Il mio splendido anno in Ungheria

Beatrice

Da Alessandria in Ungheria per un anno

Ricordo, come se fosse ieri, quel giorno di ottobre quando due volontarie entrarono nella mia classe per parlarci di Intercultura. Catturarono la mia attenzione fin da subito e infatti non appena arrivai a casa ne parlai con i miei genitori. Solo dopo i primi incontri maturò la mia idea di fare questa esperienza. All'inizio pensai di partire solo per un mese durante l'estate ma poi mi convinsi e grazie anche ad una mia amica, Emma (che è stata un anno in Canada), decisi di candidarmi per l’esperienza annuale. I mesi passarono e questa idea si concretizzò sempre di più fino alla comunicazione della mia destinazione: Ungheria.

L'attesa fu tanta e finalmente arrivò il 22 agosto, la data della mia partenza.

Cominciò così, la mia nuova vita in un piccolo paese situato nel sud-est, a 30 km dal confine rumeno. Un paese prevalentemente agricolo, famoso per le angurie, infatti ad agosto si tiene il festival dedicato a questo frutto; dove si conoscono tutti e l'unica pizzeria che c'é, è la pizzeria della mia splendida famiglia ospitante.

I primi mesi sono stati, forse, quelli un po' più difficili, in particolar modo riguardo l'approccio con la lingua ungherese, una lingua difficile. Però accanto a me ho avuto una famiglia che mi ha sempre aiutata, mi ha incoraggiata e sostenuta.

  • Beatrice in Ungheria
  • Beatrice e le sue compagne di scuola
  • Beatrice e i suoi amici
  • Beatrice e i suoi amici ungheresi
  • Beatrice e la sua famiglia ungherese
  • Beatrice e la sua famiglia

Tra i momenti più importanti ed emozionanti ricordo il Natale e il mio diciottesimo compleanno. I mesi successivi sono, purtroppo, passati molto velocemente fino ad arrivare al giorno più difficile e più triste, l'11 luglio: il giorno della mia partenza e ritorno in Italia.

Si conclude così la mia avventura, in uno splendido Paese, ospitale e semplice.

Ho conosciuto moltissime persone che mi hanno dato tanto e che sono e saranno per sempre nel mio cuore, e che spero di essere riuscita a ricambiare.

Beatrice

Da Alessandria in Ungheria per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilitĂ  studentesca

  • Prossima Storia

    Due mesi sottosopra

    Per la maggior parte delle persone l'Australia rappresenta un paese lontanissimo associato a elementi simbolici come gli immensi spazi selvaggi, il caldissimo outback, le spiagge infinite e ovviamente i canguri e i koala. Dovendo essere sincero...

    Davide

    da Parma in Australia per due mesi

  • Prossima Storia

    Ora appartengo a due mondi

    Il 22 Agosto sono partita per l'Ecuador, un Paese di cui non sapevo praticamente nulla e di cui mi sono innamorata. Eravamo in 21 italiani e sul volo verso Quito e nessuno era in grado di tacere la propria emozione. Stavamo iniziando un nuovo...

    Giulia

    Da Asti in Ecuador per un anno

  • Prossima Storia

    Gioia ed entusiasmo nella scuola hondurégna

    Ciao a tutti, mi presento, sono Jlenia e fino a tre settimane fa abitavo in un piccolo paesino vicino al mare, in Sardegna. Oggi mi trovo a vivere una delle esperienze che mi segnerà a vita. Vivo a Puerto Cortes, in Honduras. Vi chiederete:...

    Jlenia

    Da Lanusei-Tortolì in Honduras per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here