La gentilezza degli indonesiani

Rebecca

Da Udine in Indonesia per un anno

Sono felice di raccontarvi com'è la vita qui. Innanzitutto la cosa che più mi ha colpita è stata la gentilezza con cui tutte le persone mi trattano: solo perché sono straniera mi riservano un trattamento speciale!
In famiglia mi trovo molto bene, mi fanno mangiare e bere tantissimo, anche quando sono sazia, perciò ho avuto modo di assaggiare molti piatti tipici...amano lo speziato. Mangiano chili di riso, colazione, pranzo e cena e lo cucinano in tantissimi modi diversi, accompagnandolo con pollo o pesce. Per ora della lingua so solo dire le cose essenziali, ma la sto studiando e spero di impararla il prima possibile perché qui non tutti sanno l’inglese. La scuola è molto diversa da quella italiana. Qui, dal mio punto di vista, non viene presa tanto seriamente: ogni tanto i professori non vengono in classe senza preavviso. Per esempio, la settimana scorsa si doveva fare una verifica d'inglese (che avrei fatto anche io) e la professoressa non si è presentata. Tutti i ragazzi erano tranquillissimi e io, convinta che potesse arrivare da un momento all'altro, ero l'unica in ansia che ripassava tutti i tempi. In classe siamo in 36 ragazzi, tantissimi rispetto alla classe in Italia, di 17.

Un'altra differenza che ho riscontrato tra la scuola di qui e quella italiana è che in Italia tutte le materie sono da studiare, niente lavori manuali o cose del genere. Qui abbiamo fatto sculture nel sapone e la settimana scorsa ci siamo truccati. L'ho trovato molto divertente. Inoltre studio giapponese e niente filosofia. E ci sono molte ore per la religione (4 a settimana, se non sbaglio).
Un'altra differenza che ho riscontrato tra la scuola di qui e quella italiana è che in Italia tutte le materie sono da studiare, niente lavori manuali o cose del genere. Qui abbiamo fatto sculture nel sapone e la settimana scorsa ci siamo truccati.

Rebecca

Da Udine in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca

  • Prossima Storia

    Otto mesi in Polonia

    È difficile riassumere in poche parole mesi così densi di esperienze ed emozioni, in cui così tanto ho visto e ho imparato.La Polonia è un paese spesso sottovalutato: prima di partire, tutte le volte che parlavo a...

    Anna

    Da Siena in Polonia per un anno

  • Prossima Storia

    La mia nuova casa

    Ciao! Sono Andrej e sto trascorrendo il mio anno in Austria, grazie a una borsa di studio parziale offerta dalla Fondazione CRT Torino, che ringrazio per l’opportunità che mi ha offerto. Sto scrivendo dalla mia nuova casa, precisamente...

    Andrej

    Da Torino in Austria per un anno

  • Prossima Storia

    Grazie mamma!

    Boh, da dove iniziare? Probabilmente si deve tornare a novembre, mese in cui tutti noi, come ben sappiamo, ci troviamo a compilare il fatidico fascicolo andando a scavare tra le foto e cercando di presentarsi in un inglese perlomeno intuibile,...

    Mario

    Da Avezzano in Turchia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here