Il primo di tanti giorni emozionanti

Francesca

Da Biella in Cile per un anno

Tutta la scuola o, come si dice qui, "il collegio", sapeva del mio arrivo, dal preside agli inservienti, dai professori agli alunni e perfino le suore che sono a capo dell'istituto.
Il primo giorno entrai con la mia mamma come una bambina impaurita, ma anche incuriosita da tutte quelle facce che fissavano la mia pelle chiara e i miei capelli biondi che per loro sono una vera e propria rarità.

Il responsabile dei professori nonché coordinatore della mia classe e mio tutor mi venne subito in contro dandomi un forte abbraccio e spiegandomi subito con molta serenità che qui mi sarei trovata davvero bene, e ora posso affermare che non si sbagliava! Una volta svolte tutte le pratiche mi accompagnò alla mia classe e nel tragitto vidi classi intere alzarsi a salutarmi dalle finestre, professori che si fermavano a presentarsi e poi tutte le suore che desideravano conoscermi per parlare un po' di italiano. Fu molto emozionante perché vedevo che le persone erano molto interessate a me nella maniera più positiva possibile.
Tutti fissavano la mia pelle chiara e i miei capelli biondi, che per loro sono una vera e propria raritàDurante questo tragitto di abbracci baci e saluti svanì la mia paura, volevo solo aprire la porta della mia classe e vedere tutti i 45 volti delle persone con cui dovrò passare l'anno migliore della mia vita... Entrai con un sorriso gigante, tutti iniziarono a gridare, a salutarmi e alcuni a scrutarmi come se fossi un alieno, poi il professore mi mise al centro dell'aula e mi disse di presentarmi. Fu il momento più imbarazzante di tutta la mia vita, ero rossa come un pomodoro riuscì solo a dire la prima frase di presentazione che si impara in un corso di spagnolo: "Hola, soy Francesca y soy italiana", per poi scoppiare a ridere tra gli applausi di tutta la mia classe.

Malgrado la pessima figura fatta, tutti mi vennero a parlare, mi offrirono visite guidate del collegio (che è enorme) e mi invitarono a mangiare con loro, erano davvero tutti dolcissimi e carinissimi - ma la cosa migliore è che tutti sono davvero così, anche oggi che sono già passate tre settimane perché in Cile è cultura essere sempre gentili, disponibili e soprattutto felici.
Malgrado la pessima figura fatta, tutti mi vennero a parlare, mi offrirono visite guidate del collegio e mi invitarono a mangiare con loro
Quel giorno svolsi tutte le lezioni della giornata, tra cui quella di lenguaje (spagnolo), dove ricevetti dalla professoressa il soprannome di "Principessa" che tutt'ora ho. La lezione che mi colpì più di tutte fu "orientamento", che è un'ora dedicata totalmente a parlare dei problemi della classe o per svolgere qualche lavoro che la classe deve fare, come preparare uno spettacolo o una coreografia.

Ora che vivo la realtà di una scuola così presente nella parte psicologica e educativa degli alunni capisco quante cose la scuola italiana ci fa mancare perché pensa solo all'insegnamento delle materie e non a quanto sia davvero importante l'appartenenza a una comunità e l'appoggio che un alunno deve avere.
Questo fu il mio primo giorno di scuola ma anche il primo di un anno ricco di emozioni forti e novità da scoprire
Oltre alle lezioni ovviamente svolsi anche gli intervalli, centinaia di persone che urlavano pizza e pasta oppure mi parlavano a una velocità allucinante e io non capivo una sola parola, e poi tutti i bambini del basico (elementari-medie) che venivano ad abbracciarmi, incantati da una qualche meraviglia che vedevano in me. Tutto questo fu vissuto con un immenso sorriso e ancora oggi è così, anzi migliore.

Questo fu il mio primo giorno di scuola ma anche il primo di un anno ricco di emozioni forti e novità da scoprire che solo Intercultura poteva darmi.

P.S. Penso che per quest'anno non mi stuferò di andare a scuola!

Francesca

Da Biella in Cile per un anno

  • Prossima Storia

    Come si può ridurre tutto in un racconto?

    Vorrei rivedere i miei amici sparsi per il globo, i miei amici indiani al secondo posto e sempre dopo le mie famiglie ospitanti, che per me rimangono le numero uno! Ah e ora ve lo racconto il perché delle due famglie. A quanto pare io...

    Emily

    Da Bolzano in India per un anno

  • Prossima Storia

    E poi mi chiesero: "Perchè la Lettonia?"

    Sono Irene Carta, ho 18 anni e vengo da un piccolo paesino della Sardegna chiamato Jerzu. Come tanti altri ragazzi, anche io l'anno scorso ho deciso di mettermi alla prova: spinta dalla curiosità di conoscere realtà diverse. Così...

    Irene

    Da Lanusei-Tortolì in Lettonia per un anno

  • Prossima Storia

    "Mutig": un passo coraggioso

    Seduta sul letto non riusciva a dormire. La testa, appoggiata alle ginocchia raccolte al petto, sembrava infinitamente pesante. La luna brillava solitaria nel cielo scuro fuori dalla finestra aperta, illuminava le valige pronte, o quasi, ai...

    Chiara

    Da Varese in Austria per un anno

  • Prossima Storia

    L'India è tutto un altro mondo

    D. Perché l’India? Cosa ti ha spinto a sceglierla come destinazione? R. Io come prima scelta avevo indicato il trimestre in Islanda, devo confessare che non mi ricordo neanche se l’India fosse tra le scelte, ma se lo era,...

    Francesco

    Da Vicenza in India per un'estate

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here