Impressioni indonesiane

Raja

Da Lodi in Indonesia per un anno

Già prima del risveglio, i respiri vengono scanditi dal calore delle prime ore del giorno. L'alba preme insistente sull'oscurità, quasi a voler catturare lo splendore delle mille stelle che popolano i cieli e rendersi ogni giorno più luminosa, ogni giorno diversa.
Le strade si animano di affollata solitudine e, dalla via che conduce al villaggio più vicino, compare una ragazza dai lunghi capelli neri, destinati ad essere preda dei raggi di un sole sempre più invadente. Si fa largo tra i vicoli stretti, attendendo il passaggio di motorini inafferrabili. L'uniforme del lunedì le sta stretta e pare imbarazzata mentre si sistema la lunga gonna color indaco. Alza lo sguardo, scoprendo gli occhi a mandorla contornati da folte ciglia e si appresta ad osservare quell'angolo di vita che ormai conosce a memoria. Non si rassegna però, brilla di stupore e meraviglia mentre scruta i muri deteriorati e i banchetti alimentari appena aperti. Le spezie piccanti, l'odore di fritto e il carbone fumante della griglia si perdono nell'aria: un nuovo ossigeno dal retrogusto di erbe aromatiche e fragranze mistiche.

I viali sconnessi accolgono le forme più varie di trasporti: gli angkot blu da cui straboccano studenti di tutte le età, i pullman turistici più eleganti, le biciclette malmesse, le carrozze guidate da signori dalla pelle scura e il sorriso incastrato in una smorfia. Il cielo cristallino incornicia e contrasta questo vivere policromo, attenuando il disordine.
L'uniforme del lunedì le sta stretta e pare imbarazzata mentre si sistema la lunga gonna color indaco.

Cartoline dalla splendida isola di Bali

Esistenze cullate dalla mano calda di una spiritualità tenace e salda, tra templi imponenti e moschee dalle cupole ricamate, tra pratiche esoteriche, superstizioni e canti in lingue antiche. L'elevarsi di foreste pluviali ai margini di metropoli contaminate, le risaie senza fine interrotte da omini colorati, il fascino di vulcani da cui si odono lamenti e sussulti, l'oceano increspato e delirante, dall'acqua umile, preziosa e casta.

Indonesia, terra magica filtrata dal chiarore di un lume ancora debole, ma ricco di abbagli taciuti.

Raja

Da Lodi in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Essere parte di una squadra

    Sono Paola, una ragazza di 17 anni che ha deciso di lasciare il suo stile di vita,la sua famiglia e suoi amici per un anno per viaggiare e scoprire i confini del mondo. Vi scrivo da 8.631km lontano da casa, esattamente in uno degli stati...

    Paola

    Da Lecce negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Non un solo giorno sprecato

    Quando mi chiedono perché io abbia scelto la Turchia, dico che è stata lei a scegliere me. Fondamentalmente, non credevo in nessuno dei dieci paesi che ho scritto. Il mio obiettivo era il mondo e avrei accettato ogni luogo come...

    Gaia

    Da Napoli in Turchia per un anno

  • Prossima Storia

    La mia esperienza Intercultura in Croazia

    Ciao sono Stefano e nel 2013 sono partito per un programma trimestrale in Croazia, una delle esperienze più belle della mia vita. Ho sempre desiderato fare un anno all'estero, così appena ho visto la pubblicità di Intercultura...

    Stefano

    Da Torino in Croazia per tre mesi

  • Prossima Storia

    La religione in America come un puzzle

    Durante la mia esperienza annuale negli Stati Uniti, ho avuto modo di riflettere sul rapporto che gli americani hanno con la religione. La mia famiglia ospitante era cattolica, come la mia famiglia italiana, e allo stesso modo non frequentante;...

    Laura, da Bari negli Stati Uniti per un anno

    Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here