale vegano (vegano cioè di La Vega). Il carnevale si celebra tutte le domeniche di febbraio dalle due di pomeriggio fino a mezzanotte/l'una di notte. La città inizia a prepararsi per il carnevale già nel mese prima allestendo le strade e mettendo soppalchi (sembra cosi carino visto da fuori però vi posso assicurare che per chi ci vive è abbastanza fastidioso perché intralciano il traffico e per andare a scuola o a lavoro la mattina è sempre un disastro!), decorano i ristoranti e i negozi, trasformano la città fino a farla sembrare un'altra! Il carnevale è diversissimo rispetto al nostro. Loro si travestono in un modo particolarissimo e in mano hanno una corda, alla cui fine c'è una palla abbastanza dura che usano per farsi spazio tra la gente che è in mezzo alla strada mentre loro sfilano.
Anche la scuola è molto differente sia per i rapporti con i professori che per i modi di insegnare, oltre a tutte le attività che si fanno all'interno della scuola stessa.
Aspettatevelo: non sempre è tutto facilissimo, il più delle volte bisogna rimboccarsi le maniche e farcela da soli però poi una volta che ce l'hai fatta la soddisfazione sarà grande!
Bene, ora sia a voi che state leggendo e siete indecisi se mettere Repubblica Dominicana nelle vostre scelte (e in questo caso fatelo, mettetela come una vostra scelta e poi non ve ne pentirete!) sia a voi che siete già stati presi e siete semplicemente curiosi di sapere cosa vi aspetterà (in questo caso congratulazioni: ti aspetterà una fantastica avventura col caldo dei Caraibi), volevo solo ricordarvi che avete il vostro anno nelle vostre mani… usatelo e sfruttatelo il più possibile perché poi indietro non si può tornare!
Aspettatevelo: non sempre è tutto facilissimo, il più delle volte bisogna rimboccarsi le maniche e farcela da soli però poi una volta che ce l'hai fatta la soddisfazione sarà grande!

Desireè

Da Vicenza in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Le "mie" elezioni USA

    Capita ogni 4 anni, e ogni volta è un momento epocale.Anche per loro, gli studenti di Intercultura che stanno trascorrendo il loro anno negli Stati Uniti, stanno vivendo lo scontro, in seno alle famiglie, tra gli amici di scuola, tra...

    A.A.V.V.

    Gli studenti dell'anno negli USA

  • Prossima Storia

    La mia vita in Cina

    L’accoglienza appena arrivati in Cina è stata decisamente calorosa, anche perché i volontari sono persone “abituate” alla diversità, avendo già viaggiato e conosciuto un po’ di mondo per vari...

    Angela

    Da Cuneo in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Selamat pagi semua! (buongiorno a tutti)

    Oggi è il 5 ottobre, quindi è più di un mese che vivo in Indonesia, più precisamente a Medan, nella provincia di Sumatra Utara. Sono qui grazie ad un programma di scambio interculturale gestito da Intercultura. Il...

    Benedetta

    Da Mantova in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Un’esperienza che ti rende piena di nuove consapevolezze

    La prima consapevolezza é arrivata il primo giorno di scuola in Francia, in cui mi sono resa conto che l’esperienza era iniziata per davvero. Non era solo piu’ un sogno, un progetto, l’idea di ‘Partire per un...

    Arianna

    Da Ivrea in Francia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here