Amicizia istantanea

Alessandro

Da Castelli Romani in Francia per un anno

Misi il countdown 164 giorni prima della partenza per il mio programma annuale in Francia. Una distanza immensa. I giorni sembrava non passassero più.

Ma è proprio quando ti abitui a quella costante lentezza, che in una frazione di secondo ti accorgi che stai vivendo l'ultima sera da minorenne in Italia. Non starò qui a raccontarvi le riflessioni di quella sera, che si possono riassumere in sei parole: timore, ansia, paura, curiosità, gioia, felicità. A pensarci bene, potrei raggrupparle tutte all'interno della parola felicità, ora che sono due mesi che vivo a Quimper, città della Bretagna a Nord della Francia.
Non è facile iniziare una nuova vita da capo, ci sono inizi che è difficile compiere un'altra volta e non é sempre tutto rose e fioriMentre mi trovo sull'autobus rifletto su tutto quello che ho vissuto in sessanta giorni. Devo ammettere che non è facile iniziare una nuova vita da capo, ci sono inizi che è difficile compiere un'altra volta e non é sempre tutto rose e fiori, ci sono momenti in cui la nostalgia si fa forte e inizi a sentire la mancanza anche di piccolezze di cui a casa non ti accorgevi nemmeno della loro esistenza. Quello che voglio dire è che quando ti accorgi che cento cose stanno andando male ne hai sempre 101 che vanno bene, ed è in quell'uno in più che trovi la felicità.

La vita di uno studente durante il suo programma di scambio non è certo facile, come si può intravedere dai sui vari post di Facebook, ma l'unica cosa che posso dirvi dopo due mesi che sono qui è che la mia vita ha preso una strana fascia di colori, quando erano sbiaditi nella mia vita romana, quasi persi in un bianco senza emozioni.
Non ho mai pensato che un legame così forte possa crearsi solamente in una frazione di secondo, nel tempo di uno sguardo, il tempo di comprendere che anche lui sta vivendo la tua stessa esperienza

Arrivato a Parigi, con i miei compagni di viaggio italiani, dove abbiamo trascorso tre giorni prima di partire per la cittadina dove mi trovo ora, ho conosciuto persone stupende da tutto il mondo con le quali ora sto condividendo questa esperienza. Ragazzi che non hai mai visto nella tua vita, che parlano lingue di cui non sapevi neanche l'esistenza, ma che sono in grado di darti, anche attraverso quei piccoli gesti, quella sicurezza che ti fa sentire loro fratello. Da quel momento ho conosciuto un nuovo colore nella mia vita, un colore che indicava una nuova forma di felicità; mi piace chiamarla amicizia istantanea: non ho mai pensato che un legame così forte possa crearsi solamente in una frazione di secondo, nel tempo di uno sguardo, il tempo di comprendere che anche lui sta vivendo la tua stessa esperienza. A quel punto sei uno dei pochi che può comprendere ogni suo sentimento come lui può comprendere te, e nel vostro legame trovi una piacevole sicurezza.

Alessandro

Da Castelli Romani in Francia per un anno

  • Prossima Storia

    L'entusiasmo dei miei compagni malesi

    Vi do un consiglio. Se state pensando di trascorrere un anno all'estero in una scuola in Malesia e siete europei, dovrete prepararvi ad un'accoglienza più che entusiasta. Cosa intendo con "entusiasta"? Lasciate che ve lo spieghi. Il...

    Matilda

    Da Treviglio in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    La mia estate in Giappone

    Camilla ha vissuto per un mese in Giappone con Intercultura, grazie a una borsa di studio offerta da Unipol Gruppo. In questo video ci racconta la sua esperienza nel Paese del Sol Levante!

    Camilla

    Da Milano in Giappone per un'estate

  • Prossima Storia

    Un amore a quattro zampe

    Mi chiamo Andrea Bacchetta, ho 25 anni e sono nato ad Ivrea, in provincia di Torino. Ho frequentato il Liceo Scientifico Antonio Gramsci che ho scelto più per esclusione che non per interesse nelle materie insegnate. Tuttavia, tutto è...

    Andrea

    Da Ivrea in Finlandia per un anno

  • Prossima Storia

    Imparare la difficile lingua ungherese

    Quando ho inserito le scelte per il mio programma di Intercultura, in realtà non avevo confini: avevo deciso di partire e qualsiasi meta mi avessero assegnato, sarebbe andata bene. Tra i programmi ho inserito l’Ungheria, anche se...

    Beatrice

    Da Monza e Brianza in Ungheria per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here