Il paese
“Lo sport in Serbia è molto sentito, piace e viene praticato da molti”: è il Paese con il maggior numero di campioni sportivi di successo al mondo, in proporzione al numero di abitanti
 
Personaggi
Nel 1961, Ivo Andrić ottenne il Premio Nobel per la letteratura con la seguente motivazione: "per la forza epica con cui ha tracciato e rappresentato i destini umani concernenti la storia del suo paese"
 
Cucina
Per Natale è tradizione cuocere il pane in casa e porvi all’interno una monetina. Ogni commensale ne prende un pezzetto, e chi trova la monetina avrà un anno prosperoso!
 
Lo sapevi che...
Tra le scuole serbe che ospitano studenti stranieri, spicca il liceo musicale. Qui gli studenti suonano e studiano uno strumento oppure canto, ma frequentano anche i corsi teorici e generali

Serbia

“Siamo un popolo molto orgoglioso, e l’aver vissuto momenti difficili ci rende ancora più fieri di quello che siamo”. A dirlo è il più famoso serbo del momento, Novak Đoković, uno dei migliori tennisti al mondo.

Lingua

Serbo

 

Popolazione

7.5 milioni

 

Fuso orario

0 ore

 
Paese con un passato tormentato, ora la Serbia guarda al futuro con ottimismo, puntando a diventare un gioiellino d’Europa grazie alla vivacità che caratterizza il mondo della cultura e della vita di ogni giorno. Belgrado è la capitale non solo amministrativa ma anche economica, culturale e scientifica del Paese, e insieme a Novi Sad – dove si tiene la più grande manifestazione musicale a livello europeo – costituisce il maggiore centro urbano della Serbia.I PROGRAMMI E LE ATTIVITÀ DI AFS SERBIA
Intercultura organizza con AFS Serbia (Interkultura) un programma annuale e uno trimestrale, entrambi caratterizzati dall’accoglienza degli studenti in famiglie locali e dalla frequenza di istituti superiori serbi. Nel caso del programma trimestrale, alle famiglie dei candidati è richiesto l’impegno ad ospitare uno studente straniero nello stesso periodo del soggiorno all’estero dei propri figli.
Nei primi mesi del programma, gli insegnanti a scuola o il Centro locale organizzano dei corsi di lingua serba; durante il soggiorno potrebbero essere previste attività opzionali come gite, escursioni e visite culturali, il cui costo può essere a carico dei partecipanti.
Programma Nati dal Al Partenza Ritorno
Annuale 01/08/2001 31/07/2004 a fine agosto 2019 a inizio luglio 2020
Trimestrale 01/01/2001 31/07/2004 a fine agosto 2019 a dicembre 2019
UN ANNO…
A Belgrado, “la città che non dorme mai”, gli studenti vengono accolti dallo staff e dai volontari dell’Associazione, che organizzano una tre giorni di formazione per introdurre i ragazzi alla cultura, al sistema scolastico e alla vita in famiglia del Paese.
A fine settembre è la Giornata Internazionale del Dialogo Interculturale a rappresentare un’occasione di riflessione e valutazione dell’andamento dell’esperienza. Un’opportunità simile si ripresenta poi a metà febbraio, quando è previsto un nuovo incontro per riflettere sulla prima parte del programma. L’incontro conclusivo di giugno, prima del rientro in Italia, è infine l’occasione per salutarsi e prepararsi al ritorno a casa.…O TRE MESIIl programma rientra nel progetto “Trimestre di Cittadinanza Europea” coordinato dall’EFIL (European Federation of Intercultural Learning, federazione delle principali organizzazioni AFS europee e mediterranee), che prevede attività di approfondimento e confronto sul tema della Cittadinanza Europea.
All’arrivo a Belgrado, gli studenti del programma trimestrale partecipano allo stesso incontro organizzato per i ragazzi dell’annuale.
Anche gli studenti del programma trimestrale si riuniscono di nuovo a fine settembre per i tre giorni in occasione della Giornata Internazionale del Dialogo Interculturale. Negli ultimi giorni del programma trimestrale è previsto che i 200 ragazzi che partecipano a questo programma in circa 20 Stati europei si ritrovino nella “Capitale d’Europa”, dove visitano il Parlamento Europeo e i principali luoghi d’interesse, prendendo parte ad attività in lingua inglese e riflettendo insieme sull’esperienza vissuta, sull’apprendimento interculturale e sulla Cittadinanza Europea. Per maggiori informazioni si veda il sito del progetto www.ectp.eu.LA SCUOLA
La scuola superiore serba si articola in tre rami: gli istituti tecnici (di durata variabile, dai due ai quattro anni); i licei, che durano quattro anni e offrono l’indirizzo umanistico e quello scientifico; l’accesso alla formazione professionale (tre anni). In base al percorso di studi italiano, gli studenti AFS sono solitamente inseriti nella classe di un liceo o di un istituto tecnico. I ragazzi si trovano in classi da trenta studenti in media, con cui condividono tutte le materie obbligatorie a parte religione, che può essere sostituita da educazione civica. I professori mantengono un rapporto abbastanza informale con gli alunni e si fanno chiamare con il nome e l’appellativo di professore. Le lezioni si possono svolgere al mattino o al pomeriggio, con alternanza settimanale.
La maggior parte delle scuole organizza alcune attività extracurriculari; quando ciò non si verificasse è possibile praticare sport e altre attività in circoli cittadini.
A volte le scuole serbe organizzano gite all’estero: in questo caso la partecipazione dello studente AFS è facoltativa e il costo è a suo carico.LE FAMIGLIE OSPITANTILe famiglie serbe sono molto ospitali e informali: i genitori sono le prime persone a cui si chiede aiuto e quelle con cui si passa più tempo. Solitamente entrambi hanno un lavoro a tempo pieno, il che implica che i ragazzi in casa collaborano con i lavori domestici e le commissioni. Il fine settimana diventa quindi l’occasione perfetta per riunirsi e festeggiare con nonni e parenti, nel caso non vivano nella stessa abitazione.
Al di là di ogni pregiudizio, i serbi sono molto curiosi e sfruttano ogni opportunità per conoscere nuove culture e persone.
La cucina serba è basata principalmente su piatti di carne, prodotti caseari e prodotti dolciari o da forno, e questo fa sì che sia difficile ospitare studenti vegetariani, allergici ai prodotti lattieri e celiaci.
È molto difficile trovare una famiglia disposta ad ospitare studenti fumatori – trattandosi di giovani ragazzi, il fumo non è facilmente accettato – o con allergie agli animali. Talvolta però in casa può esserci un adulto fumatore.
Sebbene la religione cristiana ortodossa sia la più diffusa, nel Paese non mancano meravigliosi monasteri medievali e splendide moschee. Ivo Andric, uno dei maggiori scrittori serbi, ha vinto il Premio Nobel scrivendo un libro appunto sulle differenze religiose nella penisola balcanica.
Il paese

Religione

Punto di incontro tra il cattolicesimo, la Chiesa Ortodossa e l’Islam, la Serbia risulta essere uno dei paesi europei più variegati dal punto di vista religioso. Si possono notare differenze marcate da regione a regione, ad ogni modo, oltre il 90% degli abitanti della Serbia (compresa la regione di Belgrado) professano la confessione ortodossa. L’accesso ad una chiesa cattolica, quindi, è piuttosto difficile.

Clima

La parte settentrionale del Paese ha un clima di tipo continentale influenzato dalle masse d'aria provenienti dal nord e dall’est europeo, con inverni freddi e estati calde e umide; le precipitazioni sono distribuite lungo tutto l'anno. Nella parte meridionale e sud-occidentale del Paese il clima subisce delle influenze da parte del Mediterraneo anche se le Alpi Dinariche formano uno sbarramento per le masse d'aria calda; il clima è prevalentemente caldo e secco in estate e autunno e relativamente freddo e ricco di precipitazioni nevose in inverno.

Lingua

La lingua serba è una lingua slava meridionale parlata in Serbia, Bosnia ed Erzegovina e Montenegro. Una caratteristica della lingua serba è l'uso parallelo di due alfabeti: l'alfabeto cirillico e l'alfabeto latino. Nonostante l'alfabeto ufficiale sia quello cirillico, tutte le persone istruite usano normalmente entrambi gli alfabeti. Nel Sud del Paese è parlato anche l'albanese. L’inglese è abbastanza diffuso, soprattutto a Belgrado.
  • Prossimo paese

    Giappone

    Si narra che il Giappone sia nato da una spada. Che gli antichi dèi abbiano immerso una lama di corallo nell’oceano e che, al momento di estrarla, quattro gocce perfette siano cadute in mare e siano diventate le isole maggiori dell'arcipelago giapponese: Honshu, Hokkaido, Shikoku e Kyushu.

  • Prossimo paese

    Ungheria

    Una nazione... enigmatica, se non altro perché a un suo cittadino, l’architetto Ernő Rubik, si deve la creazione di un famoso rompicapo, detto appunto “cubo di Rubik”. E persino per la penna a sfera bisogna ringraziare l’Ungheria, che ha dato i natali a László József Bíró, inventore di uno degli ogg…

  • Prossimo paese

    Uruguay

    Tra Argentina e Brasile, scoperto, secondo le cronache spagnole, nel 1516, quando Juan Dìaz de Solìs risalì il Rio de la Plata, l’Uruguay è il Paese dell’America Latina con il più alto livello di alfabetizzazione e con una delle maggiori mescolanze di etnie di tutto il Sud America.

  • Prossimo paese

    Panama

    Lungo ottanta chilometri, attraversato lentamente da circa dodicimila navi all’anno, il Canale di Panama congiunge la costa pacifica con quella atlantica, rendendo Panama uno dei pochi Paesi transcontinentali al mondo.

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here