Il Québec ti entra nel cuore

Camilla

Da Verbania in Canada per un anno

Sono già passati quattro mesi da quando sono arrivata. Ormai sono quasi a metà della mia esperienza qui in Québec.

Il tempo è davvero volato via, proprio in questi giorni mi sono davvero resa conto di quanto io sia fortunata ad essere qui, della fantastica occasione che mi è stata data, e di quanto questo posto sia bellissimo.

Qui mi sento davvero a casa, la mia nuova famiglia mi incoraggia, parliamo, scherziamo, mi trattano davvero come se fossi una loro figlia. Con mia sorella ridiamo, giochiamo, facciamo tantissimi dolci; mio fratello è il tipico "fratellino" che ho sempre voluto avere (ha solo due anni in meno di me), i genitori mi trasmettono il loro amore per gli animali (abbiamo una fattoria), ho davvero trovato un'altra famiglia!
È un'esperienza che ti arricchisce, ti apre enormemente la mente, ma soprattutto ti cambia, ti fa maturare

Non avrei mai potuto immaginare che mi sarei ritrovata a mangiare carne essiccata come fosse patatine, a giocare fare corse di mini-pony in slitta, a uscire di casa con meno 30 gradi e dire:"si sta bene fuori, eh?".

Qui tutto è nuovo, diverso, ma comunque interessante, impressionante - ma in senso positivo.

Certo, i momenti difficili ci sono: quando non condividi le idee degli altri, quando sei un po' malata e vorresti un abbraccio dalla tua mamma; quando ti manca parlare tranquillamente con i tuoi amici, quando ti manca il cibo italiano (e ti accorgi di essere ingrassata), ma alla fine tutto passa.

Je me souviens. Oui, je me souviens dei colori, delle risate, della gente, della natura, degli animali, del freddo (piacevole), della routine! Il Québec ti entra nel cuore, è fatto di esperienze vissute, di amicizie, di amori.

Davvero, non avrei potuto sperare in qualcosa di più ed è sicuro che mi ricorderò per sempre di quest'anno.

Tutti i ragazzi dovrebbero avere la possibilità di vivere un'esperienza così, per questo incito sempre le persone a mettersi in gioco. È un'esperienza che ti arricchisce, ti apre enormemente la mente, ma soprattutto ti cambia, ti fa maturare.

In fondo, non potrei essere più felice.

Camilla

Da Verbania in Canada per un anno

  • Prossima Storia

    Non comprendi di essere in un Paese finchè non ci vivi

    I primi giorni sono davvero strani, ti trovi in una famiglia che non è la tua e la città è completamente da scoprire, la lingua non ne parliamo. Sembra quasi di essere in vacanza, ma con l'andare dei giorni ti rendi conto...

    Asia

    Da Verona in Ungheria per un anno

  • Prossima Storia

    La religione in America come un puzzle

    Durante la mia esperienza annuale negli Stati Uniti, ho avuto modo di riflettere sul rapporto che gli americani hanno con la religione. La mia famiglia ospitante era cattolica, come la mia famiglia italiana, e allo stesso modo non frequentante;...

    Laura, da Bari negli Stati Uniti per un anno

    Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

  • Prossima Storia

    Tre buoni propositi per un mese in Irlanda

    Ci sono dei sogni che ci si accorge di avere solamente quando diventano realtà, quando ormai sono nel pieno del loro svolgimento. Prima di partire per l’Irlanda, più volte avevo pensato che mi sarebbe piaciuto trascorrere...

    Anna

    da Brescia in Irlanda per un'estate

  • Prossima Storia

    Prima e dopo

    L’inizio Vivo nella città di Nanchino e frequento la 南京第三高级中学, dove ho trovato compagni simpatici e disponibili pronti a darmi una mano tutte le volte in cui non comprendo qualcosa della loro lingua. I ragazzi della classe ha...

    Francesco

    Da Enna in Cina per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here