Una diversità piena di valori

Camilla

Da Roma in Argentina per un anno

Qui in Argentina la scuola occupa una piccola parte della giornata nella vita dei ragazzi. Dove mi trovo le lezioni iniziano alle 7:30 con il classico alzabandiera nel quale due studenti accompagnati dal direttore della scuola alzano la bandiera nazionale, e si concludono poi alle 12.30. Le lezioni si dividono in moduli, ogni modulo è formato da 80 minuti. Una delle cose che da subito mi ha colpito e ho amato della scuola argentina è il clima scolastico, molto più sereno, tranquillo e rilassato rispetto a ciò che vivo in Italia. Si dà priorità a progetti, esposizioni, lavori di gruppo, cose a cui non ero per niente abituata. Se hai una idea da condividere i professori e i compagni saranno i primi a volerti ascoltare. Se c’e una cosa che posso affermare con certezza è che gli argentini sanno condividere, tutto, da un pacchetto di caramelle a un posto in macchina.
L’imparare a condividere è il consiglio più grande che ti possa dare se stai pensando di andare in Argentina. Fare amicizia è forse la cosa che più ho amato e amo fare tuttora a quasi 8 mesi che mi trovo qui, mi piace conoscere gente nuova, tutti hanno una storia da condividere, basta solo essere disposti ad ascoltare.
La divisa scolastica è adottata da tutte le scuole, serve a non far notare le differenze sociali, inoltre ti risparmia anche molto tempo la mattina per prepararti. Durante questa esperienza scolastica in Argentina ho superato lo stereotipo che condividevo prima di lasciare l’Italia, legato ad un abbigliamento ‘’firmato’’e alla moda come simbolo di successo sociale e integrazione nel gruppo di amici; qui in Argentina i ragazzi e le ragazze non giudicano in base alla moda del giorno o alle marche degli abiti che si indossano, ma si sentono liberi di uscire nella maniera che preferiscono.
  • Foto scattata a scuola in occasione dello spettacolo del 25 Maggio, Giorno della Patria in Argentina
  • Foto scattata a scuola in occasione dello spettacolo del 25 Maggio, Giorno della Patria in Argentina
  • In Argentina ogni anno, in ogni scuola del paese, i ragazzi dell'ultimo anno realizzano delle felpe personalizzate con i colori della scuola di provenienza
  • <p>Durante il mese di aprile, a scuola è stata organizzata una vendita di dolci per raccogliere fondi per i giochi della settimana dello studente che si svolge a settembre. La classe di Camilla ha vinto e come premio la municipalità ha offerto un'escursione alle montagne lì vicino, conosciute anche con il nome di Manzano Històrico.</p>

Le avventure scolastiche di Camilla

La sensazione di appartenenza e di rispetto per la propria scuola è forte, nel corso dell’anno vengono organizzati una grande quantità di progetti; "la semana estudiantil" è una settimana nella quale gli studenti di tutte le scuole superiori, appartenenti a una piccola città, distretto o provincia si sfidano tra di loro in competizioni sportive per vincere la coppa. Anche se tutto ciò viene realizzato in una sola settimana, nel mese di ottobre, la preparazione avviene molti mesi prima, con la realizzazione di bandiere rappresentanti la propria scuola, magliette e allenamenti per i vari tipi di sport come: calcio, nuoto, tennis, atletica, equitazione, danza e molti altri.
Il rapporto con i professori lo vedo e lo vivo in maniera diversa rispetto all’Italia, il professore non viene visto come una figura autoritaria da rispettare incondizionatamente, ma come un adulto che può darti consigli, ascoltarti e aiutarti in qualsiasi momento.
Uno dei pregi più importanti che acquisito è quello del "autofinanziamento", attraverso cui i ragazzi organizzano attività di qualsiasi genere, come per esempio vendita di gelati, lavaggio auto, lezioni particolari, babysitting, per le cose di cui hanno bisogno.
Che il livello educativo non sia quello italiano o europeo è indiscutibile, ma sono tanti i valori che la scuola argentina mi ha trasmesso.

Camilla

Da Roma in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Un primo giorno speciale

    Eccomi qua; in un posto che non mi appartiene, cercando di comunicare in una lingua che non mi appartiene. Sono Fabiana e sto frequentando il mio anno di scambio in Russia, esattamente in un paesino chiamato Aфипский (afipskij) che si tro...

    Fabiana

    Da Giarre in Russia per un anno

  • Prossima Storia

    Qui mi sono detto di non essere più timido e ho cominciato a fare ciò che mi piaceva!

    Hola chicos! Mi chiamo Lorenzo, ho 18 anni appena compiuti e vivo in Repubblica Dominicana da ormai sei mesi.La mia avventura è stata ed è tuttora qualcosa di magnifico, qualcosa di incredibile. Sarebbe impossibile rinchiudere...

    Lorenzo

    Da Pisa in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Una giornata speciale

    Il giorno del rientro dalla Norvegia è stato forse uno dei più scioccanti della mia vita.Già nelle ultime settimane dello scambio provavo un'ansia e un rifiuto nei confronti dell'Italia sempre più forti, e che aumentavano...

    Leonardo

    Da Roma in Norvegia per un anno

  • Prossima Storia

    Grazie mamma!

    Boh, da dove iniziare? Probabilmente si deve tornare a novembre, mese in cui tutti noi, come ben sappiamo, ci troviamo a compilare il fatidico fascicolo andando a scavare tra le foto e cercando di presentarsi in un inglese perlomeno intuibile,...

    Mario

    Da Avezzano in Turchia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here