Non cambierei la Repubblica Ceca per nessun altro Paese al mondo

Anita

Da Ivrea in Repubblica Ceca per un anno

"Non importa dove, conta solamente andare" - Cesare Cremonini. Questa penso sia la frase più azzeccata per descrivere la mia esperienza. Sono in Repubblica Ceca, non nei tanto agognati Stati Uniti o nella fredda Scandinavia, che devo ammettere occupava tutte le mie prime scelte. Ma sono qua nel Paese in cui tutti sono "ciechi", per citare tutte le battute che mi sono dovuta sorbire prima di partire, e per niente al mondo vorrei cambiare la mia destinazione.
La scuola, che mi faceva tanto paura, è stata da subito una bellissima sorpresa. Ci sono gli armadietti come in tutti i film americani, perché bisogna mettersi le ciabatte! E se per molti studenti impegnati nel programma di scambio è stato difficile accettare il fatto di girare per i corridoi in ciabatte, io mi sono trovata subito a mio agio, è molto più comodo e pulito! Perché quando piove e nevica la scuola non diventa una piscina!
Le ore sono solo da 45 minuti e si hanno sempre 10 minuti fra una lezione e l'altra che sostanzialmente servono solo per cambiare classe e se riesci a fare in tempo, anche per farti una partita a calciobalilla (quasi tutte le classi hanno un calciobalilla o dei divani). Però non pensate che sia tutto uno svago perché studiare studiano e anche molto, e il fatto che in tutte le classi hanno la lavagna L.I.M. e che la usano davvero per spiegare, a te piccolo studente di Intercultura che di ceco ci capisci poco o niente ti facilita abbastanza la vita.
Vivendo un anno qui, puoi anche partecipare al "ples" (il ballo dei maturandi)Vivendo un anno qui, puoi anche partecipare al "ples" (il ballo dei maturandi). Una delle esperienze più belle e più strane a cui potrete assistere. Perché vi troverete a vedere tutti i vostri compagni in giacca e cravatta in un teatro che per l'occasione si trasforma in una sala da ballo dove per tutta la sera si ballano balli di coppia. Adesso potreste pensare che è una noia assurda, che non sapete ballare e che non vi metterete mai in giacca e cravatta. Ma io vi posso assicurare che l'emozione di qualcuno che ti chiede di ballare non ha paragoni e tutta quella atmosfera che si crea non ve la dimenticherete mai!

Come ho detto prima le mie prime scelte erano tutte a Nord perché ero affascinata dal freddo e dalla neve. Ma dopo aver vissuto i -12°C posso assicurarvi che ho rivalutato la mia idea di freddo e che forse in Scandinavia sarei diventata un ghiacciolo vivente. Mentre qui mi gusto un freddo sopportabile e una neve che fa diventare tutto più bello, oltre a degli amici che non sono per niente timidi e chiusi come i nordici ma che da subito mi hanno accettato e aiutato! Comunque qui il tempo è un po' pazzerello, mi è capitato che in un giorno ci fosse il sole, il vento, la pioggia che si è trasformata in grandine per poi diventare neve! E settimane in cui si è avvolti da una cappa grigia e il sole è solo un miraggio. E giusto la scorsa settimana pensavo stesse iniziando la primavera e invece ha nevicato…
Un altro lato positivo della Repubblica Ceca è che è abbastanza piccola e con treni e pullman riesci a vedere tutti i bellissimi posti che vi si trovano. E non solo Praga, che sì è bella ma a me personalmente non piace, ci sono posti più particolari e speciali che solo tu che passerai un anno qua potrai scoprire e tenere gelosamente nel tuo cuore.
E poi è relativamente vicina all'Italia. Quindi dopo esservene innamorati e dopo aver stretto delle amicizie fantastiche potrai tornarci quando ti pare e piace!

Anita

Da Ivrea in Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo giorno di scuola giapponese

    Eccomi qui, ancora mezza destabilizzata dopo la giornata di oggi ma con tante cose da raccontare. Si, oggi è stato un giorno importante, quel giorno che le mamme di tutto il mondo immortalano con le classiche duecentoventidue fotografie...

    Cecilia

    Da Como in Giappone per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo vero Natale

    Quando l'anno scorso ho partecipato al concorso per partire con Intercultura, la mia idea era quella di viaggiare.Non mi interessava migliorare una lingua studiata a scuola e tanto meno avevo il sogno di vivere in una precisa nazione. Così...

    Meri

    Da Asti in Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    La mia estate in Canada

    Marta è partita dal Centro locale di Intercultura di Alba-Bra per un programma estivo in Canada, grazie alle Borse di studio messe a disposizione dalla Banca di Cherasco Credito Cooperativo. Ecco una sua intervista, in cui spiega la sua...

    Marta

    dal Centro locale di Alba-Bra in Canada per un'estate

  • Prossima Storia

    Nelle mani di me stessa

    Quando ho deciso di fare questa esperienza prediligevo il programma annuale; quelli più corti, come quello estivo, non mi sembravano abbastanza. Mi sembravano un po' come un uomo zoppo… Sì, pur sempre un uomo, ma che non...

    Eleonora

    Da Pisa in Australia per due mesi

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here