Tutto o niente: questa è l'Islanda!

Luca

da Augusta in Islanda per un anno

Tutto o niente.
No, non è il titolo di uno sketch comico di Antonio Albanese. Non è neanche un antico proverbio cinese (o forse sì, su questo non ne sono proprio sicuro). Si tratta della regola fondamentale per restare su un’isola che rimane la maggior parte delle volte fuori dalla cartina dell’Europa: l’Islanda.

Un Paese particolare, distante dalla mia realtà e piuttosto sconosciuto agli Italiani. Dopo sei mesi, devo dire che l’esperienza di un exchange student può essere difficile, soprattutto per quanto riguarda l’adattamento climatico. Arrivare il 17 agosto, dopo essere andati al mare per tutta l’estate con 30° C, e ritrovarsi con giubbotto e cappello è abbastanza traumatico! Per non parlare del “fantastico” vento gelido di Reykjanesbær, la mia città, o delle giornate passate a -15 °C.

Tuttavia, queste cose sono solamente dei piccoli dettagli dell’esperienza.
L’Islanda è una terra che va assolutamente vissuta per poterla capire, perché ad ogni stranezza o differenza corrisponde una serie di sorprese: è un luogo meraviglioso, capace di allargare i propri orizzonti; è una terra che ti stringe, quasi stritolandoti all’inizio, solo per cercare di farti trovare un senso a questa natura così prorompente.

  • Gli studenti di AFS all'incontro con il Presidente islandese
  • Il campo con gli studenti di AFS in Islanda

Non potete credere a quante volte la mia mamma islandese Sigga e il mio fratellino Jon abbiano risposto alle mie domande dicendo: “This is Iceland!”. E hanno ragione.

Mi trovo semplicemente in una nazione unica al mondo. Ho visto posti che tolgono il fiato, spettacoli della natura incredibili, a cui forse mai avrei potuto assistere.
Sensazioni che non si possono spiegare, perché totalmente fuori dal comune, come guardare le cascate islandesi e contemporaneamente i geyser che si sprigionano dal suolo, oppure farsi il bagno nelle sorgenti calde all’aperto, con la neve attorno e i capelli che si congelano! Sono veramente contento. A quattro mesi dalla fine vorrei rallentare il tempo, anche solo un po’, per rimanere ancora a godere di tutto quello che questa terra può offrire. Provare tutto, cercare di non perdermi neanche una singola occasione, anche se può essere strana o difficile da credere.
Mi sembra doveroso dirlo: “TAKK FYRIR ÍSLAND! Grazie Islanda!“

Luca

da Augusta in Islanda per un anno

  • Prossima Storia

    Uruguay è..

    Cos’è l’Uruguay? Uruguay è “mate”, che non è solamente una bevanda, bensì un modo per condividere qualcosa di speciale con le persone che ti circondano. Uruguay è “cumbia”,...

    Rebecca

    Da Milano in Uruguay per un anno

  • Prossima Storia

    Le avventure di Daria nelle Filippine - Parte II

    Nuove curiosità sulle Filippine: - i miei compagni di classe hanno una fissa per la Corea e i coreani, quando chiedo loro dove vorrebbero andare la prima destinazione che mi dicono tutti è la Corea. - il filipino time permette...

    Daria

    Da Milano nelle Filippine per un anno

  • Prossima Storia

    Ho ancora molto da imparare dalla mia amata “Magyarország”

    É fatta, sono qui, in Ungheria! É da Budapest che vi scrivo, per condividere con voi quello che ho imparato in questi 3 primi e intensi mesi nella terra del popolo magiaro. Qui molti mi chiedono, perché io abbia scelto...

    Riccardo

    Da Palermo in Ungheria per un anno

  • Prossima Storia

    Un giorno veramente speciale

    Era un giorno come tutti gli altri, un mercoledì per la precisione e come di routine avevo il corso di polacco.Erano le lezioni che mi piacevano di più, dove mettevo alla prova le mie conoscenze linguistiche, imparavo qualcosa...

    Valentina

    Da Viterbo in Polonia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here