Carpe diem

Claudio

Da Roma in Belgio fiammingo per un anno

Un anno all’estero può essere facilmente preso come metafora per una vita intera.
Si riparte da zero, una nuova nascita. Arrivi e non sai parlare, non conosci i costumi, le regole, le usanze, le abitudini, le leggi. Tutti ti trattano come uno stupido, anzi no, come un bambino: ti spiegano tutto sempre e comunque, mille volte, come funzionano i semafori, la strada per tornare a casa, per andare a scuola, alla stazione, quando è meglio vestirsi in un certo modo, arrivano anche a cercare di insegnarti come si va in bici.

Dopo qualche mese ormai hai raggiunto la tua vera età anche nel paese in cui ti trovi: hai imparato a fare tutto, parlare, comportarsi nella giusta maniera, fare dell’umorismo, hai una nuova famiglia e nuovi amici. Tutti ti hanno ormai iniziato a trattare come un normale adolescente e non più come un bambino che deve ancora imparare tutto.

È a questo punto che arriva lo shock, che capisci qualcosa che ti è sempre stata di fronte ma che solo adesso realizzi e che rende il resto dell’anno all’estero molto diverso dalla tua vita nel tuo Paese natale.
Si riparte da zero, una nuova nascita

Pensaci un attimo: anche se un giorno tornerai in quel Paese, rivedrai la tua nuova famiglia e i tuoi nuovi amici, la vita che stai vivendo adesso, il tuo anno all’estero, quei cento giorni che ti mancano al rientro non te li ridarà mai nessuno. Allora inizi a cercare di rendere ogni giorno speciale, indimenticabile, ne hai ancora solo pochi, devi farli valere, devi goderteli, renderli produttivi, anche se questo non sempre è possibile; e poi la connessione, quel piccolo passaggio logico, semplicissimo da fare ma così complicato da capire e tenere sempre a mente, arriva: sì, quest’anno è speciale, un periodo particolare all’interno della tua vita, sono giorni contati che nessuno ti ridarà mai… ma questo vale sempre che tu sia a casa, in Belgio, in Nuova Zelanda o in Costa Rica. Cerca di capirlo prima di arrivare a metà dell’esperienza!

Claudio

Da Roma in Belgio fiammingo per un anno

  • Prossima Storia

    Le "mie" elezioni USA

    Capita ogni 4 anni, e ogni volta è un momento epocale.Anche per loro, gli studenti di Intercultura che stanno trascorrendo il loro anno negli Stati Uniti, stanno vivendo lo scontro, in seno alle famiglie, tra gli amici di scuola, tra...

    A.A.V.V.

    Gli studenti dell'anno negli USA

  • Prossima Storia

    Vuoi fare un pupazzo di neve?

    Un piccolo fiocco di neve che si posa sulla finestra della mia stanza, il tepore del fuoco, la sciarpa tirata su fino al naso, le luci scintillanti contro il candido bianco della neve ,così strano per un calabrese: Basta poco per creare...

    Angelo

    da Reggio Calabria alla Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    Selamat pagi semua! (buongiorno a tutti)

    Oggi è il 5 ottobre, quindi è più di un mese che vivo in Indonesia, più precisamente a Medan, nella provincia di Sumatra Utara. Sono qui grazie ad un programma di scambio interculturale gestito da Intercultura. Il...

    Benedetta

    Da Mantova in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Una piccola, grande famiglia

    Dopo più di un mese a Castro, mi sento molto più immerso nell'ambiente "Chilote". Dico Chilote, non Cileno,perché sembra che questa isola sia una realtà molto differente da tutto il resto del Cile, come ambiente e...

    Damiano

    Da Bergamo in Cile per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here