La gentilezza degli indonesiani

Rebecca

Da Udine in Indonesia per un anno

Sono felice di raccontarvi com'è la vita qui. Innanzitutto la cosa che più mi ha colpita è stata la gentilezza con cui tutte le persone mi trattano: solo perché sono straniera mi riservano un trattamento speciale!
In famiglia mi trovo molto bene, mi fanno mangiare e bere tantissimo, anche quando sono sazia, perciò ho avuto modo di assaggiare molti piatti tipici...amano lo speziato. Mangiano chili di riso, colazione, pranzo e cena e lo cucinano in tantissimi modi diversi, accompagnandolo con pollo o pesce. Per ora della lingua so solo dire le cose essenziali, ma la sto studiando e spero di impararla il prima possibile perché qui non tutti sanno l’inglese. La scuola è molto diversa da quella italiana. Qui, dal mio punto di vista, non viene presa tanto seriamente: ogni tanto i professori non vengono in classe senza preavviso. Per esempio, la settimana scorsa si doveva fare una verifica d'inglese (che avrei fatto anche io) e la professoressa non si è presentata. Tutti i ragazzi erano tranquillissimi e io, convinta che potesse arrivare da un momento all'altro, ero l'unica in ansia che ripassava tutti i tempi. In classe siamo in 36 ragazzi, tantissimi rispetto alla classe in Italia, di 17.

Un'altra differenza che ho riscontrato tra la scuola di qui e quella italiana è che in Italia tutte le materie sono da studiare, niente lavori manuali o cose del genere. Qui abbiamo fatto sculture nel sapone e la settimana scorsa ci siamo truccati. L'ho trovato molto divertente. Inoltre studio giapponese e niente filosofia. E ci sono molte ore per la religione (4 a settimana, se non sbaglio).
Un'altra differenza che ho riscontrato tra la scuola di qui e quella italiana è che in Italia tutte le materie sono da studiare, niente lavori manuali o cose del genere. Qui abbiamo fatto sculture nel sapone e la settimana scorsa ci siamo truccati.

Rebecca

Da Udine in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    L’India non ti permette di restarle indifferente

    Namaste. Sono già passati due mesi; nonostante non siano molti, l'India mi ha già dato tanto da vedere, da vivere e da imparare. Durante la settimana vivo in una boarding school e ho già imparato alcune frasi in hindi,...

    Silvia

    Da Caltagirone in India per un anno

  • Prossima Storia

    Islanda: il luogo giusto per sbalordirsi ogni giorno

    Sono Blerta e sono in Islanda, più precisamente ad Höfn í hornafirði. Vi scrivo dal Paese del fuoco e del ghiaccio, dove nel 2010 c'è stata l'eruzione del vulcano Eyjafjallajokull (non è difficile come sembra...

    Blerta

    Da Milano in Islanda per un anno

  • Prossima Storia

    La magia della lingua

    Mai avevo riflettuto sull’importanza della mia lingua madre, mai mi ero resa conto di quanto sia un aspetto che fa parte della persona e che la definisce quanto la nazionalità, i valori o l’orientamento politico. Sono elementi...

    Marta

    Da Rimini in Colombia per un anno

  • Prossima Storia

    Strano come la vita possa cambiare in un secondo...

    CARO DIARIO26.08.2015Prendere quel volo per Bratislava e lasciare la mia casa, la mia famiglia, gli amici, le mie abitudini. Sono quattro giorni che vivo a Dežerice, eppure sembra già trascorso un mese; sto facendo davvero molte cose ...

    Paola

    Da Sessa Aurunca in Repubblica Slovacca per tre mesi

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here