Vi racconto il mio Natale portoghese!

Dalisia

Da Marsala in Portogallo per un anno

Inizierò dicendo che, essendo una siciliana che non ha mai visto la neve nella sua vita e che adora così tanto il Natale, tanto da desiderare di andare con Intercultura in un Paese dell'Europa del Nord, l'unica cosa che mi turbava del Portogallo era il periodo natalizio.Ho subito pensato: "Ok, sarà un Natale simile a tutti gli altri!" Mi sbagliavo: è stato un Natale completamente diverso. L'atmosfera natalizia era differente, sarà per i 20 gradi, sarà perché non stavo nella stessa città di sempre, con la solita famiglia. Sarà perché sembra ieri che sono arrivata qua, in questo posto in cui mi son sentita a casa sin dal primo giorno, e adesso sono già a metà percorso.
Il cenone di Natale è stato a casa con tutti i parenti. C'erano tantissime cose da mangiare, tra cui baccalà e circa venti tipi di dolci differenti, sia italiani che portoghesi. E poi si dice che si mangia tanto in Sicilia… non avete visto niente! Ammetto che quella sera mi è venuta un po' di saudade, per la prima volta da quando sono qua, ma il tempo di metterci a tavola tutti insieme e iniziare la serata e già mi era passato tutto. Alle undici e mezza abbiamo iniziato a scambiarci i regali e a mezzanotte i parenti sono andati via ed era già finito tutto.
Per il giorno di Natale, qui in Portogallo non c'è il "pranzo", ma il lanche, cioè la merenda con i parenti. Non avrei potuto desiderare un Natale migliore di cosìPer il giorno di Natale, qui in Portogallo non c'è il "pranzo", ma il lanche, cioè la merenda con i parenti. Non avrei potuto desiderare un Natale migliore di così. Ringrazio Intercultura e il MIUR per avermi permesso di fare questa incredibile e magica esperienza.

  • Dalisia e la scultura di Pessoa
  • Dalisia e altri studenti AFS con le bandiere dei rispettivi Paesi d'origine

Tanti amici da tutto il mondo per l'anno in Portogallo di Dalisia

Dalisia

Da Marsala in Portogallo per un anno

  • Prossima Storia

    Da questo Paese che ormai è casa..

    Sono Sara Montelatici, e sto facendo un anno in Malesia. Voglio raccontare quelli che sono alcuni degli aspetti della mia esperienza attraverso queste foto.Foto 1 Questa è la mia sorellina nella mia prima famiglia ospitante, Nur, 7 anni....

    Sara

    Da Milano in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    Ero costaricana anch'io

    Pioveva sempre a dirotto, così forte che quasi quasi avevo paura che il tetto mi cadesse in testa. È così, lì. Il tempo è pazzo. Piove, esce il sole, tira vento, cade la cenere. È matto, imprevedibile....

    Alice

    Da Padova in Costa Rica per un anno

  • Prossima Storia

    Un'esperienza per tutta la vita

    Mi chiamo Francesca, sono di Ferrara, una piccola cittadina dell’Emilia Romagna, ho quasi 50 anni, ho trascorso un anno negli USA a Chicago nel 1984 e desidero portare una testimonianza di come un’esperienza all’estero vada...

    Francesca Barbuto

    Con Intercultura nel 1984/85

  • Prossima Storia

    Islanda: il luogo giusto per sbalordirsi ogni giorno

    Sono Blerta e sono in Islanda, più precisamente ad Höfn í hornafirði. Vi scrivo dal Paese del fuoco e del ghiaccio, dove nel 2010 c'è stata l'eruzione del vulcano Eyjafjallajokull (non è difficile come sembra...

    Blerta

    Da Milano in Islanda per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here