Vi racconto il mio Natale portoghese!

Dalisia

Da Marsala in Portogallo per un anno

Inizierò dicendo che, essendo una siciliana che non ha mai visto la neve nella sua vita e che adora così tanto il Natale, tanto da desiderare di andare con Intercultura in un Paese dell'Europa del Nord, l'unica cosa che mi turbava del Portogallo era il periodo natalizio.Ho subito pensato: "Ok, sarà un Natale simile a tutti gli altri!" Mi sbagliavo: è stato un Natale completamente diverso. L'atmosfera natalizia era differente, sarà per i 20 gradi, sarà perché non stavo nella stessa città di sempre, con la solita famiglia. Sarà perché sembra ieri che sono arrivata qua, in questo posto in cui mi son sentita a casa sin dal primo giorno, e adesso sono già a metà percorso.
Il cenone di Natale è stato a casa con tutti i parenti. C'erano tantissime cose da mangiare, tra cui baccalà e circa venti tipi di dolci differenti, sia italiani che portoghesi. E poi si dice che si mangia tanto in Sicilia… non avete visto niente! Ammetto che quella sera mi è venuta un po' di saudade, per la prima volta da quando sono qua, ma il tempo di metterci a tavola tutti insieme e iniziare la serata e già mi era passato tutto. Alle undici e mezza abbiamo iniziato a scambiarci i regali e a mezzanotte i parenti sono andati via ed era già finito tutto.
Per il giorno di Natale, qui in Portogallo non c'è il "pranzo", ma il lanche, cioè la merenda con i parenti. Non avrei potuto desiderare un Natale migliore di cosìPer il giorno di Natale, qui in Portogallo non c'è il "pranzo", ma il lanche, cioè la merenda con i parenti. Non avrei potuto desiderare un Natale migliore di così. Ringrazio Intercultura e il MIUR per avermi permesso di fare questa incredibile e magica esperienza.

  • Dalisia e la scultura di Pessoa
  • Dalisia e altri studenti AFS con le bandiere dei rispettivi Paesi d'origine

Tanti amici da tutto il mondo per l'anno in Portogallo di Dalisia

Dalisia

Da Marsala in Portogallo per un anno

  • Prossima Storia

    Sorelle per un gelato

    È stato il primo momento in cui mi sono trovata completamente sola con la mia sorellina di 5 anni. Non ho neanche capito cosa volesse quando mi ha chiesto: "Chci zmrzlinu, jdeš sem nou?" con un sorriso speranzoso e un po' di vergogna...

    Benedetta

    Da Lecce in Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    Non si tratta solo di conoscere

    Apparentemente l'Austria può sembrare un Paese anonimo per chi non lo conosce, e poiché si parla il tedesco può sembrare che culturalmente sia più simile alla Germania.

    Sophie

    Da Roma in Austria per un semestre

  • Prossima Storia

    Quella scintilla che mi ha fatto volare!

    Mi chiamo Imma, ho 27 anni, nel 2006 ho vinto una borsa di studio trimestrale in Slovacchia e vorrei raccontarvi la mia storia. Ero una bambina molto introversa e timida io a 16 anni, non ridevo perché non mi piaceva il mio sorriso...

    Imma

    da Napoli in Repubblica Slovacca per tre mesi

  • Prossima Storia

    Una tradizione canadese

    Nella mia scuola qui in Canada c’è una tradizione: quando qualcuno si diploma, o, per un motivo o per un altro deve lasciare quelli che sono stati i suoi compagni e i suoi professori, appende il lucchetto del suo armadietto al cancello...

    Mariacristina

    Da Reggio Calabria in Canada per tre mesi

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here