Carpe diem

Claudio

Da Roma in Belgio fiammingo per un anno

Un anno all’estero può essere facilmente preso come metafora per una vita intera.
Si riparte da zero, una nuova nascita. Arrivi e non sai parlare, non conosci i costumi, le regole, le usanze, le abitudini, le leggi. Tutti ti trattano come uno stupido, anzi no, come un bambino: ti spiegano tutto sempre e comunque, mille volte, come funzionano i semafori, la strada per tornare a casa, per andare a scuola, alla stazione, quando è meglio vestirsi in un certo modo, arrivano anche a cercare di insegnarti come si va in bici.

Dopo qualche mese ormai hai raggiunto la tua vera età anche nel paese in cui ti trovi: hai imparato a fare tutto, parlare, comportarsi nella giusta maniera, fare dell’umorismo, hai una nuova famiglia e nuovi amici. Tutti ti hanno ormai iniziato a trattare come un normale adolescente e non più come un bambino che deve ancora imparare tutto.

È a questo punto che arriva lo shock, che capisci qualcosa che ti è sempre stata di fronte ma che solo adesso realizzi e che rende il resto dell’anno all’estero molto diverso dalla tua vita nel tuo Paese natale.
Si riparte da zero, una nuova nascita

Pensaci un attimo: anche se un giorno tornerai in quel Paese, rivedrai la tua nuova famiglia e i tuoi nuovi amici, la vita che stai vivendo adesso, il tuo anno all’estero, quei cento giorni che ti mancano al rientro non te li ridarà mai nessuno. Allora inizi a cercare di rendere ogni giorno speciale, indimenticabile, ne hai ancora solo pochi, devi farli valere, devi goderteli, renderli produttivi, anche se questo non sempre è possibile; e poi la connessione, quel piccolo passaggio logico, semplicissimo da fare ma così complicato da capire e tenere sempre a mente, arriva: sì, quest’anno è speciale, un periodo particolare all’interno della tua vita, sono giorni contati che nessuno ti ridarà mai… ma questo vale sempre che tu sia a casa, in Belgio, in Nuova Zelanda o in Costa Rica. Cerca di capirlo prima di arrivare a metà dell’esperienza!

Claudio

Da Roma in Belgio fiammingo per un anno

  • Prossima Storia

    Paesi così simili ma così diversi

    È il ventunesimo giorno in Argentina. Ammetto che ho dovuto contare i giorni esatti, poiché non pensavo più alla data della partenza. Nonostante questo, poco più di due settimane qua sono sembrate più lunghe...

    Sabiana

    Da Siracusa in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo giorno di scuola in India

    Namaskar (ciao a tutti)!!! Vi racconto il mio primo pazzo giorno di scuola.Dopo una normalissima notte d'insonnia, alle 6.00 di mattina è suonata la sveglia; alzato, doccia, colazione (al solito piccante e speziata come tutti i pasti)....

    Tullio

    Da Rovigo in India per un anno

  • Prossima Storia

    Quattro settimane nell'isola di Smeraldo

    Si sa bene che quattro settimane all'estero non possono essere paragonate ad un'esperienza di un anno o sei mesi lontani dalla propria casa, eppure il mese che ho passato a Dublino è stato uno dei migliori della mia vita e che ripeterei...

    Laura

    Da Brescia in Irlanda per un'estate

  • Prossima Storia

    Il rischio di andare in Serbia? Modificherà completamente la tua definizione di "famiglia"

    Personalmente, Brate è la mia parola preferita, significa 'fratello'.E' una delle parole più importanti della lingua parlata serba: meglio che la memorizzate se volete andare in Serbia, dato che conoscendo questa parola sarete...

    Valentina

    Da Viterbo in Serbia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here